The Omlet Blog

Category Archives: Cani

Fido Nook vs. Fido Studio – Qual’è il migliore secondo te?

Una cuccia chiusa per il cucciolo o per il cane ha molti vantaggi. Crea uno spazio che va al di là della semplice cuccia a terra, è un posto in cui il cane può tornare quando è stanco ed è solo suo. E’ l’ideale per quei momenti in cui il cucciolo si sente sopraffatto dal caos della casae ha bisogno di un po’ di quiete. Una cuccia chiusa terrà anche il cucciolo alla larga da un posto della casa che è stato proibito. Inoltre una cuccia chiusa aiuta a riposare meglio, è l’ideale per l’addestramento del cucciolo e consente al cane di essere più indipendente dal padrone. E, cosa più importante di tutte, i cani la adorano!

Omlet propone due ottime soluzioni per chi ha già un cane o per chi aspetta un nuovo cucciolo Fido Studio e Fido Nook. Entrambe sono vendute in due dimensioni diverse per adattarsi a tutte le razze e con l’opzione del guardaroba per tenere in ordine tutte le cose del cane. Il guardaroba poi può essere ulteriormente organizzato con scaffali, ganci e un appendiabiti insieme ad uno specchio così da darsi una rimirata prima di andare a passeggiare al parco!

Sia Fido Nook che Fido Studio sono eleganti, moderne cucce chiuse ma qual’è la differenza tra le due? Questi sono i principali dettagli da tenere in considerazione per capire quale si adatta meglio alle vostre necessità:

  • Con Studio, la gabbia è completamente integrata con il mobile, mentre può essere rimossa da Nook. Il facile meccanismo di sblocco su Nook permette di bloccare la gabbia mentre la state usando e di toglierla quando poi il cucciolo è cresciuto.
  • Nook non solo si integra perfettamente in casa con il resto dell’arredamento ma grazie alla possibilità di sganciare e togliere la gabbia, potrete anche metterla in macchina per tenere il cane al sicuro mentre viaggiate o se passate la notta da qualche altra parte.
  • Sia Studio che Nook sono in vendita in un elegante bianco che si adatta perfettamente a tutti gli interni. Studio è disponibile anche color nocciola.
  • Con Fido Nook puoi aprire la porta della gabbia sul davanti. Se invece scegliete Fido Studio, il cane ha accesso alla gabbia da due accessi, di fronte o di lato. Questo è utile se volete posizionare Fido Studio in uno spazio ristretto.
  • Se deciderete di togliere la gabbia da Nook una volta che il cane è adeguatamente addestrato e sentite che non ce n’è più bisogno, Nook resta comunque uno spazio apposta per la cuccia del cane.
  • Senza la gabbia, potrete ulteriormente personalizzare Nook con delle bellissime tendine. Aiuteranno a creare un confortevole spazio riparato dal mondo esterno che gli permetterà di avere un po’ più di privacy.
  • Anche se tutte e due sono molto simili, hanno delle differenze e magari preferite una piuttosto che l’altra. Va bene, non dovete spiegazioni a nessuno!

Sia che scegliate Studio o Nook, siamo assolutamente certi che il cane apprezzerà la possibilità di avere uno spazio tutto suo in casa e siamo anche sicuri che voi apprezzerete l’aspetto e la comodità dei prodotti Omlet così come l’opportunità di tenere in ordine le cose del cane nel guardaroba integrato!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


6 razze di cani che non hai mai sentito nominare

Azawakh

Gli Azawakh sono originari del Sahel area a sud del Sahara, dove tuttora affianca i popoli nomadi a guardia delle greggi di pecore e capre da predatori e nemici. In precedenza erano utilizzati nella caccia alla gazzella e della lepre nelle lande desolate del deserto.

L’Azawakh è un cane asciutto e di grande taglia con zampe lunghe; i muscoli e le ossa sono facilmente distinguibili attraverso la pelle sottile.

E’ un cane leale che crea dei legami molto stretti con i suoi padroni e devono essere abituati a stare per conto loro per evitare i rischi da ansia da separazione. Questa razza necessita di correre senza freni e assicuratevi che possano farlo in un’area sicura. L’istinto alla caccia può essere molto forte ma sono intelligenti e facilmente addestrabili ed è possibile portarli in passeggiata anche senza guinzaglio.

Cane Leopardo della Catahoula

Il Cane Leopardo della Catahoula è originario dello stato della Louisiana e inizialmente era utilizzato per la caccia alla grossa selvaggina e in seguito per i cinghiali. Viene tuttora utilizzato come cane da lavoro con vari scopi inclusa la pastorizia dato che è conosciuto per la sua agilità, intelligenza e forza.

Si tratta di un cane di taglia media con pelo raso che può avere varie colorazioni, disegni e colore degli occhi. Il Cane Leopardo della Catahoula possono diventare degli ottimi cani da compagnia ma devono avere i giusti stimoli. E’ anche importante addestrarli e farli socializzare fin da subito dato che c’è il rischio che diventino territoriali e iperprotettivi.

Caucasian Ovcharka / Cane da pastore del Caucaso

Come suggerisce il nome, questa razza gigante di cani è originaria del Caucaso, un’area tra il Mar Nero e il Mar Caspio dove è stato utilizzato per le mandrie di bestiame.

E’ un cane estremamente indipendente, senza paura e intelligente che può essere molto territoriale e protettivo per cui richiede dei proprietari esperti che possano fornire molto addestramento e un’accurata socializzazione per tutta la loro vita. Questo contrasterà il potenziale comportamento aggressivo soprattutto verso gli altri cani.

I Caucasian Ovcharka richiedono moltissimi stimoli fisici e mentali. Se non lavorano rischiano di passare le giornate a dormire e rischiano l’obesità per cui necessitano di molte passeggiate e giochi di riporto.

Schipperke

Schipperke significa piccolo cane da pastore in Fiammingo, di dove è originaria la razza. Ha anche una storia come cane da guardia e cacciatore di topi sui battelli olandesi e belgi. Oggigiorno è principalmente un cane da compagnia anche se resta comunque un buon cane da guardia e faticherete a trovare un compagno più leale di lui.

Dato che lo Schipperke è una razza da lavoro, dovrete sempre cercare di stimolarlo e tenerlo attivo per evitare comportamenti distruttivi ma sarà relativamente facile perché apprezza qualunque cosa fintanto che è con il suo padrone!

Cane da pastore di Piccardia

Il cane da pastore di Piccardia è facilmente riconoscibile grazie alle sue grandi orecchie a punta, il pelo ondulato e tigrato e la coda ad uncino. Il nome viene dalla regione di cui è originaria la razza, la Piccardia, in Francia ed è uno dei più antichi cani da pastore della Francia.

Sono cani estremamente attivi e sono i perfetti compagni per una persona che ama le lunghe corse, gli sport e gli stimoli mentali sotto forma di obedience. Se vi potete permettere solo una passeggiatina intorno a casa, il cane da pastore della Piccardia non fa per voi!

La razza è stata riconosciuta nel 1925, ma è praticamente scomparsa dopo le guerre mondiali. Alcuni entusiasti amanti della razza hanno ricreato dei riproduttori ma è comunque ancora molto raro.

Pumi

Il Pumi è il risultato di una selezione tra le razze del famoso cane da pastore Ungherese, il Puli e i cani da pastore francesi e tedeschi e i terrier. Questo ha conferito alla razza il suo temperamento vivace, intelligente e attivo.

I Pumi amano lavorare ma anche rilassarsi con la famiglia. E’ una razza socievole che ben si adatta ad una famiglia attiva che può tenerlo in movimento durante il giorno e riempirlo di coccole sul divano la sera.

Il pelo ricco di solito grigio o nero richiede un po’ di lavoro ma non ne perde.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


Notizie curiose sulla coda del cane

🔹 Lo scopo principale della coda è la comunicazione e diffondere informazioni personali sotto forma di feromoni. I cani hanno le ghiandole anali proprio sotto la coda che rilasciano degli odori che possono essere facilmente rilevati dagli altri cani. Quando il cane dimena la coda, i muscoli anali entrano in tensione e premono sulle ghiandole rilasciano molte informazioni. I movimenti ampi della coda possono aiutare a diffondere gli odori in un raggio ancora più ampio.

🔹 In una situazione in cui il cane preferisce tenere un profilo basso e non essere notato, magari se sono spaventati o sono titubanti, il cane avrà la coda tra le gambe per ridurre al minimo la diffusione di odori.

🔹 I cani che hanno una coda corta oppure nessuna coda sono limitati nelle comunicazioni e dovranno sviluppare altre modalità di comunicazione. Le orecchie ad esempio possono essere molto utili per mostrare agli altri cani i sentimenti.

🔹 Movimenti diversi della coda indicano emozioni diverse. Un leggero scodinzolio quando si incontra qualcuno può rappresentare un timido saluto mentre un movimento più ampio della coda significa un caloroso saluto non competitivo. Un cane che muove avanti e indietro la coda tenuta alta può mostrare segni di incertezza e che sta valutando dei potenziali rischi.

🔹 I cuccioli non scodinzolano quando nascono. Il primo mese e mezzo di vita lo passano mangiando e dormendo, senza interessi per il mondo circostante. Però nel momento in cui iniziano a socializzare, a circa 49 giorni di vita, iniziano a muovere la coda.

🔹 La coda può essere considerata come un prolungamento della colonna vertebrale. Proprio come la spina dorsale, la coda è composta da 5-20 vertebre, separate da dischi morbidi per consentire i movimenti e la flessibilità. Le vertebre sono più grandi alla base della coda e diventano man mano più piccole alla fine.

🔹 Le dimensioni e la forma della coda dei cani dipende dalle diverse razze a cui appartengono. La coda lunga e robustissima dei bassotti si dice che servisse da manico per tirarli fuori dalle tane di tasso mentre le code dei beagle hanno l’estremità bianca per facilitare la loro localizzazione a distanza al cacciatore mentre i labrador hanno la cosiddetta “coda a lontra” spessa e rotonda da utilizzare come timone mentre nuotano.

🔹 I cani non utilizzano la coda solo per comunicare ma anche per mantenere l’equilibrio. Se osservate un cane che corre velocemente come i Greyhound o un Whippet, vedrete la coda proprio attaccata dietro a loro che funge da contrappeso e aiuta il cane ad accelerare e voltare ad alta velocità.

🔹 Secondo alcuni studi effettuati sulle code dei cani, ci sono prove per cui a seconda di dove punta la coda, si indica una disposizione d’animo. Uno stimolo positivo (cibo oppure la vista del padrone) fa muovere la coda del cane verso destra mentre gli stimoli negativi (ad es. una minaccia sotto forma di un cane aggressivo) fa muovere la coda verso sinistra.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


Una elegante coperta GRATIS se acquistate la cuccia Bolster della Omlet

Cogliete l’opportunità di rinnovare la cuccia dei vostri animali grazie alla cuccia Bolster della Omlet. Disponibile in tre dimensioni e tre splendidi colori; il materasso in memory foam di prima qualità supporta il vostro pet durante i suoi riposi mentre la copertura che è lavabile in lavatrice è robusta e nello stesso tempo morbida a contatto con il vostro animale.

Solo per un periodo limitato di tempo, avrete GRATIS una elegante e super soffice coperta se acquistate una cuccia Bolster. Inserite la cuccia nel carrello e la coperta verrà automaticamente aggiunta all’ordine!

Termini e condizioni
L’offerta della coperta super soffice gratis se acquistate una cuccia per cani o gatti Bolster della Omlet è valida dal 02/04/2020 fino a mezzanotte del 06/04/2020. Una volta che avrete aggiunto la cuccia Bolster al carrello, la coperta si aggiungerà con un codice sconto automatico. La coperta in omaggio sarà delle dimensioni della cuccia acquistata. Le coperte aggiunte manualmente non verranno scontate. In caso la coperta non si aggiungesse automaticamente, utilizzate il codice sconto BLANKET24 se acquistate una cuccia Bolster 24, BLANKET36 per la cuccia Bolster 36 e BLANKET42 per la cuccia Bolster 42. Soggetta a disponibilità. Omlet ltd. si riserva il diritto di cancellare in ogni momento l’offerta. L’offerta non si applica su sconti pre-esistenti o in congiunzione con altre offerte.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


Come insegnare al cane il comando ‘Vai a cuccia’

Dogtor Adem, fondatore e proprietario di Dog-Ease, è un comportamentalista e un addestratore di cani da oltre 15 anni. In questo post, Adem vi mostrerà come insegnare al cane il comando “vai a cuccia”.


Utilizzando la favolosa cuccia Bolster, ho collaborato con Omlet per guidarvi sui principi basilari per insegnare al cane il comando ‘Vai a Cuccia’. ‘Vai a cuccia’ è un esercizio utile per i proprietari dei cani e può essere utilizzato in diverse situazioni, dal poter aprire la porta di casa sapendo che il cane è a cuccia al riparo da potenziali rischi esterni, fino a far entrare in casa ospiti o a far accucciare il cane su una coperta mentre siete in visita da amici o al bar!

Inoltre mentre insegnate questo comando, potete anche iniziare ad insegnare loro i comandi di base ‘seduto’, ‘piede’, ‘terra’ e ‘lascia’. In fin dei conti è un ottimo esercizio che vi aiuterà a comunicare con il vostro cane in maniera efficace oltre ad insegnare al cane a capire tutta una serie di comandi che saranno utili nella vita di tutti i giorni e in una vasta serie di situazioni.

DI COSA AVETE BISOGNO

  • Una cuccia confortevole (posso garantire per la cuccia Bolster!)
  • Dei bocconcini appetitosi
  • Guinzaglio e collare
  • Una zona libera dove potrete allontanarvi di almeno 5-10 passi dalla cuccia

CONSIGLI UTILI PER INIZIARE L’ADDESTRAMENTO

1) Per insegnare al cane il comando ‘vai a cuccia’, segui i passi indicati qui sotto. Inizia lentamente, prenditi il tempo necessario per ogni step. Il cane avrà bisogno di tempo per assimilare e comprendere tutti i passaggi. L’addestramento è pensato per essere portato avanti e ripetuto nel tempo. Il cane non imparerà il comando in un solo giorno! Esattamente come noi, il cane ha bisogno di tempo per elaborare, far pratica per apprendere appieno le nuove competenze. E’ perfino più difficile imparare un esercizio quando loro parlano ‘canese’ mentre noi parliamo ‘umano’! Il nostro compito come insegnanti è di aiutarli a capire la nostra lingua. Per questo ci vorrà tempo e pazienza.

2) Utilizzate i bocconcini per premiare il cane quando riesce a portare a termine quello che gli state chiedendo. Date il bocconcino nel momento in cui esegue il comando che state dicendo, ad esempio seduto, aiutatelo ad associare la parola che state pronunciando con quello che stanno eseguendo in quel momento.

3) Portate avanti l’addestramento in maniera positiva. Evitate di sgridare il cane e non forzatelo mai nella posizione. Non capiranno il significato e potrebbero fare delle associazioni negative. Se il cane non comprende è perché non hanno fatto la giusta connessione tra quello che state dicendo e quello che dovrebbero fare loro. Tornate indietro di uno step, se necessario. E’ il vostro compito essere degli insegnanti capaci e pazienti!

4) Fate esercizi per poco tempo ma spesso. Sarebbe l’ideale fare 10-15 minuti di esercizi almeno una volta al giorno.

5) Terminate la sessione di addestramento positivamente e con un ‘premio’. Accettate le piccole vittorie e i piccoli progressi perché se forzerete troppo alla fine il cane non riuscirà ad apprendere. Se questo accade, ritornate a quello che sapeva fare bene e ripartite da lì. Potrete passare allo step successivo un altro giorno. Il vostro cane deve amare quello che sta imparando e quello che ha ottenuto, anche se poco, incoraggiatelo a collegare quello che state dicendo, ciò che significa e cosa dovrebbero fare di conseguenza. Questo li renderà volenterosi la prossima volta che gli insegnerete qualcosa!

6) Una volta che avrete padroneggiato gli step da 1-5, ripetete di nuovo usando i suggerimenti su ‘COME PROGREDIRE’ per proseguire l’addestramento.

7) Non portate avanti questo tipo di addestramento se il cane mostra segni di possessività o aggressività nei confronti del cibo o per degli oggetti dato che potrebbe mettere a rischio voi o il vostro cane. Dovreste invece farvi consigliare da un comportamentalista qualificato.

E ora iniziamo…

FASE UNO: Preparate la zona della cuccia e con il cane al guinzaglio camminate verso la cuccia

Come sottolineato precedentemente, assicuratevi di aver posizionato la cuccia in un’area senza ostacoli. Idealmente dovreste potervi allontanare di 5-10 passi dalla cuccia in linea retta. Prendete il cane al guinzaglio e tenete pronti i premietti – preferibilmente in un sacchetto apposito o in una tasca di facile accesso in modo da tirarli fuori rapidamente per premiare il cane per i risultati ottenuti e la sua collaborazione!

Una volta che avrete preparato l’area della cuccia, avrete i bocconcini a portata di mano e il cane al guinzaglio, avanzate verso la cuccia. Per le prime volte non dovete camminare troppo velocemente, 5 passi sono sufficienti in questa prima fase iniziale!

Se il vostro cane non conosce il comando ‘cammina a fianco’, tenete in mano un bocconcino mentre camminate in modo da incoraggiarlo a camminare accanto a voi senza farlo tirare al guinzaglio. Date un premietto come ricompensa quando date il comando ‘piede’ quando il cane assume la posizione richiesta accanto a voi. All’inizio magari è necessario che teniate il bocconcino vicino al naso del cane se non capisce il comando per aiutarlo a restare vicino a voi mentre cammina.

COME PROGREDIRE

  1. Aumentate la distanza tra voi e la cuccia in modo da dover camminare di più.
  2. Quando insegnate ‘piede’, iniziate ad allontanare il bocconcino dal naso in modo da farli camminare a guinzaglio senza che siano guidati dall’odore del premio. Una volta che il cane avrà compreso di restare accanto a voi potete procedere a camminare ‘al piede’ con il bocconcino in tasca, lasciando cadere il guinzaglio a terra e poi finalmente eliminarlo del tutto! Fate tutto con calma se il vostro cane non conosce già il comando.

FASE DUE: Chiedete al cane di ‘sedere’ davanti alla cuccia

Fermatevi davanti alla cuccia e tenendo un bocconcino davanti al naso del cane, guidatelo nella posizione ‘seduto’. Appena appoggia il sedere a terra, ripetete il comando ‘seduto’ in modo che possa associare questa parola all’azione del sedersi. Dategli un bocconcino per aver assunto la posizione solo se non conosceva il comando.

SUGGERIMENTO: Se non glielo avevate già insegnato, il cane non capirà il comando come ‘piede’ o ‘seduto’ all’inizio. E’ vostro compito in qualità di loro educatori, essere chiari ed aiutarli ad apprendere. Dite sempre e soltanto il comando quando il cane sta effettuando fisicamente l’azione che desiderate in modo che possa imparare a capire quello che volete da lui. Assicuratevi di dargli il bocconcino come premio in un paio di secondi.

COME PROGREDIRE

  1. Quando il cane si siederà a comando utilizzando il bocconcino, iniziate a completare la FASE 2 senza dargli il bocconcino in modo che il cane inizi a comprendere il significato della parola quando la pronunciate.

FASE TRE: Posizionate un bocconcino dietro la cuccia e riportate il cane alla posizione di partenza

Tenendo il guinzaglio in una mano, usate l’altra mano per posizionare un bocconcino dietro la cuccia del cane

Utilizzando un secondo bocconcino, allontanate il cane dalla cuccia e dal primo bocconcino che avete posizionato. Mentre vi allontanate dalla cuccia e dal primo bocconcino, date il comando ‘lascia’. Ricorda come per ‘piede’ e ‘seduto’, dai il comando ‘lascia’ mentre ti stai allontanando e il cane agisce correttamente seguendoti invece di andare verso il bocconcino dietro la cuccia. Per incoraggiare il cane ad allontanarsi, posiziona il bocconcino proprio davanti al suo naso per aiutarlo all’inizio a capire cosa volete da lui e per incentivarlo a seguirvi.

Tornate indietro alla posizione di partenza utilizzando il comando ‘piede’. Ricordate di guidare il cane con il bocconcino, come prima, fino alla posizione iniziale. Tenete il bocconcino vicino al loro naso per iniziare, in modo da aiutarli a camminarvi accanto finché non capiranno il comando.

SUGGERIMENTI: Mentre conduci via il cane dal bocconcino, rendi più facile l’operazione di farti seguire girandoti verso il cane e frapponendoti tra lui e il bocconcino. Questo aiuterà a limitare la ‘tentazione’ di avanzare verso la cuccia e il bocconcino!

PERCHE’ INSEGNARE IL COMANDO LASCIA?

Il comando ‘lascia’ può essere utile nella vita di tutti i giorni per far lasciare il giocattolo di un bambino che non è adatto per cani, per fargli lasciare un boccone di cibo trovato per caso per strada e che potrebbe essere pericoloso. E’ utile per aiutare il cane a capire cosa è suo e cosa no ma anche per evitare che ingerisca oggetti pericolosi o del cibo avvelenato.

COME PROGREDIRE

  1. Aumentate la distanza tra voi e la cuccia in modo che dobbiate camminare di più.
  2. Quando ripetete l’esercizio ‘piede’, iniziate ad allontanare il bocconcino dal naso in modo che cammini tranquillamente al guinzaglio senza essere guidato dal profumo del premietto. Una volta che il cane avrà compreso di restarvi accanto potrete mettere il guinzaglio in tasca, poi lasciarlo a terra e finalmente eliminarlo completamente! Fate tutto con calma se il vostro cane non conosce già il comando piede.

FASE QUATTRO: Giratevi verso la cuccia e ‘mandate’ il vostro cane alla cuccia utilizzando il comando ‘vai a cuccia’

Una volta tornati alla posizione di partenza, giratevi verso la cuccia e continuate a usare il bocconcino per guidare il cane nella posizione ‘seduto’ ancora una volta. Date il premietto quando date il comando per premiare positivamente l’azione che il cane compie.

In seguito camminate con il cane verso la cuccia mentre dite ‘vai a cuccia’ mentre il cane avanza (il premietto è sempre dietro la cuccia!)

COME PROGREDIRE

  1. Così come per il comando ‘piede’, bisognerà che il cane impari a farlo senza guinzaglio. Iniziate lasciando il guinzaglio pendere e mandate il cane ‘vai a cuccia’. Potete rinforzare il comando con un gesto della mano come ad esempio indicando la cuccia per aiutarlo a capire.
  2. Completate questa fase con il cane senza guinzaglio e dite ‘vai a cuccia’.

FASE CINQUE: Consentite al cane di trovare il bocconcino, pronunciate il suo nome in modo che si giri verso di voi e poi chiedetegli di sedersi mentre è sulla cuccia

Dopo aver camminato o aver inviato il cane a cuccia, consentitegli di trovare il bocconcino che avevate precedentemente nascosto dietro la cuccia. In seguito, pronunciate il suo nome per attirare la sua attenzione e, usando se necessario, un altro bocconcino, chiedetegli o guidatelo nella posizione ‘seduto’. A questo punto dovrebbe essere seduto nella sua cuccia e quindi ha terminato di portare a termine il comando ‘vai a cuccia’ nella sua forma più semplice! Spostatevi a fianco del vostro cane (così non dovrà avanzare o scendere dalla cuccia) e dategli il premietto gustoso per essersi seduto sulla cuccia.

COME PROGREDIRE

  1. Dopo aver ripetuto l’esercizio varie volte, utilizzate il bocconcino per farlo sdraiare sulla cuccia invece di dare il comando seduto. Dite la parola ‘terra’ nel momento in cui assume la posizione correttamente. Premiatelo come prima posizionandovi al suo fianco invece che di fronte a lui per incoraggiarlo a restare sdraiato sulla cuccia.
  2. Quando finalmente il cane avrà preso confidenza con il comando e resterà sdraiato tutte le volte che pronunciate terra, aumentate la distanza da cui date il comando. Se lo fa correttamente aumentate la distanza ogni volta di uno o due passi. L’obiettivo finale è di riuscire a dare il comando dall’altra parte della stanza e che il cane risponda correttamente! Come prima, tornate indietro e posizionatevi accanto a lui al termine dell’esercizio per premiarlo.

Avete finito, tutte e cinque le fasi per insegnare al vostro cane ad ‘andare a cuccia’ sono completate! Ripetete varie volte, la ripetizione dell’esercizio unito ai vostri comandi precisi e il premiare le loro azioni aiuterà il cane a capire esattamente cosa volete da lui.

Fatemi sapere come va!

Dogtor™ Adem
Top UK Dog Addestratore e Comportamentalista
Proprietario di Dog-ease Training
www.dog-ease.co.uk

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Addestramento


Lista della spesa per l’arrivo di un nuovo cucciolo

Sta per arrivare un nuovo cucciolo – congratulazioni! Portare a casa un cucciolo è sicuramente un’esperienza eccitante ma può anche essere impegnativa dato che il nuovo amico richiederà continue attenzioni e cure. Per evitare lo stress di non avere le cose giuste a portata di mano una volta che il cucciolo è già a casa, assicuratevi di fare la spunta a queste cose essenziali per un cucciolo prima che si trasferisca da voi!

✔️ Trasportino

Molti allevatori abituano i cuccioli al trasportino fin da piccoli e molti addestratori raccomandano questo metodo come modalità per agevolare la transizione in una nuova casa e renderla il meno stressante possibile.

Il trasportino rappresenta un luogo sicuro e protetto per il cucciolo, un posto dove ritornare quando è stanco o spaventato e che sa essere solo suo. La cuccia Fido Nook 2-in-1 elegante trasportino chiuso e cuccia è la soluzione ideale. Posizionate la cuccia all’interno della struttura e rendetela confortevole e comoda. Una volta che il cucciolo sarà ben addestrato, potrete decidere se continuare a lasciarla dentro oppure tirarla fuori. Fido Nook è anche disponibile con un super efficiente guardaroba dove mettere tutte le cose del cane, una maniera comoda ed elegante che ben si adatta agli ambienti di casa.

Ricordate che i cuccioli crescono rapidamente, prendete un trasportino che vada bene anche quando il cucciolo sarà diventato adulto.

✔️ Cuccia & Coperta

I cuccioli che sono in crescita, passano buona parte della giornata a dormire e per questo hanno bisogno di una cuccia confortevole dove stare. La cuccia della Omlet Bolster ha un materasso in memory foam che si adatta perfettamente al corpo del cane, garantendo il giusto supporto e comodità dopo tante ore di gioco. Come plus, la fodera è rimovibile e lavabile in lavatrice così da non temere le macchie di fango e sporco.

Assicuratevi di lasciare al cucciolo una coperta super soffice in cui avvolgersi. Posizionare una coperta nella cuccia significa che il cucciolo la associerà a casa e potrà essere utilizzata come conforto quando siete fuori e state facendo nuove esperienze!

✔️ Alimentazione e ciotole

Probabilmente l’allevatore vi avrà già dato istruzioni sull’alimentazione del cucciolo nelle prime settimane ed è bene attenersi a quelle per evitare di scombussolare il delicato equilibrio dei loro pancini. Dopo un po’ potrete gradualmente introdurre il cibo che avrete scelto per la sua alimentazione. Assicuratevi che sia di ottima qualità ed adatto a cuccioli in crescita come questo della Arden Grange che è confezionato con pollo fresco.

Acquistate le ciotole per il cibo e l’acqua che siano delle giuste dimensioni non troppo profonde perché i cuccioli non facciano pasticci ma che siano stabili e non si rovescino. E’ una buona idea prendere anche delleciotole da viaggio da portare con voi nelle esplorazioni.

✔️ Bocconcini per addestramento

La chiave per avere un cane ben educato e addestrato è di incoraggiarlo e rinforzare i buoni comportamenti. Assicuratevi di avere sempre a disposizione tanti piccoli premietti da dare al cucciolo quando si comporta bene. Il mondo può essere minaccioso per un cucciolo che sta imparando cose nuove e, sapendo che darete loro sempre tanto amore e protezione – e deliziosi bocconcini – creerete fin da subito un legame indissolubile.

✔️ Giochi da mordere

I cuccioli amano masticare e tutti coloro che hanno avuto un cucciolo, sanno quanti danni possono fare i dentini aguzzi che hanno, sui cuscini del divano o sugli stivali in pelle preferiti. Dai al tuo cane dei giochi da masticare per calmare il prurito e calmare i bollenti spiriti. Magari provatene qualcuno per trovare le giuste dimensioni e durezza in moda da avere poi una selezione a portata di mano.

✔️ Collari & Guinzagli

Appena il cucciolo sarà pronto ad affrontare il mondo esterno, avrà bisogno di un elegante collare su cui incidere il numero di telefono e nome. Ne abbiamo di tantissimi tipi in negozio, così sarete certi di trovare quello giusto per voi e il vostro cane. Abbinatelo con un guinzaglio o una pettorina, della semplice ed elegante collezione Urban cuccioli per arrivare ai lussuosi e morbidi guinzagli in pelle della Cloud7.

Queste sono le cose più importanti da fare prima di andare a prendere un cucciolo e portarlo a casa. Scoprirete che ci sono molte altre cose che è utile avere, come ad esempio l’attrezzatura per la toelettatura, un taglia unghie, prodotti per la pulizia, e anche un giubbotto o un cappotto per cani, ma queste cose le scoprirete con calma quando avrete passato del tempo con il nuovo membro della famiglia!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


Le 10 razze di cani più intelligenti

Tutti i cani sono intelligenti. Questo perché i loro antenati, i lupi sono molto astuti e il cervello dei cani ha avuto un ottimo punto di partenza. Perfino le razze che vengono descritte come “amabilmente sprovvedute” sono comunque relativamente intelligenti se comparate con la maggior parte degli altri animali!

La questione del perché i lupi e di conseguenza i cani siano intelligenti è semplice. Cacciano, in branco, utilizzando varie strategie, incluso l’accerchiamento (come si fa col bestiame); hanno una struttura gerarchica con un cane ‘al comando’, alfa, e diversi gregari sottomessi. Alla luce dei fatti, essere un cane è una faccenda complessa e solo una mente di prim’ordine sarà in grado di sopravvivere.

I cani domestici più intelligenti quindi, sono quelli che hanno un pizzico di spirito ancestrale dei lupi. Questo istinto si rivela in due modi – i pastori e i cani da caccia.

Che cosa rende intelligente un cane?

Da esseri umani tendiamo a giudicare gli altri animali con i nostri parametri. Ecco perché i cani che rispondono bene all’addestramento e imparano ad obbedire sono quelli che riteniamo super-intelligenti. Questo significa che i cani allevati per relazionarsi con noi, per ascoltarci ci sembrano più umani nei loro comportamenti. Razze più indipendenti, o quelle che inseguono un coniglio dopo che gli avete insegnato mille volte di non farlo può essere giudicato più duramente (primi fra tutti i Beagle e i cani da caccia!)

Inoltre se parliamo di cervello, sembra che le dimensioni contino. Le razze di taglia grande sono quelle con più materia grigia (con l’eccezione di quel piccolo genio del Papillon). Ancora una volta dipende dalle razze.

Molti cani di piccola taglia hanno dei geni associati al nanismo (ad es. i Pechinesi, gli Shitzu, i Carlini), e questi hanno cervelli di piccole dimensioni. Molti altri cani di piccola taglia, sono terrier (come i Jack Russell o gli Scottish Terrier). Queste sono razze che derivano da versioni più grandi – sono le miniature di cani più grandi, se preferite. Come il resto del corpo, il cervello è più una miniatura che piccolo, se cogliete la differenza.

Tenendo a mente queste considerazioni e complicazioni, le razze che compaiono nella lista qui sotto, sono considerate tra le prime 10. Degli Einstein canini.

I migliori di razza

I cani sulla lista, se addestrati correttamente e socializzati, possono comprendere ed eseguire un comando dopo averlo sentito solo cinque volte (e non siamo certi che ci siano molti bambini che possano fare altrettanto!). In generale questi cani obbediscono almeno al 95 per cento dei comandi che vengono impartiti loro.

La parola che state cercando è “Wow!”

La lista non è in ordine di intelligenza ma le prime tre razze sono di solito ritenute le migliori del gruppo.

  1. Pastore Tedesco
  2. Border Collie
  3. Barbone
  4. Golden Retriever
  5. Doberman Pinscher
  6. Labrador Retriever
  7. Papillon
  8. Rottweiler
  9. Collie
  10. Cane da Pastore Australiano

Quasi tutte le razze da pastore si avvicinano alle prime dieci. I Pastori Belgi, i Bernesi e – a sorpresa, data la taglia – i Pembroke Welsh Corgi meritano una menzione speciale. A parte le razze da pastore, i Bloodhound e gli Husky hanno delle menti eccezionali.

E non tutto gira intorno alle razze pure. I vostri Labradoodle o Cockapoo possono raggiungere l’intelligenza delle razze pure nella lista. Un incrocio i cui antenati non sono chiari a prima vista, potrebbe essere un genio.

Come detto in precedenza, tutti i cani sono intelligenti. Punto.

Quale lupo?

Per ritornare alle menti brillanti degli antenati lupi menzionati in precedenza, la scienza è incappata in un fatto interessante. Le analisi genetiche dei cani domestici e dei lupi Euroasiatici e americani sono insieme a dei geni di cani che non sono presenti nei lupi moderni. Questo ha portato i biologi a concludere che il miglior amico dell’uomo è così vecchio che risale ad una specie estinta di lupi. Forse qualcosa come i meta-lupi (della saga “Il Trono di Spade”).

Date un’altra occhiata al vostro intelligentissimo compagno cane. C’è molto più di quanto non si veda!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


Come integrare al meglio la cuccia del cane in casa

Non ti è mai sembrato che la cuccia del cane buttata lì in un angolo della stanza fosse molto triste? Oppure preferisci nasconderla alla vista per non rovinare lo stile di casa?

Tutto questo non sarà più necessario. Potrai facilmente integrare la cuccia del cane in ogni stanza come se fosse parte del mobilio.

Utilizza lo spazio sopra la cuccia

Se la cuccia del cane è posizionata vicino ad una zona molto frequentata della casa, il cane potrebbe essere disturbato dalla gente che continua a passargli accanto e a volte ci inciampano dentro. Costruire intorno alla cuccia del cane, assicura al cane uno spazio protetto sicuro da scossoni e cadute oltre ad ottimizzare lo spazio sopra la cuccia che di solito non viene utilizzato.

Potrai facilmente utilizzare lo spazio superiore installando degli scaffali o un attaccapanni anche se questo non proteggerà il cane da passaggi occasionali oppure sbatterci contro con l’aspirapolvere. Installare un’unità completa che chiuda completamente il cane con pareti come una tana e, inoltre, sollevare la cuccia da terra, è più efficace e benefico per il cane.

L’ elegante cuccia Fido Nook fa esattamente questo. Questo elegante pezzo di mobilio, si adatta perfettamente a casa tua oltre a garantire uno spazio confortevole per il cane. La parte superiore di Nook è una superficie per oggetti decorativi o funzionali come vasi di fiori, candele, portafoto e svuotatasche ed è anche disponibile con guardaroba integrato, perfetto per immagazzinare tutti gli oggetti preferiti del cane inclusi i bocconcini, giochi, collari, guinzagli e molto altro. Potresti anche accessoriare il guardaroba con un bastone per appendere i vestiti e uno specchio per farlo sentire davvero a casa.

Coordina la cuccia del cane con il tuo arredamento

Se l’aspetto della cuccia del cane posizionata in salotto, cucina o camera da letto ti mette in imbarazzo, è tempo di passare a qualcosa di più elegante che si coordini con il divano, le lenzuola da letto e i cuscini.

Tra l’altro le cucce del cane tendono ad essere sempre piene di peli, polverose, infangare e con cattivo odore. Sei perdonato se cerchi di nascondere tutto questo ai tuoi ospiti. Una cuccia che abbia un rivestimento rimovibile e lavabile consentirà di avere una cuccia che profuma sempre di pulito e sempre presentabile.

La nuova cuccia Bolster della Omlet è disponibile in 3 colori alla moda, con un raffinato tessuto geometrico che ben si adatta a tutte le case. Il grigio è il più semplice e classico dei colori che oltre ad essere particolarmente elegante, si adatta ad ogni interno. Il ricco, verde foresta è perfetto se preferisci le tinte tenui, in una casa dai colori caldi mentre il vibrante rosa antico sarà un’allusione per gli amanti del colore!

Aggiungi la nuova super soffice coperta per un comfort extra.

Un elegante ammodernamento

Se sei già soddisfatto della posizione in cui si trova la cuccia e del suo aspetto e vuoi solo qualcosa che leghi davvero con il tuo arredamento e che faccia davvero parte della stanza, perché non ammodernare con il telaio Fido Sofa? Disponibile in 2 misure per adattarsi a tutte le cucce, il telaio Fido Sofa trasforma qualunque cuccia in un pezzo di mobilio contemporaneo che si armonizza in ogni stanza.

Inoltre è efficace per sollevare dal pavimento la cuccia, riducendo disturbi e correnti.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


La storia della zampa

Ti è mai capitato di guardare le zampe del tuo animale e domandarti il perché? Come mai non hanno mani e dita come noi? La risposta è stata data centinaia di anni fa ed è il risultato degli antenati dei nostri animali che si sono adattati alle vite selvagge ed indipendenti in un ambiente che era molto lontano dalle nostre confortevoli case sicure.

La storia della zampa

Prima che i nostri animali venissero addomesticati, dovevano difendersi e procacciarsi il cibo per sopravvivere. Molti tratti caratteristici che li hanno aiutati a sopravvivere allora, sono ancora presenti e sono sopravvissuti all’evoluzione. Questo include la zampa.

I cani e i gatti sono i primi animali che ci vengono in mente se pensiamo alle zampe. Ma prima dei nostri esemplari di cani e gatti domestici, ci sono state generazioni di gatti selvatici e lupi. Lo scopo della zampa è correlato in larga misura alla sua capacità di assorbire i suoni e gli urti. Il tessuto grasso all’interno dei polpastrelli consente agli animali di saltare e atterrare senza dolore e senza rumori, cosa particolarmente utile per cacciare le prede in mezzo alla natura selvaggia, oltre a proteggere gli arti dall’impatto.

A dog's paw pad

I cuscinetti delle zampe sono più ruvidi se l’animale entra spesso in contatto con superfici molto difficili. Questo consente una migliore presa su terreni insidiosi o scivolosi e svolgono la stessa funzione delle nostre scarpe. Per i nostri animali domestici, i cuscinetti sono molto più soffici dato che le condizioni dei terreni su cui camminano sono molto migliori. Alcune razze di cani hanno ancora le zampe palmate per aiutarsi nel nuoto, un adattamento che è passato dai lupi e di cui ancora beneficiano.

Se le zampe sono perfette per camminare e saltare, delle macerie possono ferire i polpastrelli e causare dolore. Se vedete l’animale che si lecca ripetutamente la zampa o zoppica, controllate attentamente i polpastrelli per verificare che non ci siano delle pietruzze o delle schegge da rimuovere. Se le zampette del porcellino d’india sembrano doloranti, potrebbe essere dovuto alla lettiera troppo ruvida.

Che cosa ci raccontano le zampe?

Lo sapevate che alcuni animali traspirano e si raffreddano attraverso i polpastrelli? Ecco quindi che delle impronte umide di zampa potrebbero significare che il vostro animale ha bisogno di un aiuto extra per raffreddarsi.

Le zampe degli animali a volte ci raccontano anche dei loro sentimenti. Ad esempio i gatti che fanno la pasta su coperte, letti e cuscini e anche sugli esseri umani mostrano la loro felicità e contentezza. Ci sono varie ragioni per questo comportamento; potrebbe ricordare loro le cure materne, potrebbero voler creare un posto confortevole in cui dormire oppure potrebbero utilizzare le ghiandole posizionate sui polpastrelli per marcare il territorio.

Avete notato che il gatto non ama farsi toccare i polpastrelli? Questo perché i cuscinetti sono estremamente sensibili al tatto ma alcuni gatti possono essere addestrati a tollerare questo contatto che è più facile se si inizia in giovane età, così se il tuo gatto si lascia toccare le zampe, potrebbe essere un segno di fiducia.

Più informazioni qui e qui.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Animali da compagnia


Non lasciare il tuo animale senza un appuntamento

San Valentino si avvicina e molti di voi staranno prenotando al ristorante o al cinema per passare una bella serata con il partner. Tutto perfetto ma non preferireste includere nella serata il terzo membro della coppia, il vostro pet? Abbiamo cercato di organizzare per voi una serata perfetta per umani e animali perché nessuno si senta escluso!

Qualche giorno prima

Se avete intenzione di comprare un regalo per il vostro partner, assicuratevi di prendere qualcosa di speciale anche per il vostro animale perché se lo è sicuramente meritato. Che ne dite di prendere un accessorio divertente per i vostri conigli o porcellini d’india come ad esempio un riparo o dei tunnel Zippi? Cani e gatti apprezzeranno sempre una bella cuccia nuova come la super elegante cuccia della Omlet Bolster.

16.00 Ora di passeggiata

A seconda dell’animale con cui vivete, la chiave per un perfetto appuntamento è di stancarli un pochino prima di rintanarvi in casa. Conigli e porcellini d’india apprezzeranno un giro in giardino tra i tunnel, i gatti apprezzeranno un po’ d’aria fresca (potete lasciarli uscire a caccia nel vicinato per un’oretta oppure restare con loro nella recinzione per gatti) mentre i cani si sentiranno soddisfatti dopo una bella passeggiata al parco per andare a trovare i loro amici pelosi. Se avete un cane potete anche fermarvi ad un bar e prendere un piccolo aperitivo prima di rientrare a casa.

18.00 Ora di giocare

E’ la perfetta opportunità per passare del tempo di qualità con il vostro pet facendo qualcosa che vi piace. Se avete un piccolo amico, il vostro partner e voi potete creare un labirinto o un gioco per la ricerca, nascondendo premietti e costruendo ostacoli in salotto. I gatti apprezzeranno i giochi sulla caccia, mentre i cani andranno pazzi per i giochi tira e molla. Se li volete davvero stancare, perché non regalargli un nuovo gioco con cui divertirvi assieme?

19.00 Ora di cena

Il segreto per un appuntamento perfetto è del buon cibo. Magari è l’occasione giusta per provare una di quelle ricette che richiedono un po’ più di tempo ai fornelli e impegno. Oppure potreste ordinare un take away, se siete stanchi dopo aver giocato tanto. Per includere totalmente il vostro pet, vi suggeriamo di preparare qualcosa di speciale anche per loro. In rete troverete tantissime ricette gustose e salutari. Trovatene una che vi ispiri e il vostro animale ne sarà felice. Dividetevi i compiti e lasciate preparare il cibo per il pet al partner mentre voi preparate la cena per voi o vice versa.

20.00 Trattamento Spa

Andate a posizionarvi in poltrona per una sessione di coccole umane e animali. Fate al vostro pet un bagno e una bella spazzolata, tagliategli le unghie e pulite i denti. Nel frattempo voi potreste farvi una maschera al viso e la manicure. Cani e gatti potrebbero apprezzare un trattamento a base di oli per la cute e i polpastrelli secchi. Treminate il trattamento di bellezza con un lungo massaggio. Probabilmente in questo caso il vostro pet non sarà di grande aiuto.

Mentre vi prendete cura di voi perché non mettete un po’ di musica rilassante? Spotify ha appena lanciato Spotify per Animali, una serie di canzoni personalizzate a seconda delle caratteristiche del vostro pet e dei vostri gusti musicali. Sfortunatamente al momento si limita solo a certi animali ma magari anche i conigli apprezzano la stessa musica, perché no?

21.00 Film e Stuzzichini

Preparate dei popcorn, versate del vino e accoccolatevi sul divano insieme al vostro compagno. Assicuratevi che anche il vostro animale abbia un posto speciale dove mettersi comodo, magari su una coperta o cuccia. Un appuntamento perfetto si vede anche dal posto comodo che avete scelto per rilassarvi. Assicuratevi anche di avere da mangiare e da bere per tutti, compresi gli animali. Nel nostro negozio abbiamo tantissimi premietti e bocconcini incluso un Pawsecco bianco o rosé per dei veri festeggiamenti . Come offerta extra, attualmente c’è il 25% di sconto su tutti i bocconcini nel negozio Omlet!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Animali da compagnia


Gli animali soffrono?

C’è qualcosa di molto arrogante nel pretendere che solo gli esseri umani sperimentano emozioni forti. Tutti noi abbiamo visto i nostri animali eccitati e felici e riusciamo anche a capire quando sono tristi. In altre parole, provano emozioni.

La tristezza in un animale è diversa da paura e ansia. Le ultime due cose sono frutto di un ambiente sbagliato, dieta scorretta, vicini che spaventano, padroni crudeli o infiniti altri fattori che fanno sentire un cane esposto o in pericolo.

Il dolore, come chiunque di noi lo abbia sperimentato sa, è qualcosa di molto diverso. E’ il risultato di una perdita o altre forme fondamentali di perdita. Gli scienziati sono sempre pronti ad affermare che non si possono provare i sentimenti e le emozioni negli animali. Ma molti proprietari lo hanno sperimentato di persona e non hanno dubbi in proposito.

Che cosa rende triste un cane?

Un animale può essere in difficoltà se una certa persona o un compagno di lunga data della sua stessa specie viene a mancare – ma solo se quella persona o quell’animale sono gli stessi con cui l’animale ha legato profondamente.

Un cane che vive in famiglia stringe relazioni con tutti i membri ma ci sarà un preferito – un maschio Alfa o una femmina Alfa se preferite. Anche se il cane sentirà la mancanza per tutti, il suo affetto si concentrerà sul suo preferito.

Se questa persona, per un motivo qualunque, lascerà la casa, la prima reazione del cane sarà un ansia da separazione. Perderà interesse in cose come il cibo, i giochi e le passeggiate. La perdita di appetito può causare danni al fegato in poco tempo; tenete sempre la situazione sotto controllo e state pronti ad intervenire e a rivolgervi ad un veterinario.

Il cane potrebbe anche uggiolare e piangere più del solito e potrebbe iniziare a leccare e masticare vari oggetti per casa oppure il suo stesso pelo e zampe. Molti cani che sperimentano il senso di perdita faticano a dormire e si siederanno davanti ad una porta a piangere oppure si troveranno un posto dove nascondersi.

Molto dipende dalla razza e dal singolo animale. Ma certi cani possono sicuramente essere classificati tra i cuori infranti. Il lutto può durare per diverse settimane se non mesi.

Il tempo curerà i dolori ma nel frattempo assicuratevi che il cane continui a fare passeggiate nei suoi posti preferiti. Se è abituato ad andare negli allevamenti, potreste fargli trascorrere un breve periodo lì. Potreste anche considerare la possibilità di chiedere ad un pet sitter di portarlo a spasso per far cambiare la sua routine. Non temete di abbondare con i bocconcini, premietti e anche giochi.

Che cosa rende triste un gatto?

Decifrare i sentimenti dei gatti potrebbe essere più complesso rispetto ad un cane. Tenderanno a nascondersi e a tenere un profilo basso più del solito. Alcuni emetteranno più vocalizzi e grida per il loro amico perduto. In alcuni casi perderanno l’appetito e dormiranno meno e in alcuni casi potrebbero allontanarsi per alcuni giorni.

Esattamente come per i cani, un gatto che smette di alimentarsi, può sviluppare rapidamente problemi al fegato e per questo raccomandiamo di portarlo subito da un veterinario.

Molti reindirizzeranno il loro affetto su un altro membro della famiglia mentre altri gatti, più indipendenti, si aggiusteranno senza problemi.

Che cosa rende tristi gli altri animali?

I piccoli mammiferi non sembrano soffrire in caso di perdita del proprietario. Ma alcuni potrebbero mostrare segni di nervosismo se non vengono più manipolati e nutriti dal loro miglior amico. Qualcun altro dovrà farsene carico e diventare il loro miglior amico.

I pappagalli che hanno legato con un compagno o con il proprietario mostrano segni di sofferenza sia in caso di perdita di un compagno della stessa specie che di un umano. Svogliatezza e perdita di appetito sono i classici segnali. Qualcuno dovrà intervenire e iniziare a creare un legame e ad interagire per aiutare questi intelligenti animali ad adattarsi ad una nuova vita.

Di solito il problema non si pone se gli uccelli sono tenuti in un’ampia voliera. I pappagallini e gli inseparabili non sembrano risentire della mancanza dei loro compagni umani mentre invece risentiranno maggiormente in caso di perdita di un loro compagno piumato.

L’elaborazione del lutto

Prima di tutto cercate di essere allegri e affettuosi con un animale che sta soffrendo per una perdita. Gli animali percepiscono quasi magicamente il nostro umore e se anche noi siamo tristi, rispecchieranno i nostri sentimenti. Potrebbe essere un buon momento per invitare amici e parenti per portare una ventata di allegria per il loro bene.

La maggior parte degli animali, con il tempo, riusciranno a riprendersi mentre alcuni animali, spesso se anziani potrebbero non recuperare mai completamente. Quando si è coinvolti in una perdita ciò che un proprietario può fare è aiutare l’animale ad adattarsi alle nuove circostanze.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Animali da compagnia


Quale è il posto ideale per posizionare la cuccia del cane?

I cani amano avere una loro cuccia. Ma c’è una bella differenza tra una vecchia coperta messa in un angolo pieno di spifferi e una cuccia vera e propria ben posizionata.

Se non ha una cuccia o un posto assegnato, il cane proverà vari posti in giro per casa per cercare un buon giaciglio dove dormire. Solamente quando darete loro un posto appropriato si metteranno tranquilli. Ma anche così, potrebbero rimanere inquieti, sempre alla ricerca di un posto migliore. Se il cane la notte vaga a lungo, provando posti differenti, è sintomo che ha bisogno di una vera cuccia.

Il primo passo è quindi acquistare la cuccia. Ce ne sono tantissime in vendita inclusa la Fido Sofa, la cuccia chiusa Fido e molte altre. Queste hanno tutte il giusto design per un sonno ottimale ma dovete ancora decidere dove posizionarla.

Il meglio – E il peggio – Dove posizionare una cuccia per cani

  • La cuccia del cane sembra essere la scelta più ovvia se è dove si rilassa.
  • Se il cane ha già individuato un suo posto preferito, semplicemente metteteci lì la cuccia, se non ingombra.
  • La cuccia deve sempre essere lontana da correnti d’aria e anche dai termosifoni caldi e fuochi.
  • Un angolo o almeno addossato ad una parete, di solito è la posizione migliore. I cani amano sentirsi al sicuro e ben protetti quando si mettono giù per la notte e un ampio open space non è l’ideale per un buon sonno ristoratore.
  • La cuccia non dovrebbe essere messa in mezzo ad una stanza o in un corridoio trafficato. I cani amano stare accanto ai loro amici umani ma non desiderano essere continuamente svegliati da rumori.
  • All’opposto anche una stanza dove non andate mai non è ugualmente una buona scelta. I cani amano stare vicini a noi – o almeno averci nelle immediate vicinanze.
  • Se è abituato a dormire nella vostra camera da letto, potete mettere lì la cuccia. La sola cosa da fare è convincerlo che la sua cuccia è meglio del vostro letto!
  • Se il vostro cane ama l’aria aperta potreste posizionare una cuccia in una capanna, in un kennel o in un altro casotto da giardino. Non sul prato bagnato.

La sfida più difficile quando scegliere dove posizionare la cuccia è mediare tra il loro bisogno di tranquillità e la voglia di restarvi accanto. Alcune razze sono più ‘appiccicose’ di altre. Se optate per metterla in camera da letto, non dimenticate di discuterne con la vostra dolce metà – non tutti sono felici di condividere la stanza con un animale che russa!

Per cui, il miglior posto dove posizionare una cuccia dipende da come è strutturata casa vostra, dal carattere del vostro cane e l’importanza di accontentare tutti in famiglia. Una cosa è certa – la visa del vostro cane soddisfatto che si gode una bella dormita nella sua cuccia è davvero piacevole.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani