The Omlet Blog

Cosa sono gli acari rossi e perché sono il peggior incubo degli allevatori di galline?

Sono rossi, assomigliano ad un ragno, vive in colonie molto grandi e strisciano fuori la notte per succhiare sangue alle galline. Come gli incubi anche questi insetti sono preoccupanti – finché non vi renderete conto che è facile svegliarsi e realizzare che è solo un sogno. Le creature in questione – gli acari rossi – misurano meno di un millimetro in lunghezza, e non è difficile cacciarli dal pollaio.

L’acaro rosso può vivere – e nutrirsi – su una gran varietà di ospiti, esseri umani inclusi, se solo ne hanno la possibilità. Ma la sua passione per gli uccelli selvatici la porta in contatto con uno dei suoi obiettivi preferiti – le galline. Se in giardino ci sono degli uccelli allora probabilmente ci sono anche gli acari rossi.

Conosci il tuo nemico

L’acaro rosso, Dermanyssus gallinae, è un parassita che si nasconde negli anfratti bui dei ricoveri delle galline e striscia fuori la notte in grandi quantità per succhiare il sangue. Quando sono adulti misurano circa 0.75mm e hanno gambe simili ai ragni. Prima di nutrirsi gli acari sono grigiastri marroni – il colore rosso deriva dal sangue che hanno succhiato. Una volta che si sono ingozzati, gli acari rossi tornano a nascondersi. Sono anche pazienti. Si sa che possono sopravvivere fino a 10 mesi in pollai vuoti.

Le galline infestate avranno croste e ferite, potrebbero soffrire di anemia (causata dalla perdita di sangue che si manifesta con una cresta e bargigli sbiaditi) e potrebbero iniziare a perdere le penne. La produzione delle uova calerà. Se le galline sono ancora giovani, una ingente perdita di sangue e il conseguente shock potrebbero essere fatali. Uno dei problemi maggiori nel fare la diagnosi è che gli acari si nascondono mentre esaminate l’animale (non li vedrete chiaramente come le pulci). Ciò nonostante questi segnali fisici vi dovrebbero spronare ad agire prontamente e a cercare i potenziali rifugi nascosti degli acari,.

Se gli acari sono visibili sulle galline tutto il tempo invece che sparire durante il giorno, potreste avere un’infestazione di Acari del Nord (Northern Fowl Mite). Stessi problemi, animale differente – i consigli che diamo in quest’articolo si applicano anche a questi parassiti.

Come sconfiggere gli acari

Dato che normalmente si nutrono di notte, potreste non localizzarle subito. Dovete cercare i loro nascondigli. Gli angoli e le crepe del pollai in legno sono i loro posti preferiti assieme ai posatoi. Una volta scovati, dovrete eliminarli con l’aiuto di una polvere o liquido anti-acari che non sia nocivo per le galline. Ci sono due tipi di prodotti per eliminare questi parassiti – il primo tipo si spruzza o polverizza nel pollaio e tutte le attrezzature mentre il secondo si applica direttamente sulle galline.

E’ indispensabile rimuovere tutti i nidi e l’intera struttura deve essere lavata con acqua calda – un’idropulitrice spesso è un’ottima alleata in questa battaglia – prima di trattare con un prodotto anti-acari.

Una volta eliminati gli acari, la prevenzione è il miglior sistema per tenere la situazione sotto controllo. Lavaggi regolari del pollaio e di tutte le altre superfici in cemento, plastica o legno nell’area dei polli aiuterà in questo senso. E’ particolarmente importante portare a termine queste operazioni specialmente nei mesi estivi, quando la popolazione degli acari esplode.

Alcuni allevatori di galline hanno riscontrato che il biossido di carbonio è un buon anti-acari sotto forma di ‘ghiaccio freddo’ o spruzzato direttamente, ma non ci sono ancora evidenze veterinarie su questa procedura.

Un altro metodo per tener lontani gli acari rossi è di tenere le galline in un pollaio con pochi angoli e fessure – ad esempio in plastica invece che in legno. I pollai in plastica sono molto più facili da tener puliti e igienizzati e la regina dei pollai è Eglu.

Non potete evitare le infestazioni di acari e altri insetti ma potete facilmente tenerle a bada. Una volta terminato l’incubo voi e le galline dormirete sonni tranquilli.

This entry was posted in Estate