The Omlet Blog

Notizie curiose sulla coda del cane

🔹 Lo scopo principale della coda è la comunicazione e diffondere informazioni personali sotto forma di feromoni. I cani hanno le ghiandole anali proprio sotto la coda che rilasciano degli odori che possono essere facilmente rilevati dagli altri cani. Quando il cane dimena la coda, i muscoli anali entrano in tensione e premono sulle ghiandole rilasciano molte informazioni. I movimenti ampi della coda possono aiutare a diffondere gli odori in un raggio ancora più ampio.

🔹 In una situazione in cui il cane preferisce tenere un profilo basso e non essere notato, magari se sono spaventati o sono titubanti, il cane avrà la coda tra le gambe per ridurre al minimo la diffusione di odori.

🔹 I cani che hanno una coda corta oppure nessuna coda sono limitati nelle comunicazioni e dovranno sviluppare altre modalità di comunicazione. Le orecchie ad esempio possono essere molto utili per mostrare agli altri cani i sentimenti.

🔹 Movimenti diversi della coda indicano emozioni diverse. Un leggero scodinzolio quando si incontra qualcuno può rappresentare un timido saluto mentre un movimento più ampio della coda significa un caloroso saluto non competitivo. Un cane che muove avanti e indietro la coda tenuta alta può mostrare segni di incertezza e che sta valutando dei potenziali rischi.

🔹 I cuccioli non scodinzolano quando nascono. Il primo mese e mezzo di vita lo passano mangiando e dormendo, senza interessi per il mondo circostante. Però nel momento in cui iniziano a socializzare, a circa 49 giorni di vita, iniziano a muovere la coda.

🔹 La coda può essere considerata come un prolungamento della colonna vertebrale. Proprio come la spina dorsale, la coda è composta da 5-20 vertebre, separate da dischi morbidi per consentire i movimenti e la flessibilità. Le vertebre sono più grandi alla base della coda e diventano man mano più piccole alla fine.

🔹 Le dimensioni e la forma della coda dei cani dipende dalle diverse razze a cui appartengono. La coda lunga e robustissima dei bassotti si dice che servisse da manico per tirarli fuori dalle tane di tasso mentre le code dei beagle hanno l’estremità bianca per facilitare la loro localizzazione a distanza al cacciatore mentre i labrador hanno la cosiddetta “coda a lontra” spessa e rotonda da utilizzare come timone mentre nuotano.

🔹 I cani non utilizzano la coda solo per comunicare ma anche per mantenere l’equilibrio. Se osservate un cane che corre velocemente come i Greyhound o un Whippet, vedrete la coda proprio attaccata dietro a loro che funge da contrappeso e aiuta il cane ad accelerare e voltare ad alta velocità.

🔹 Secondo alcuni studi effettuati sulle code dei cani, ci sono prove per cui a seconda di dove punta la coda, si indica una disposizione d’animo. Uno stimolo positivo (cibo oppure la vista del padrone) fa muovere la coda del cane verso destra mentre gli stimoli negativi (ad es. una minaccia sotto forma di un cane aggressivo) fa muovere la coda verso sinistra.

This entry was posted in Cani