The Omlet Blog

Come occuparsi di un pappagallino

I pappagallini sono degli ottimi animali da compagnia. Il loro colorato piumaggio non solo rallegra ogni stanza ma sono anche socievoli ed intelligenti e sviluppano dei legami molto stretti con chi si occupa di loro. Però come per tutti gli altri animali, bisogna assumersi delle responsabilità e sarà vostro compito assicurarsi che siano felici e in buona salute. Queste sono le cose principali di cui occuparsi se volete tenere un pappagallino:

CIBO E ACQUA

Cercate per quanto possibile di dare ai vostri pappagallini l’equivalente nutrizionale di ciò che mangerebbero in natura. La base della loro dieta dovrebbe consistere in un buon mix di sementi e avere sempre accesso all’acqua e ad un osso di seppia. Le verdure a foglia verde e le erbe forniscono vitamine e minerali e si possono dare solo poche volte a settimana. Date loro della frutta solo una volta a settimana dato che contiene molti zuccheri. I contenitori di cibo e acqua devono essere rabboccati tutti i giorni e lavati durante la settimana.

Due volte l’anno i pappagallini faranno la muta e le loro piume lentamente cadranno per poi ricrescere. Per aiutarli in questa fase a restare in salute dovrete dar loro una dose extra di vitamine disciolte nell’acqua.

Come la maggior parte degli animali, i pappagallini preferiscono seguire una routine precisa. Dategli da mangiare e fateli uscire dalla gabbia più o meno alla stessa ora ogni giorno e se volete mettere una copertura sulla gabbia per la notte, è meglio farlo sempre. In questo modo i pappagallini sapranno sempre cosa accade intorno a loro e si sentiranno a loro agio, riducendo al minimo lo stress e l’ansia.

STIMOLAZIONE

I pappagallini sono creature molto socievoli ed è sempre meglio prendere una coppia, preferibilmente fratelli dello stesso sesso abituati a stare insieme. Se ne volete prendere uno solo allora lo dovrete trattare come un amico ed un compagno e passare molto tempo insieme a lui.

Molti pappagallini amano fare il bagno. In natura lo scopo principale del bagno consiste nel togliersi polvere e sabbia dalle penne e per rinfrescarsi e anche se in cattività non hanno queste esigenze, ameranno fare un bagno e sguazzare in acqua. Non dovete necessariamente avere una bagnetto nella gabbia ma potete posizionare una bottiglia d’acqua dove vanno a volare per casa ma è importante cambiare l’acqua tutte le volte che si sporca. Se il vostro pappagallino non sembra interessato, potreste provare con una doccetta in alternativa. Appendete alcune foglie bagnate (lattuga, basilico e prezzemolo sono le loro preferite) nella gabbia e guardateli che passano sotto.

Bisognerebbe dargli la possibilità di volare liberi (ma con una supervisione) fuori dalla gabbia per almeno 45 minuti al giorno anche se idealmente sarebbe meglio per alcune ore. Assicuratevi prima di farli uscire di gabbia che la stanza sia a prova di pappagallino. Chiudete porta e finestre, chiudete i fornelli e i ventilatori oltre che ai condizionatori d’aria e tenete gli altri animali fuori dalla stanza. I pappagallini sono intelligenti, molto socievoli e uccellini molto attivi e passeranno molto tempo con voi e la vostra famiglia.

VERIFICATE LA GABBIA

Controllate la gabbia ogni settimana per controllare che tutto sia in ordine e non ci sia nulla di rotto. I posatoi devono essere puliti e in buone condizioni. Giochi sono ottimi per la stimolazione mentale e incoraggiano anche l’attività fisica. are great for mental stimulation, they encourage physical exercise and wear the beak down. Cambiate ogni tanto i giochi per tenere alto l’interesse. Non dovete necessariamente comprarne sempre di nuovi ma potete usarli a rotazione.

CONTROLLARE LA SALUTE

Il becco e le unghie dei pappagallini crescono costantemente tutta la vita ed è importante che abbiano accesso a dei giochi che li aiutino a limarli. Nella maggior parte dei casi dovrete tagliar loro le unghie quando sono troppo lunghe. Acquistate delle forbici adatte allo scopo.

I pappagallini come molti altri animali selvatici, sono abili a nascondere il disagio fisico e il malessere ed è per questo che è importante fare dei controlli regolari sulla loro salute. Una volta che conoscerete bene il vostro pappagallino, sarà più facile capire se c’è qualcosa che non va.

Alcuni dei segnali di malattia includono un cambio nel peso, penne scolorite, interazione ridotta con gli umani e con i giochi, narici con croste e mancanza di piumaggio intorno agli occhi. Un altro modo per monitorare la salute è controllare le feci. La carta assorbente nella gabbia Geo aiuta questa operazione. Quando pulite settimanalmente la gabbia, verificate la quantità, il colore e la struttura delle feci. Possono a volte variare a seconda di cosa hanno mangiato ma devono comunque essere sempre compatte e la parte dell’urina trasparente e pulita. Se notate dei cambiamenti o avete sentore che ci sia qualcosa che non va, contattate il veterinario il prima possibile. Assicuratevi di andare da un veterinario specializzato in piccoli animali esotici ancor prima di aver preso il pappagallino così da avere già il numero in caso ci fosse necessità.

In caso di maggiori informazioni, verificate la sezione sulle malattie dei pappagallini sulla nostra guida.

This entry was posted in Pappagallini