The Omlet Blog

Category Archives: Galline

In che modo Autodoor semplifica l’inverno per voi e le vostre galline

Possiamo imparare molto dalle galline. Vanno a letto presto e una volta dentro si accovacciano una accanto all’altra per tenersi al caldo. Nessuna richiesta per uscire a fare un aperitivo la sera. Come risultato la mattina sono belle fresche per affrontare la giornata.

Il problema però è che non sempre abbiamo voglia di alzarci all’alba per lasciarle uscire a razzolare per una giornata piena e allo stesso modo a volte non siamo a casa per richiuderle la sera soprattutto adesso che le giornate si accorciano.

Lasciare la porta del pollaio aperta lascia entrare il freddo e, a meno che il pollaio e la recinzione non siano messi in sicurezza, c’è il rischio che qualche visitatore a quattro zampe non desiderato faccia capolino…

“Qualcuno dovrebbe inventare un’ Autodoor per i ripari delle galline…”

Fortunatamente è già stata inventata la porta a prova di spifferi e di intrusioni. La porta della Omlet Autodoor si collega direttamente al pollaio Eglu Cube Mk1 e Mk2. Ma non esclusivamente a questi modelli – l’Autodoor funziona con qualsiasi pollaio grazie ad un design unico ed intelligente che consente di collegarsi a qualunque riparo abbiate per le vostre galline.

Come molte invenzioni ingegnose – come le radio o le torce a manovella o le luci da giardino alimentate dal sole – la porta per pollai automatica della Omlet ha un sistema molto semplice. E’ alimentata a batteria, sia a tempo che con un sensore di luce per una maggior flessibilità e controllo. Autodoor non si blocca quando la temperatura scende bruscamente. E’ stata testata per funzionare a -20 gradi Celsius (-4 gradi Fahrenheit).

Autodoor è anche molto facile da installare. Il pannello di controllo LCD è separato dalla porta stessa e può essere posizionato al meglio per captare la luce in caso di utilizzo del sensore di luce.

La porta, una volta chiusa, è molto sicura. Non utilizza un sistema di corde e pulegge e non può essere sollevata da predatori in cerca di uno spuntino di mezzanotte. E non riusciranno neppure ad intrufolarsi una volta che la porta è chiusa.

Collegare l’ Autodoor

Se le vostre galline vivono in un Eglu Mk2 Cube della Omlet o in un pollaio in legno, riceverete l’Autodoor con tutti gli attacchi necessari. Avrete bisogno di qualche collegamento extra se volete collegare la porta all’ Mk1 Eglu Cube, una recinzione Omlet o una tradizionale rete per polli.

Il pannello di controllo e il sensore di luce sono collegati grazie ad un robusto cavo così che possiate scegliere il posto migliore per registrare la luce solare. Il sensore però non significa che le galline dovranno rientrare nel pollaio prima che il sole tocchi l’orizzonte. Potete programmarlo per chiudersi un’ora dopo il calar del sole per seguire la routine dei vostri animali. Allo stesso modo può essere programmata per aprirsi un’ora dopo lo spuntare del sole se le vostre galline sono abituate a prendersela comoda la mattina. Questo ha senso soprattutto quando le giornate sono molto fredde – le galline potrebbero apprezzare di rimanere al caldo sui loro posatoi il più a lungo possibile prima di avventurarsi nella mattina gelata.

La porta non si aprirà di notte anche se passano dei fari, una luce di sicurezza o il raggio di una torcia sul pollaio. E’ stata programmata per ignorare questi occasionali sprazzi di luce e si apre solo se sottoposta ad una luce consistente per un tempo fisso che deciderete voi attraverso il pannello di controllo.

In teoria i problemi invernali delle vostre galline sono scongiurati.

E’ possibile che in famiglia abbiate un membro stoico che resta di guardia all’alba e al tramonto ogni giorno per tutto il periodo invernale per aprire e chiudere la porta. Fortunati –questa sì che è dedizione!

Per tutti gli altri, Autodoor farà tutto il lavoro per voi quando non ci siete. E poi vi darà l’occasione di godervi un fine settimana fuori senza dover affrontare gli elementi per accudire le galline!

Un NUOVO accessorio per l’Autodoor

Adesso Autodoor può fare anche di più per semplificare le giornate invernali con la NUOVA Luce per pollai. Questa pratica luce si collega al pannello di controllo dell’ Autodoor e può essere programmata per accendersi automaticamente 5 minuti prima che la porta si chiuda per incoraggiare le galline a rientrare. Così se avete nel gruppo una ritardataria che avete paura possa rimanere indietro, questa è la soluzione ideale.

Potete anche utilizzare la Luce in modalità manuale per garantire una luce al pollaio o alla recinzione ideale per verificare lo stato delle galline una volta che rientrate a casa col buio. Il cavo che collega il pannello di controllo e la luce è lungo 2 metri così che possiate posizionare la luce in un posto ottimale.

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


31% di sconto sui Posatoi per galline questo Halloween!

Risparmiate il 31% sui Posatoi per galline Omlet questo Halloween!

Adunata generale per le Streghe! Sappiamo che Ottobre è un mese molto piano per voi ed ecco perché vi proponiamo il 31% di sconto se volete ammodernare le vostre scope questo Halloween, grazie ai Posatoi per galline della Omlet. Questa spettacolare offerta volerà via in fretta, non perdetevela!

Utilizzate il codice sconto WITCHES fino a mezzanotte del 31 Ottobre!

 

Offrite alle vostre galline un nuovo divertente spunto per giocare nel recinto grazie ai Posatoi della Omlet, disponibile in 2 lunghezze per adattarsi al vostro gruppo di galline. Il posatoio è resistente agli agenti atmosferici ed ha un design innovativo con supporti – consente di posizionarlo ovunque nel recinto – ma si adatta anche a tutte le razze di polli rendendolo un nuovo accessorio imperdibile per i pollai!

Aggiornate la zona giochi delle galline con questo divertente accessorio e utilizzate il codice WITCHES per risparmiare il 31% fino alla mezzanotte di domani.

Termini e Condizioni

Questa promozione è valida solo dal 30/10/19 – alla mezzanotte del 31/10/19. Utilizzate il codice promozionale WITCHES per richiedere il 31% di sconto Posatoi per galline. Questa offerta è valida sui Posatoi per galline da 1 metro e da 2 metri. Soggetto a disponibilità. Omlet ltd. si riserva il diritto di cancellare l’offerta in ogni momento. L’offerta non si applica alle spese di consegna, a sconti già esistenti o in aggiunta ad altri sconti.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Date un’occhiata ad alcuni dei nostri suggerimenti per preparare il pollaio all’inverno

La temperatura sta rapidamente calando, le giornate si accorciano e mancano solo poche settimane alle prime gelate. Anche se l’aria fresca e le foglie che cadono possono essere piacevoli per alcuni, per i proprietari di galline il freddo dietro l’angolo crea dei timori.

E’ il momento di agire! Preparate il pollaio per i mesi invernali prima che il freddo prenda il sopravvento e dormirete sonni tranquilli sapendo che le galline sono in salute e al caldo per tutto l’inverno.

Date un’occhiata ad alcuni dei nostri suggerimenti per preparare il pollaio all’inverno…

Spostate il pollaio più vicino a casa

Questo è un semplice accorgimento per facilitarvi il compito quando andate ad occuparvi delle ragazze e a controllare il loro stato di salute, cosa molto importante in inverno. Scegliete un pollaio leggero da sollevare e con le ruote come Eglu per agevolare le operazioni di spostamento per il giardino.

Trasformate il vostro pollaio in legno in un Eglu

I principali vantaggi di un Eglu Cube per coloro che tengono le galline in inverno è l’isolamento doppio delle pareti. Funziona in modo simile ai doppi vetri ossia creando una barriera per l’aria fredda fuori dal pollaio e l’aria dentro. L’aria tra le due pareti conduce poco e questo significa che nel pollaio c’è tiepido per tutto l’inverno qualunque siano le condizioni atmosferiche esterne. Le galline sono molto efficienti nel tenersi calde a vicenda, la sola cosa che dovrete fare sarà assicurarvi di chiudere la porta del pollaio la notte.

Autodoor

…e assicurarvi che la porta del pollaio sia sempre chiusa al tramonto anche quando non sieta a casa, la porta per pollai Automatica è la soluzione ideale per il pollaio Eglu Cube o per i pollai in legno. Potete programmare Autodoor per chiudersi ad un orario preciso o seguendo la luminosità per seguire il ritmo delle galline che vanno a dormire quando cala il sole. Autodoor non necessita di batterie ed è stato testato per funzionare anche a -10 gardi celcius così da non aver preoccupazioni qualunque tempo ci sia fuori!

L’altro vantaggio dell’ Autodoor è che si riapre da sola all’alba così che potrete andare al lavoro anche prima che sorga il sole senza la preoccupazione di dover far uscire le ragazze; oppure potrete alzarvi tardi nel fine settimana senza dovervi alzare al freddo per andare ad aprire la porta del pollaio!

“Le giornate si accorciano e non potrei essere più felice del sapere che le galline sono al sicuro e al caldo grazie alla porta Automatica della Omlet. Autodoor mi ha regalato la serenità, la flessibilità di alzarmi quando voglio! Non la raccomanderò mai abbastanza!” – Hayley’s Lottie Haven

Coperture

Le galline sono abili ad adattarsi alle temperature fredde ma non amano bagnarsi ed è meglio proteggerle dagli elementi nel recinto grazie alle coperture and frangivento. Disponibili in varie misure per adattarsi alla lunghezza del vostro recinto le coperture proteggono le ragazze dal vento e dalla pioggia in modo che possano continuare a giocare fuori indipendentemente dal tempo e lascia anche passare la luce attraverso.

Gilet per le temperature estreme

Quando le temperature calano considerevolmente sotto lo zero e per diversi giorni di fila, potrebbe essere opportuno riscaldare le galline con un gilet adatta alle temperature estreme. Le galline debilitate e quelle anziane beneficieranno di questo aiuto extra.

Intrattenimento

Per evitare che le galline si annoino ci sono vari giochi interattivi con cui possono divertirsi con ogni clima. Il Posatoio per galline fornisce un posatoio esterno che può essere posizionato ovunque nel recinto (e protetto dalle coperture) quando le galline non possono appollaiarsi nei soliti spazi intorno al giardino. L’ altalena garantisce ore e ore di divertimento e può essere posizionata facilmente ovunque nel recinto. Mentre il Peck Toy e il dispenser Caddi offrono un divertimento interattivo oltre a distribuire cibo.

Extra

Evitate che l’acqua delle galline geli con il riscaldante dell’acqua per essere certi che abbiano acqua a disposizione in ogni momento. E’ anche consigliabile aggiungere del pellet extra alla lettiera e bocconcini in più dato che le galline hanno bisogno di più energia per scaldarsi e deporre le uova in inverno.

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Allevare galline porterà ad avere dei topi?

 

Una delle domande che ci viene posta con più frequenza da coloro che vorrebbero avere delle galline è…

“Allevare galline porterà ad avere dei topi?”

 

Intanto per prima cosa bisogna sottolineare che i topi non sono attratti dalle galline ma dal loro cibo. Una volta che teniamo a mente questo fatto, prevenire i topi non sarà troppo difficile…

Immagazzinate tutto il cibo delle galline in bidoni con coperchio

Tenete le granaglie delle galline in contenitori ermetici come dei bidoni per ridurre gli odori che potrebbero attrarre visitatori indesiderati.

Gettate il cibo a terra solo quando siete certi che le galline sono lì per mangiarlo

Evitate di lasciare eccessi di cibo a terra che mangeranno i topi, gettate solo il cibo sufficiente per una giornata. Una buona soluzione è di utilizzare un misurino come Peck Toy, oppure riempire una pallina da cibo come Caddi.

Togliete i dispenser di cibo la notte

Copriteli oppure toglieteli per la notte e poi rimetteteli nel recinto la mattina successiva. Le galline di notte sono chiuse nel pollaio e non si perderanno nessuno spuntino di mezzanotte!

Appendete dei compact disc nel recinto

I rumori disturbano e inoltre i CD riflettono la luce dando così fastidio ai topi. Appendete dei vecchi CD con delle corde alla recinzione e vedrete il risultato!

Raccogliete le uova tutti i giorni

I topi sono anche attratti dalle uova delle galline; assicuratevi di raccoglierle tutti i giorni per eliminare un’altra tentazione. Gli Eglu garantiscono una casa sicura per le vostre ragazze dove deporre le uova senza timore che vengano rubate!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Come scegliere la gallina giusta per te

Forse stai pensando di acquistare delle galline o di espandere il tuo gruppo ma esattamente cosa stai cercando?

Ci sono tanti fattori da prendere in considerazione. Per esempio lo scopo principale è di avere tante uova? Oppure uova colorate? Le volete tenere come animali da compagnia invece che come produttori di uova/carne? Dovranno essere docili per farsi coccolare dai bambini?

Questi sono solo alcuni punti da analizzare per essere certi che i vostri amici pennuti siano adatti alle vostre esigenze.

Buone produttrici di uova

Tutte le razze di galline in commercio depongono le uova. Ma se state cercando due o tre galline che soddisfino il fabbisogno familiare di uova, ci sono alcune razze rinomate per la loro produttività.

La maggior parte delle galline in inverno riduce la produzione di uova. Cinque uova a settimana di media quindi è il massimo che potete aspettarvi e le razze migliori per questo sono le Ancona, Australorp, Legbar, e Rhode Island Rossa. Ci sono molte altre razze che di media settimanale danno quattro uova ma queste quattro razze sono le regine indiscusse del pollaio quando si parla di uova e depongono tra le 260 alle 300 uova all’anno.

Se poi si dovesse scegliere un vincitore assoluto, allora sarebbe l’Australorp che detiene il record assoluto di 364 uova in un solo anno!

Uova colorate

La maggior parte delle galline depone uova marroni o bianche e la colorazione del guscio non fa differenza sul sapore del tuorlo (che invece dipende dal cibo che date alle galline – se darete loro tanto verde sarà un tuorlo bello giallo).

Ci sono però delle razze che depongono uova dai colori particolari. Le Araucana, Giavanese, Legbar Crema e la Super Blu – come potete dedurre dal nome – depongono uova blu.

Le Araucana, Easter Egger, Legbar and Ameriflower depongono uova verde-blu, mentre la razza chiamata Olive Eggers fanno uova di color verde oliva.

Delle belle uova color marrone cioccolato sono la specialità delle Delaware, Marans e Penedesenca, mentre le uova rosso-marrone e rosate sono deposte dalla Catalana, Plymouth Rock, Barnevelder e Welsummer.

Le Sumatra e Svizzere producono delle splendide uova color crema. Un insieme di tanti colori creato da un gruppo misto di galline farà un perfetto cestino pasquale – senza bisogno di coloranti!

Galline per i bambini

Molte razze di galline risultano nervose mentre altre sono propense a beccare se allungate le mani. Queste non sono l’ideale per dei bambini per ovvie ragioni – ‘spaventate’ e ‘aggressive’ non sono aggettivi da associare agli animali da compagnia da affiancare ad un bambino!

Alcune galline sono socievoli e docili e si abituano in fretta a farsi prendere in braccio e diventare parte integrante della famiglia. Alcune delle razze migliori in questo senso sono le Brahma, Cocincina, Barbuta D’Anversa, Easter Egger, Golden Buff, Orpington, Moroseta e Sussex.

Arrosto domenicale?

Molti tengono le galline con un ‘doppio scopo’ e queste sono le razze che si prestano meglio sia alla produzione di uova (con una media di quattro a settimana) che per la carne. Non tutte le ovaiole hanno una buona carne ma molte – incluse le Delaware, Dorking, Faverolle, Jersey Giganti, Orpington, Plymouth Rock, Redcap, Rhode Island Rosse, Sussex e Wyandotte – lo sono.

Le galline allevate specificamente per la carne e non per le uova sono comunemente chiamate da carne. Crescono più rapidamente rispetto a quelle da uova. Le più popolari in questa categoria sono le Bresse, Cornish Cross e Freedom Ranger.

Galline ornamentali

Se la produzione di uova o carne non vi preoccupano e volete semplicemente un animale che dia lustro al giardino, allora le Bantam sono le migliori. Sono piccole e selezionate apposta per il loro aspetto con un’infinità di piumaggi e colori. Sono tra le più popolari per coloro che vogliono partecipare alle mostre.

In questa categoria le più popolari sono le Barred Plymouth Rock, con piumaggio a righe; Brahma con piumaggio dai colori vivaci e le zampe coperte di penne; Cocincina, che hanno vari piumaggi e colorazioni; la spettacolare Mille Fleur Barbuta; e le splendide e puffose Moroseta.

Qualunque cosa stiate cercando in una gallina, lei è là fuori, dovete solo cercarla!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Come intrattenere le galline perché non si annoino?

Avete mai sentito l’espressione ‘ingabbiato’? Significa essere chiusi senza nulla da fare con l’ovvio risultato di essere frustrati e annoiati. Siamo soliti chiudere le galline in pollaio, ecco da dove proviene l’espressione.

Una gallina chiusa in pollaio senza nulla da fare, in breve tempo mostrerà i primi segnali di noia proprio come noi umani. Potrebbe allora iniziare a beccare le altre galline oppure strapparsi le penne. Se esce del sangue, subito le altre si uniranno all’attacco e alla fine potrebbero morire nella frenesia di beccarsi a causa della frustrazione.

Senza nient’altro di meglio da beccare o raspare, potrebbero iniziare anche a mangiare le uova proprie e quelle deposte dalle altre. Una volta che prenderanno questo vizio, sarà molto difficile farglielo passare.

Gli animali annoiati, potrebbero anche trascorrere le giornate accoccolate nei nidi e potrebbero indebolirsi per la mancanza di esercizio. La noia causa stress e lo stress potrebbe causare una temporanea interruzione nella produzione delle uova.

Bye-Bye noia

Come sempre, la prevenzione è la cura migliore e ci sono svariati modi per intervenire sulla noia prima che diventi un problema. La regola generale è semplice – non tenete le galline chiuse!

  • Spazio per muoversi – Lasciate più spazio possibile all’aperto per le galline. Se avranno un cortile o un prato dove razzolare, sarà la condizione ideale per loro. Non abbiate timore per richiuderle la sera – appena il sole calerà ad est, le galline istintivamente cercheranno un posto riparato e sicuro e torneranno al pollaio. Tutto ciò che dovrete fare è chiudere dietro di loro la porta del pollaio.
  • In caso di temporale – Un giorno passato al chiuso è un giorno di noia. Dovrebbero restare chiuse in pollaio solo in caso di forti temporali. Pioggia leggera, neve e vento non daranno loro problemi anche se a voi il terreno sembrerà particolarmente fangoso.
  • Giochi per polli – Le galline necessitano di stimoli così come la maggior parte degli animali. Fornite loro tanti posatoi per appollaiarsi e riposare oltre a scalette e alcuni vasi, ceppi d’albero e altri oggetti di altezze varie perché possano salire e scendere. Molte galline amano le altalene, come se in una vita precedente fossero state dei pappagalli.
  • Bocconcini da mangiare – Nascondere dei prelibati bocconcini tra i cespugli o tra le rocce è un ottimo sistema per intrattenere le galline. Inserite dei bocconcini in una pallina di vimini, mettetela a terra e restate a guardare una partita di calcio mentre mangiano. In alternativa, appendete dei vegetali o Caddi pieno di verdure poco distante in modo che debbano saltare per beccare. Acquistate o preparate in casa delle palline di pastone e semi da beccare. Non eccedete con i bocconcini extra; una dieta bilanciata è una parte essenziale per avere galline in salute.
  • Fate fieno – Un mucchio di fieno, paglia o foglie darà alle galline qualcosa dove rovistare e raspare e magari troveranno anche dei vermi succulenti e degli scarafaggi mentre si divertono. Livelleranno in men che non si dica mucchi di vegetazione – potreste anche dire che le galline smuovono le montagne!
  • Le novità sono apprezzate – Le galline sono affascinate dalle novità anche se semplici come un mucchio di paglia o un vecchio ramo. Sono anche attratte dal loro riflesso e un vecchio specchio potrebbe essere un’ottima distrazione. Una vecchia sveglia o un grosso orologio con uno schermo riflettente e che ticchetta, le attrarrà molto.
  • Polvere alla polvere – Un bagno di terra è l’ideale in ogni momento dell’anno e non solo durante i mesi estivi. Se il tempo è umido, potreste fornire una bagno di terra ben asciutto in una zona riparata della recinzione o del pollaio.
  • Tempo di qualità – Non sottovalutate l’importanza delle interazioni che avete con le vostre galline. Una volta che avranno fiducia in voi, assaporeranno il tempo in vostra compagnia, come tutti gli altri animali da compagnia. A volte la situazione potrà sfuggire di mano se le galline svolazzeranno sul tavolo esterno per vedere cosa mangiate, bevete o leggete!

Potrete facilmente tenere a bada la noia finché soddisferete la loro necessità di raspare e appollaiarsi e garantirete un po’ di divertimento di quando in quando. Avrete galline felici e in saluteBoredom really doesn’t have to be a problem in the chicken run.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Perché le galline nascondono le uova e come evitarlo

Se tenete delle galline in giardino, allora probabilmente avrete una routine mattutina: svegliarsi, bere una tazza di té o caffé e andare a raccogliere le uova appena fatte. Un giorno però andate fuori a cercare le uova fresche per la colazione e tornate invece a casa a mani vuote. Ci sono varie ragioni possibili per non aver trovato le uova nel solito nido di deposizione. Magari le galline sono anziane, è inverno oppure le galline stanno facendo la muta. Ma c’è anche la possibilità che le vostre galline stiano ancora deponendo le uova ma le nascondono in un nido che si sono costruite al di fuori del pollaio.

Perché le galline nascondono le uova?

Per farla breve due possono essere le ragioni: o i nidi sono troppo pochi o per qualche ragione le galline non si trovano a loro agio in quelli che avete fornito loro. La norma generale dei nidi rispetto al numero di galline è di 1:4, oppure 1:6 o 1:8 potrebbero essere sufficienti. E’ importante fornire alle galline un posto protetto, tranquillo e ombreggiato dove deporre le uova e sentirsi al sicuro. I nidi possono essere posizionati a terra o in posizione sopraelevata. Le galline non badano al materiale con cui sono fatti i nidi ma prestano attenzione a dove sono posizionati. Se i nidi in legno sono i più comuni, ce ne sono anche in plastica e metallo che sono meno attaccabili dai batteri e più facilmente lavabili. Se le galline hanno sempre usato i vostri nidi e hanno improvvisamente smesso, potrebbero esserci degli acari nel nido.

Come far deporre le uova nei nidi

Sicuramente andare a caccia di uova tutte le mattine non è la soluzione ideale e vorrete raccoglierle fresche dal nido che avete installato apposta. Ci sono degli accorgimenti che potete adottare per convincere le vostre galline a deporre le uova nel nido e non in mezzo all’erba, sulle balle di fieno, sotto il pollaio o in qualunque altro posto abbiano scelto.

Pulite l’area nido almeno una volta a settimana
Sia che vogliate le uova per la cova, sia per alimentazione, la pulizia della zona deposizione è estremamente importante. Il nido deve essere pulito, disinfettato e trattato contro gli acari rossi regolarmente. Un nido pulito senza deiezioni e acari rossi incoraggerà le galline a utilizzarlo. Si raccomanda una pulizia settimanale. Mettete della paglia fresca o dei trucioli di legno sul fondo del nido in modo da renderlo confortevole.

Cercate il nido nascosto
Se lasciate le galline libere di razzolare in giardino, potrebbero aver fatto un nido sotto ad un cespuglio o in un angolo qualunque. Seguitele con discrezione per trovare il nido. Spesso poi le galline schiamazzano una volta deposto l’uovo e questo potrebbe aiutarvi a trovarlo. Una volta che lo avrete individuato, togliete le uova e cercate di non farcele più andare. Potreste semplicemente coprirlo con una corteccia d’albero, delle pietre o delle bottiglie di plastica. Questo dovrebbe convincerle a tornare ad utilizzare il nido che avete fornito loro.

‘Uova esca’
Le galline preferiscono deporre le uova dove già ce ne sono. Le uova finte potrebbero esservi utili per convincerle a deporre nel posto che voi avete prescelto. Una volta che le galline sono mature per fare le uova, inserire delle finte uova nel nido, potrebbe dar loro l’avvio ad usare quel posto come nido.

Raccogliete regolarmente le uova
Raccogliere regolarmente le uova non è solo una delle grandi soddisfazioni del tenere delle galline ma è anche una routine molto importante. Poche uova non scoraggeranno le galline dal farne altre ma un nido pieno di uova non è attraente per una gallina. Raccogliete le uova almeno una volta al giorno tutti i giorni. Questa pratica quotidiana scoraggerà anche il vizio di rompere le uova e la cova e inoltre saprete sempre quali sono le uova fresche.

Rompete le abitudini
Le galline sono creature abitudinarie e possono essere molto testarde sulla deposizione delle uova. La maggior parte depone le uova di mattina. Per evitare che escano a farle in altri posti, potete lasciarle chiuse nel pollaio fin verso mezzogiorno. Se anche così non dovesse funzionare, potete provare a lasciarle chiuse per un paio di giorni. Saranno obbligate a deporre nel nido e riprenderanno la routine normale.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Il recupero delle galline da batteria

Leggete questo resoconto dell’Associazione britannica volontari per la salvaguardia delle galline e alcuni clienti Omlet che hanno recentemente salvato due batterie di polli.


Quando ho visto razzolare le galline in giardino e condurre una vita felice dandomi così tanto in cambio a partire dalle uova spettacolari alle risate per le loro continue marachelle, ho capito che volevo fare qualcosa per queste fantastiche creature.

Questa sera ho dato la mia disponibilità all’Associazione britannica per la salvaguardia delle galline di diventare una volontaria. Ho letto varie storie e ho visto diversi post sulle batterie di polli ma non avevo esattamente idea di cosa mi si sarebbe prospettato e tutte le centinaia di galline che avrei incontrato.

L’adozione delle mie nuove galline

Il fatidico giorno mi sono alzata presto verso le 6:30 per recarmi alla fattoria. La prima cosa che ho visto sono stati degli enormi edifici senza finestre e potevo sentire il debole gemito di centinaia di voci provenire dall’interno.

Mi sono messa al lavoro affiancando gli altri volontari che stavano già caricando delle piccole facce sconcertate nei trasportini che le avrebbero condotte nelle loro nuove case definitive e dove finalmente sarebbero state amate e avrebbero avuto un nome.

Quando sono entrata la realtà è stata peggio di quanto avessi immaginato. Così tanti corpi fragili stipati in gabbie a perdita d’occhio. Polvere e ammoniaca riempivano l’aria e tutto ciò che volevo era liberarle il più in fretta possibile da quelle bare d’acciaio nell’oscurità.

Lavorare fianco a fianco con gli altri volontari è stato d’ispirazione; tutti lavoravano sodo. Sapevo di dover essere forte per poter liberare un po’ delle ragazze; quel giorno ne abbiamo liberate duecento dalle loro prigioni, tutto ciò che avevano mai visto in 18 mesi di vita. A questa giovane età i loro corpi sono talmente indeboliti che non producono più uova delle dimensioni e con la frequenza che l’industria richiede. La cruda realtà è che vengono destinate al macello. Sì, la triste verità è che abbiamo dovuto lasciare indietro delle galline e noi abbiamo solo salvato una goccia nell’oceano ma per quelle poche ha fatto la differenza e una famiglia amorevole.

Ho portato a casa le mie due galline e per caso erano le più spennate del gruppo. Una delle due, che ho chiamato Tess, aveva solo poche penne su tutto il corpo; l’ho coccolata per tutto il tragitto fino a casa dove finalmente ha realizzato che avrebbe potuto riposare.

I primi giorni a casa

Una volta portate a casa Tess e Gloria (i nomi vengono dalla canzone ‘I will survive’) le ho lasciate ambientare nel trasportino dei gatti con cibo e acqua a disposizione. Erano terrorizzate dalla mia presenza perché l’unico contatto con gli esseri umani che avevano avuto non era certi stato amorevole.

Anche se ho un grande recinto esterno per le galline, sapevo che avrebbero dovuto adattarsi alla nuova vita un po’ per volta. Non avevano mai visto la luce del sole perché erano sotto una luce artificiale per 20 ore al giorno e 4 ore di buio per far produrre il maggior numero di uova.

Le ho trasferite nel loro nuovo appartamento di lusso con vista – uno splendido nuovo Eglu Go UP con due metri di recinzione e le ruote così da poterle facilmente spostare per il giardino per fargli assaggiare l’erba fresca. L’ Eglu è molto facile da tener pulito e un altro fattore essenziale era di tenere alla larga i famigerati acari rossi finché le ragazze erano ancora così debilitate. Era anche molto trendy in giardino.

Più tardi la sera, le ho messe con delicatezza dentro l’Eglu e ho chiuso la porta perché si potessero adattare e passare una notte di sonno serena. E’ importante lasciar loro il tempo di ambientarsi alla zona notte e questo le aiuterà in seguito ad andare nel pollaio da sole al calar della sera.

La mattina uscivano e anche se non erano particolarmente aggraziate nella discesa, entrambe si mettevano ad esplorare e si dirigevano subito all’abbeveratoio e alla mangiatoia. E così ho iniziato a creare un legame aiutata da della deliziosa uva.

Per i primi giorni la vista che preferivo era di vederle stese al sole rilassate che mettevano in atto i primi comportamenti istintivi come ad esempio farsi un bagno di terra.

Ogni giorno si ambientavano sempre meglio ed ero meravigliata dalla loro capacità d’adattamento alle nuove situazioni. Ci hanno messo un po’ ad abituarsi alla scala, soprattutto perché agli inizi avevano le zampe fragili ma ora che distinguono tra giorno e notte, la sera le trovo appollaiate nella casetta quando vado a chiudere.

La situazione migliora

Adesso, a sei settimane dalla loro liberazione, sono rinate. Hanno una forte personalità che si esprime ogni giorno di più. Tess è coraggiosa mentre Gloria è sfacciata. Le penne stanno ricrescendo e ogni giorno mi riempiono il cuore d’amore.

Mentre sto scrivendo, entrambe corrono in giardino con le loro nuove sorelle, a volte rientrano nell’Eglu per mangiare qualcosa e bere prima di ripartire per nuove avventure perché sanno che questa è la loro casa per sempre.

Voglio ringraziare Omlet per aver offerto alle mie ragazze un pollaio tanto speciale per farle crescere e godersi il meritato riposo – lo adorano!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Cosa mettere nella borsa del primo soccorso per animali

Per fortuna gli episodi di malessere degli animali sono meno frequenti della norma. Molti di loro, non soffrono di null’altro a parte di qualche zecca occasionale, le pulci o piccole ferite superficiali.

Ciononostante in caso di malattia o ferita, riuscirete a mettere a tacere lo stress assicurandovi che il vostro kit del pronto soccorso sia ben organizzato e pronto all’evenienza. Molte problematiche richiedono una diagnosi e un trattamento veterinario ma se si tratta di problemi minori o non veterinari potete tranquillamente gestirli.

Ciò di cui avrete bisogno dipende molto dal tipo di animale ma iniziamo con dei classici veterinari.

Il kit di primo soccorso non è completo senza…

  • Fasciature – autoadesive o a strappo, 2.5 e 5cm di larghezza
  • Compresse di garza assorbenti non adesive (5cm x 5cm, o più piccole per i porcellini d’india, conigli, ecc)
  • Garza sterile assorbente
  • Salviette per sterilizzare
  • Unguento antisettico e spray antibatterico
  • Nastro chirurgico
  • Rotoli di cotone, garze, bastoncini cotonati e batuffoli di cotone
  • Forbici – un paio con punta smussata e un paio con lama curva
  • Uno strofinaccio spesso o una coperta
  • Guanti monouso
  • Pinzetta per rimuovere le zecche
  • Iodio per il trattamento delle piccole ferite (incluse le zecche)
  • Pettinino per pulci
  • Tagliaunghie
  • Lavaggio per occhi sterile – per pulire gli occhi dalla polvere
  • Una borraccia d’acqua piena per lavare le ferite e lo sporco e per idratazione
  • Un detergente delicato – da utilizzare con l’acqua
  • Polvere astringente – arresta il sanguinamento quando si spezzano le unghie
  • Farina di mais (maizena) – per arrestare i sanguinamenti di piccole ferite o abrasioni
  • Diphenhydramine (o Benadryl) – un antistaminico per leggere reazioni allergiche
  • Un termometro per animali
  • Un’agendina con il numero di telefono del veterinario e altri numeri d’emergenza
  • Biscottini – molto utili per premiare e rassicurare un animale che è appena stato medicato, bendato o altro!
  • Dovreste anche tenere una scorta di polvere anti acari e pulci e tavolette contro i parassiti intestinali
  • Per gli animali più piccoli sarà utile una siringa alimentare per somministrare acqua o cibo liquido agli animali che si rifiutano di mangiare o che sono impossibilitati a bere
  • Una lente d’ingrandimento può servire per esaminare le ferite o le infestazioni su roditori, conigli o nelle gabbie degli uccelli.

Gatti e Cani

Elementi aggiuntivi utili per cani e gatti sono il collare elisabettiano che evita che si grattino le ferite o che si tolgano i bendaggi. Il diametro del collare dipende dalle dimensioni dell’animale.

Anche una museruola può essere un utile elemento da inserire nel kit di pronto soccorso perché anche il cane più pacifico se spaventato o con dei forti dolori può mettersi sulla difensiva. Potete acquistare delle mascherine per gatti con lo stesso scopo.

Pronto Soccorso per Uccelli

Molti oggetti elencati sopra sono ugualmente utili per medicare gli uccelli. Elementi aggiuntivi potrebbero essere un retino apposito per la cattura se spaventati o per uccelli selvatici nelle gabbie o voliere.

Uno stick astringente è uno strumento utile per bloccare il sanguinamento delle ferite causato da penne o artigli rotti. A differenza dei mammiferi, gli uccelli non hanno sufficienti agenti di coagulazione nel sangue e anche le ferite che sembrano insignificanti possono essere fatali. Lo stick astringente bloccherà subito il flusso.

Una gabbia sanitaria aiuterà a ridurre i rischi di contagio se uno dei vostri uccelli dovesse ammalarsi. Ci sono varie marche disponibili nei negozi e il vostro veterinario saprà consigliarvi il modello più adatto a seconda del tipo di uccello.

E’ anche possibile acquistare delle gocce d’Invermectina dal veterinario. Questo medicinale uccide i parassiti interni ed esterni insieme agli acari. E’ anche usato sulla pelliccia, orecchie nei piccoli mammiferi come criceti, gerbilli e porcellini d’india.

E’ una buona idea tenere una tronchese nel kit medico, dato che a volte gli uccelli rimangono intrappolati in reti abbandonate o usate per appendere giochi o altre cose.

Aghi e cauterizzatori per le penne possono essere strumenti utili ma sono di precisione e richiedono pratica. Chiedete al vostro veterinario in esotici per un consiglio.

Il Fai Da Te non sempre è la soluzione migliore

Il primo soccorso è valido solo per problemi minori ma in caso d’emergenza è solo un modo per tamponare la situazione prima di consultare un veterinario. Qualunque malattia richiede una vera e propria visita veterinaria.

Un kit di pronto soccorso ben organizzato può però risparmiarvi parecchio tempo e preoccupazioni in caso di parassiti, piccole ferite e altre situazioni in cui un approccio rapido Fai Da Te è efficace.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


Pronti per le vacanze? Che fare con gli animali?

E’ tempo d’estate… Spiagge, viaggi all’estero, giornate all’aria aperta… E’ una splendida opportunità per fare una pausa con la famiglia e scacciare lo stress accumulato durante l’anno. Prenotate un bell’hotel con la vostra dolce metà, scegliete insieme ai bambini il percorso per arrivarci, preparate le valige… Aspettate! Non state dimenticando qualcuno? “Tesoro, e il gatto? Viene con noi?!”

Molti proprietari di animali tendono a dimenticarsene: avere un animale significa assumersi nuove responsabilità e una di queste è trovare la migliore soluzione quando si va in vacanza. Sfortunatamente ancora molte persone non riflettono a fondo anche se l’articolo 727 del Codice Penale punisce con l’arresto chi abbandona. L’ENPA attesta che ogni giorno vengono abbandonati in media 600 animali tra cani e gatti. I mesi di giugno, luglio e agosto sono i più critici anche se molte persone si danno da fare per trovare la soluzione giusta e occuparsi dei loro animali quando è il momento delle vacanze. Leggete i nostri consigli per assicurarvi che i vostri animali trascorrano un’estate speciale proprio come voi!

GALLINE

Magari siete un giovane francese che ha deciso di salpare all’avventura in compagnia della sua gallina (https://www.bbc.com/news/world-europe-36475672). In tutti gli altri casi, vi raccomandiamo di non portare con voi le galline in vacanza. La cosa migliore è chiedere ad un amico o ad un vicino di occuparsene fintanto che sarete via offrendogli in cambio di prendere le uova. Se siete abbastanza fortunati da avere un Eglu Cube con le ruote, potreste anche spostare il pollaio direttamente nel giardino del vicino!

CRICETI, PORCELLINI D’INDIA E CONIGLI

Come con le galline, l’ideale sarebbe lasciare a casa i vostri criceti, porcellini d’india o conigli e chiedere ad un amico, possibilmente qualcuno che già conoscono di occuparsi di loro. Se invece decidete di portarli con voi o se non avete altra scelta, state molto attenti agli sbalzi di temperatura. Questi piccoli animali sono estremamente sensibili agli improvvisi sbalzi di temperatura che potrebbero essere fatali. In macchina assicuratevi che non abbiano caldo (non lasciateli vicino al finestrino in una macchina parcheggiata) e che non abbiano freddo (non metteteli davanti all’aria condizionata). Prestate anche attenzione che non possa cadere nessun oggetto sulla gabbia, portate con voi la bottiglia dell’acqua e fermatevi regolarmente per dar loro acqua e cibo. Ricordate che i roditori e i conigli sono animali schivi che amano la routine e faticano ad adattarsi ai cambiamenti.

GATTI

Potete sicuramente portarli con voi anche se nella maggior parte dei casi sono indipendenti e possono cavarsela qualche giorno da soli. Riempite bene le ciotole di cibo e acqua prima di partire. Se state via per meno di 10 giorni potete domandare ad un amico di andare a controllare (una o due brevi visite al giorno sono sufficienti).

Se invece partite per più di 10 giorni, sarebbe meglio lasciarli con qualche parente, possibilmente qualcuno che già conosca e che non abbia altri animali fintanto che baderà al vostro gatto. Potete anche optare per un allevamento ma potrebbe essere rischioso perché potrebbe sentirsi abbandonato (posto nuovo, facce nuove…) e deprimersi. Prima di portarli all’allevamento potete somministrargli un blando tranquillante naturale come i Fiori di Bach per aiutarli ad adattarsi alla nuova situazione.

CANI

I cani sono probabilmente gli animali con la gestione più complessa per le vacanze. Non potete semplicemente lasciarli a casa con cibo e acqua. Non solo non va bene per loro ma potreste essere accusati di maltrattamento (punibile con una sanzione da 5.000 a 30.000€ o con la reclusione). La soluzione migliore è sicuramente di tenere un posto in macchina per il cane e aiutarlo a fare i bagagli!

Perché dovrei portare con me il cane?

L’altra opzione potrebbe essere di lasciarlo da amici o parenti (possibilmente qualcuno che già conoscono). Però dovete tener conto che i cani sono animali sociali e bramano la compagnia del padrone. Per loro le vacanze sono una fantastica opportunità per trascorrere del tempo di qualità con i loro umani preferiti. Inoltre, dato che siete in vacanza, avrete molto più tempo libero a disposizione e giornate intere da passare con il vostro cane. Niente più lunghe giornate noiose passate ad aspettarvi a casa! Anche voi e la vostra famiglia beneficerete dell’opportunità di passare le giornate a giocare e far moto con il cane. Vi aiuteranno anche a socializzare con gli altri vacanzieri: molti si avvicineranno per coccolarlo!

Come organizzare il viaggio con il cane

Qui una lista di cose da fare per assicurarvi che il cane sia pronto per le ferie e che ve la caverete bene fuori casa:

  • Prima di partire accertatevi che il cane sia abituato a viaggiare in macchina. Alcuni soffrono il mal di macchina ed è meglio abituarlo soprattutto se il viaggio è lungo e programmate una lungo tragitto!
  • Accertatevi che conosca i principali comandi come resta e seduto. Se è anche capace di andare al guinzaglio senza tirare è anche meglio!
  • Verificate che le vaccinazioni siano aggiornate e, se andate all’estero controllate i requisiti in anticipo.
  • Portate il necessario per il viaggio, cibo ma anche il kit di primo soccorso, il libretto delle vaccinazioni, guinzaglio, cibo e ciotola dell’acqua, cuccia, i loro giochi preferiti, qualche sacchetto igienico… E’ importante che portiate il cibo con voi perché non è detto che dove andiate abbiano la stessa marca.
  • Mentre state viaggiando il cane è meglio che stia nel kennel nel bagagliaio.
  • Prima di visitare un posto, assicuratevi che accettino gli animali. Non presentatevi mai ad un hotel prima di aver verificato. Troverete facilmente su internet le spiagge dog friendly che ci sono in Italia o all’estero.
  • Verificate che il cane non abbia troppo caldo. Se andate a passeggiare non dimenticate di portare con voi una ciotola e tanta acqua.
  • Se lasci il cane da qualche parte, assicurati che abbia cibo, acqua e che sia all’ombra. Anche se stai via solo per un’ora!
  • Se pensi che sia utile, puoi aggiungere al collare un GPS. Può essere comodo se andrete a passeggiare in zone selvagge. Potete anche scaricare varie app sul cellulare per localizzare il cane in caso si perdesse, per trovare veterinari o per tener nota delle prestazioni del vostro cane.
  • http://www.fleatickrisk.com/ è un sito molto utile per verificare se il cane è a rischio infestazioni di parassiti dove andrete. Verificate sul sito prima di partire e poi equipaggiatevi di conseguenza.

TRASPORTI PUBBLICI

In alcune città d’Italia come a Milano i trasporti pubblici sono gratuiti. In ogni caso prima di partire, verificate sempre. A volte su alcuni mezzi pubblici possono salire solo i cani d’assistenza. I passeggeri potrebbero lamentarsi e quindi assicuratevi che il cane si comporti correttamente per evitare lamentele.

Se viaggiate all’estero, assicuratevi che i trasporti pubblici accettino i cani dato che le leggi variano a seconda dei paesi (in alcuni paesi potrete acquistare un biglietto apposta per il cane).

Se viaggiate in aereo, ricordatevi di menzionare che siete accompagnati dal cane quando prenotate e verificate che le vaccinazioni siano in ordine. Il giorno della partenza arrivate in anticipo. I gatti e cani di piccola taglia di solito sono autorizzati a viaggiare in cabina. I cani di taglia grande invece devono viaggiare nelle parti riscaldate e pressurizzate del bagagliaio. Uccelli, conigli e criceti di solito sono vietati ma alcune compagnie aeree potrebbero accettarli.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


Attività da proporre ai vostri bambini da fare con gli animali per le vacanze estive

CUCINATE PER I VOSTRI PET

Una giornata piovosa è il momento ideale per passare del tempo in cucina e preparare qualcosa per i vostri animali. Che ne dite di questi pancakes per cani? O questi bocconcini fatti in casa per criceti? Assicuratevi che la ricetta sia adatta per degli animali e ricordatevi di non eccedere con i bocconcini ai vostri pet.

SCOPRI NUOVI GIOCHI DA FARE CON IL TUO GATTO

Approfittate del tempo libero a disposizione e passate qualche ora a giocare con il vostro gatto. Alcuni gatti adulti avranno già dei loro giochi preferiti per intrattenersi ma questo non significa che non abbiano piacere a stare in vostra compagnia e insieme potreste fare qualche attività divertente. Di solito i giochi di caccia sono i preferiti. Oggetti con suoni e movimenti imprevedibili potrebbero attrarre sicuramente l’attenzione del vostro pet, provate con una piuma da sventolare davanti a loro e trascinatela sul pavimento per fargliela rincorrere.

INSEGNATE AL VOSTRO CANE UN NUOVO COMANDO

Di solito si dice che non è possibile insegnare nuovi comandi ai cani anziani ma non è vero. Con il giusto incoraggiamento potrà imparare nuove cose durante tutta la loro vita ed è un ottimo modo per passare insieme del tempo di qualità.

Che ne dite di insegnare al cane ad abbaiare a comando o fare il morto? Perché non andare al parco per giocare con la pallina? Su Youtube ci sono molti tutorial; riempitevi le tasche di bocconcini. Al termine dell’estate preparerete uno spettacolo per amici e familiari.

PAGHETTA

Perché non chiedere ai bambini di aiutarvi a pulire il pollaio in cambio di una paghetta? I pollai Eglu sono facili da pulire e in poco tempo saranno immacolati. Mandateli anche a prendere le uova e preparate assieme il pranzo!

GIOCHI FATTI IN CASA PER CONIGLI

Potrete trovare tanti giochi per conigli nel nostro negozio, ma se avete voglia di fare qualcosa con i vostri bambini potrete trovare tanti materiali in giardino o in giro per casa.

Individuate un salice e raccogliete dei ramoscelli da inserire in una palla o in una corona. I vostri conigli ameranno giocare e sgranocchiare il legno.

Se avete un vecchio strofinaccio e dei jeans da buttare potreste costruire una bambola di pezza per il vostro coniglio. Usate la creatività per fare qualcosa di bello oppure fate semplicemente un nodo a metà di un tessuto robusto in modo che i conigli corrano intorno e lo strappino in pezzi. Assicuratevi di toglierlo prima che lo abbiano definitivamente distrutto così che non lo ingeriscano.

COSTRUITE UNA CORSA AD OSTACOLI PER CRICETI

I criceti amano correre, saltare e arrampicarsi e vi divertirete a creare una corsa ad ostacoli per il vostro pet. Iniziate coll’individuare una zona sicura della casa dove lasciare libero il criceto, lontano dalle porte e dagli altri animali. Potreste farlo in un box oppure restringere un’area con dei libri o altri oggetti pesanti. Assicuratevi che non cadano addosso al vostro animale.

Potete utilizzare i lego per creare lo schema della corsa a ostacoli. I lego sono anche perfetti per fare i salti e scalini. Usate i bastoncini dei lecca-lecca per costruire una scala o una rampa su cui il criceto potrà arrampicarsi. I bastoncini dei lecca-lecca devono essere ben puliti e fate attenzione ad usare una colla che non sia tossica. Potete anche fare dei tunnel o degli angoli in cui nascondersi con dei rotoli di carta igienica e scatole di carte. Incollateli assieme e create un labirinto con degli ostacoli.

Nascondete dei bocconcini per invogliare il criceto ad esplorare! Iniziate con piccole cose e osservate quali parti gli piacciono di più e poi continuate di conseguenza.

SERVIZIO FOTOGRAFICO

Provate a scattare foto dei vostri animali in vari posti. Appendetele su muri bianchi in casa come se fosse un vero servizio fotografico oppure cercate di fare delle foto in esterni nel giardino. Se il vostro animale accetta di indossare dei vestiti, potreste abbigliarli con vari indumenti e cappellini divertenti e poi metterli in posa per la macchina fotografica. Potreste anche aprire un profilo Instagram per mostrare quanto sia carino il vostro pet. Qui troverete dei suggerimenti per fare delle belle foto.

DIPINGERE LE UOVA

Perché limitarsi a Pasqua per divertirsi con le uova? Fate bollire delle uova e lasciatele raffreddare, prendete l’attrezzatura per colorare e lasciatevi ispirare. Potete scegliere un tema da seguire oppure se siete competitivi potreste chiedere agli amici o familiari di giudicare le varie categorie – ”Più Creativa”, ”Più Colorata”, ”Miglior Uovo” ecc.

ARTE ASTRATTA DA CANI

Lasciate sfogare la creatività del vostro cane e fategli creare un’opera d’arte. Prendete dei colori a-tossici a base d’acqua e colorare le zampe del cane. Con dei bocconcini portate il cane su una tela bianca e fatelo camminare sopra creando un’opera astratta. Appensa sarete soddisfatti del risultato lavategli le zampe con dell’acqua. Sarebbe meglio come attività da svolgere all’aria aperta per evitare di sporcare tappeti e mobili.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani


Come proteggere le galline dagli acari rossi

Il problema acari rossi

Acari rossi, o Dermanyssus gallinae, sono senza ombra di dubbio i peggiori nemici delle galline da cortile! Sono animali notturni che vivono nelle spaccature e nelle fenditure del pollaio ed escono solamente la notte per nutrirsi del sangue delle galline. Quelli che allevano galline da diverso tempo possono confermare che sono più distruttivi e difficili da eliminare rispetto a tutti gli altri parassiti messi assieme.

Come liberarsi degli acari rossi

Se avete diagnosticato un’infestazione da acari rossi nel vostro pollaio in legno, potete provare alcuni sistemi per liberarvene. Iniziate col pulire in profondità il pollaio. Svuotate la casetta il più possibile in modo da raggiungere tutti gli angoli più nascosti e lavarli con acqua calda. Dovrete poi sostituire le parti in plastica e in tessuto e pulire accuratamente i posatoi, mangiatoie, abbeveratoi e tutti gli altri oggetti sparsi nel pollaio. Assicuratevi di gettare via qualunque oggetto sia infestato.

Se continuate a vedere acari rossi che escono dalle fessure del legno mentre si sta asciugando, provate a igienizzarlo con un’idropulitrice. Lasciate asciugare per 10-15 minuti e poi ripetete l’operazione per eliminare anche gli acari più piccoli. Ripetete finché ad ogni lavaggio usciranno sempre meno acari.

Ancora non sono scomparse completamente? E’ ora di far uso dei prodotti anti-acari. Fate un mix con uno specifico concentrato anti acari e acqua seguendo le istruzioni del produttore ed applicate al pollaio. Abbondate con il prodotto nelle zone in cui gli acari si nascondono (gli angoli e le parti terminali dei posatoi sono le più colpite) ma è importante trattare l’intero pollaio. Quando il legno è completamente asciutto, applicate abbondante polvere anti acari sulle vostre galline, dove dormono e nel loro bagno di sabbia prima di farle rientrare nel pollaio.

In estate sarà opportuno applicare la polvere abbastanza frequentemente e in alcuni casi per liberarvi completamente dagli acari dovrete pulire in profondità il pollaio con detergenti appositi varie volte per circa due settimane. Con l’autunno, gli acari diventano inattivi e non attaccheranno più le galline ma sfortunatamente ricompariranno con l’alzarsi delle temperature in primavera.

Prevenire le infestazioni da acari rossi

Quando si parla di acari rossi, prevenire è sempre meglio che curare e una delle soluzioni che potete adottare per evitare che questi parassiti attacchino le vostre galline è un pollaio che non gli renda la vita facile.

La superficie liscia del pollaio Eglu lascia pochissimo spazio agli acari per nascondersi. Non ci sono angoli o superfici che non possiate facilmente raggiungere con un’idropulitrice e questo significa che con una pulizia approfondita dell’Eglu, vi sbarazzerete sia della polvere che di possibili parassiti. Pulendo l’Eglu regolarmente eviterete che gli acari diventino un problema per voi e le vostre galline e non dovrete spendere soldi continuamente per acquistare prodotti per pulire e disinfettare come con un qualunque pollaio tradizionale.

I pollai Eglu da 15 anni sono la soluzione per tutti coloro che sono stanchi di combattere gli acari rossi dai loro pollai in legno. Ecco alcuni dei commenti più frequenti dei possessori dei pollai Eglu sulle battaglie contro gli acari rossi:

“Ho riflettuto per due anni se prendere o meno un pollaio Eglu ma quest’estate l’infestazione è stata incontrollata. Detesto utilizzare prodotti chimici/insetticidi sulle galline e così ho preso la palla al balzo e l’ho comperato e sono molto soddisfatto.” Sue

“Dopo alcune esperienze terribili con gli acari abbiamo deciso che era troppo e abbiamo optato per un pollaio “eglu anti acari” come pubblicizzato.. All’inizio eravamo trattenuti dal costo ma adesso vorrei lo avessimo preso fin dall’inizio! Non potrei valutare meglio eglu cube della Omlet! Se prima impiegavo 2 ore per pulire e spazzolare il pollaio, ora ci impiego 10 minuti! Non abbiamo più avuto alcuna infestazione di pidocchi da quando abbiamo cube. Lo adoro e anche le galline. Vorrei solo averlo preso prima!” Amie

“L’aspetto essenziale per me è la facilità di igienizzare e pulire le superfici. Non potrei mai comprare di nuovo un pollaio in legno dopo aver lottato con gli acari che si insinuano in tutti gli anfratti e scanalature del legno. Non c’è alcun posto in cui nascondersi per gli acari in un Eglu e pulirlo è veloce e facile. Sono certo che non ci sia pollaio migliore per galline in salute” Neil


Per un periodo limitato abbiamo un pacchetto speciale che è anti acari e parassiti incluso un Rinfrescante per lettiere, aceto di mele organico, polvere d’aglio e l’Omlet Coop-Pourri. Ora disponibile a €22!

L’edizione estiva limitata della Omlet coop-pourri non solo profumerà di buono ma avrà un effetto calmante sulle galline perché contiene tra le altre cose lavanda, menta piperita, basilico, corteccia di cannella, coriandolo, camomilla, aglio, timo finocchio, rosmarino, aneto, origano e calendula, tutti ingredienti che hanno proprietà repellenti per i parassiti. La lavanda ad esempio tiene lontane pulci e pidocchi mentre il coriandolo e l’aneto tiene lontani certi tipi di acari dal pollaio.


La sola idea degli acari vi fa venire prurito? Guardate il video di due vicini di casa che hanno avuto esperienze molto diverse con le galline quest’estate e mostreranno come hanno affrontato l’infestazione da acari:

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline