The Omlet Blog

Insegna al tuo cane a nuotare

Richard Whately, nel 19 secolo accademico a Oxford e vescovo di Durham, insegnò la suo cane ad arrampicarsi sugli alberi sulle sponde del fiume Cherwell, e a tuffarsi in acqua dai rami.

Fortunatamente ci sono modi molto più semplici per insegnare al vostro cane a farsi un bagno. Ma la parola chiave nel precedente paragrafo è “insegnare”. Non tutti i cani sono nuotatori nati – bisogna insegnare loro le basi anche se molti sanno stare a galla e nuotare a loro modo fino a riva se li buttate in acqua. Ma questo non è sicuramente il modo più indicato per far approcciare il vostro cucciolo all’acqua!

Molti non devono avere alcun incoraggiamento e si lanciano nei fiumi, stagni e al mare appena gli si presenta l’occasione. Altri sono meno ansiosi di lanciarsi in acqua e alcune razze canine non sono affatto portate per il nuoto.

Distinguiamo tra le razze che amano l’acqua e non

Le razze che non hanno attitudine sono ad esempio i Boxer, bulldog inglese, bulldog francese, Pechinese e il Carlino, tutte hanno difficoltà a tenersi a galla. Con i loro musi schiacciati – il termine corretto è ‘brachicefalo’ – semplicemente non sono adatti al nuoto. Allo stesso modo, razze con testa ampia e muscolosi nella parte superiore come American bulldog e Staffordshire bull terriers non sono adatte al nuoto.

I cani che hanno le zampe corte fanno fatica a fare lunghi tragitti in acqua anche se sono in grado di destreggiarsi in acqua. Questo si applica alle razze come i Basset hound e i Bassotti.

Fare il primo bagno

Per i cani che in teoria sono buoni nuotatori ma che sono semplicemente un po’ nervosi o non abituati a fare il bagno, ci sono dei suggerimenti che vi aiuteranno a convincerlo in poco tempo.

  • Scegliete un posto dove l’acqua sia abbastanza bassa in modo che possiate recuperare il cane con facilità in caso entrasse in panico. Con un terreno digradante sarebbe l’ideale – bordo lago, un fiume piccolo, o una zona di costa tranquilla. Una piscina per bambini di solito è il primo approccio all’acqua per molti cani.
  • Scegliete un angolino tranquillo per ridurre le fonti di distrazione e far concentrare il cane sulla lezione di nuoto.
  • Tenete il cane con un guinzaglio lungo durante i primi approcci all’acqua.
  • Prendete un legno o un gioco per invogliarlo a entrare in acqua. Se voi entrate per primi, loro saranno più inclini a seguirvi. Alcuni si getteranno subito mentre altri si prenderanno del tempo per abituarsi all’idea. Non trascinateli o forzateli mai ad entrare.
  • Potete acquistare dei giubbetti da salvataggio per cani in caso fosse particolarmente nervoso o se non siete certi che sappia nuotare a seconda della sua conformazione fisica.
  • Una volta che il cane si è abituato a stare in acqua, invogliatelo a andare più al largo (difficile da fare in una piscina per bambini!) e incoraggiatelo a seguirvi. Si tratta solo di prendere confidenza.
  • Per aiutare quelli più nervosi a lasciarsi andare, provate a tenerli sotto la pancia per rassicurarli. Inizieranno a usare le zampe anteriori istintivamente e poi sollevate leggermente la loro parte posteriore così che inizieranno a muovere anche le zampe dietro per riconquistare l’equilibrio.
  • Quando tira con le zampe anteriori e spinge con quelle posteriori, il gioco è fatto. Ora potete mettervi alla prova ma state pronti a sorreggerlo in caso si stanchi o se va in ansia.
  • Tenete un asciugamano per asciugarlo appena uscito dall’acqua. Le razze piccolo possono raffreddarsi in poco tempo. Preparatevi ad una doccia se il cane si scrolla appena uscito dall’acqua!

Per molti cani il processo d’apprendimento sarà molto rapido. Molti cani da caccia nuotano con grande naturalezza – Terranova, Barboncini, Otterhounds, i vari Retrievers, Spaniels, Setters, and – sorpresa sorpresa – i cani d’acqua portoghesi o spagnoli ad esempio.

E state tranquilli – non dovrete insegnargli anche ad arrampicarsi sugli alberi!

This entry was posted in Cani