The Omlet Blog Archives: June 2020

Cosa sono gli acari rossi e perché sono il peggior incubo degli allevatori di galline?

Sono rossi, assomigliano ad un ragno, vive in colonie molto grandi e strisciano fuori la notte per succhiare sangue alle galline. Come gli incubi anche questi insetti sono preoccupanti – finché non vi renderete conto che è facile svegliarsi e realizzare che è solo un sogno. Le creature in questione – gli acari rossi – misurano meno di un millimetro in lunghezza, e non è difficile cacciarli dal pollaio.

L’acaro rosso può vivere – e nutrirsi – su una gran varietà di ospiti, esseri umani inclusi, se solo ne hanno la possibilità. Ma la sua passione per gli uccelli selvatici la porta in contatto con uno dei suoi obiettivi preferiti – le galline. Se in giardino ci sono degli uccelli allora probabilmente ci sono anche gli acari rossi.

Conosci il tuo nemico

L’acaro rosso, Dermanyssus gallinae, è un parassita che si nasconde negli anfratti bui dei ricoveri delle galline e striscia fuori la notte in grandi quantità per succhiare il sangue. Quando sono adulti misurano circa 0.75mm e hanno gambe simili ai ragni. Prima di nutrirsi gli acari sono grigiastri marroni – il colore rosso deriva dal sangue che hanno succhiato. Una volta che si sono ingozzati, gli acari rossi tornano a nascondersi. Sono anche pazienti. Si sa che possono sopravvivere fino a 10 mesi in pollai vuoti.

Le galline infestate avranno croste e ferite, potrebbero soffrire di anemia (causata dalla perdita di sangue che si manifesta con una cresta e bargigli sbiaditi) e potrebbero iniziare a perdere le penne. La produzione delle uova calerà. Se le galline sono ancora giovani, una ingente perdita di sangue e il conseguente shock potrebbero essere fatali. Uno dei problemi maggiori nel fare la diagnosi è che gli acari si nascondono mentre esaminate l’animale (non li vedrete chiaramente come le pulci). Ciò nonostante questi segnali fisici vi dovrebbero spronare ad agire prontamente e a cercare i potenziali rifugi nascosti degli acari,.

Se gli acari sono visibili sulle galline tutto il tempo invece che sparire durante il giorno, potreste avere un’infestazione di Acari del Nord (Northern Fowl Mite). Stessi problemi, animale differente – i consigli che diamo in quest’articolo si applicano anche a questi parassiti.

Come sconfiggere gli acari

Dato che normalmente si nutrono di notte, potreste non localizzarle subito. Dovete cercare i loro nascondigli. Gli angoli e le crepe del pollai in legno sono i loro posti preferiti assieme ai posatoi. Una volta scovati, dovrete eliminarli con l’aiuto di una polvere o liquido anti-acari che non sia nocivo per le galline. Ci sono due tipi di prodotti per eliminare questi parassiti – il primo tipo si spruzza o polverizza nel pollaio e tutte le attrezzature mentre il secondo si applica direttamente sulle galline.

E’ indispensabile rimuovere tutti i nidi e l’intera struttura deve essere lavata con acqua calda – un’idropulitrice spesso è un’ottima alleata in questa battaglia – prima di trattare con un prodotto anti-acari.

Una volta eliminati gli acari, la prevenzione è il miglior sistema per tenere la situazione sotto controllo. Lavaggi regolari del pollaio e di tutte le altre superfici in cemento, plastica o legno nell’area dei polli aiuterà in questo senso. E’ particolarmente importante portare a termine queste operazioni specialmente nei mesi estivi, quando la popolazione degli acari esplode.

Alcuni allevatori di galline hanno riscontrato che il biossido di carbonio è un buon anti-acari sotto forma di ‘ghiaccio freddo’ o spruzzato direttamente, ma non ci sono ancora evidenze veterinarie su questa procedura.

Un altro metodo per tener lontani gli acari rossi è di tenere le galline in un pollaio con pochi angoli e fessure – ad esempio in plastica invece che in legno. I pollai in plastica sono molto più facili da tener puliti e igienizzati e la regina dei pollai è Eglu.

Non potete evitare le infestazioni di acari e altri insetti ma potete facilmente tenerle a bada. Una volta terminato l’incubo voi e le galline dormirete sonni tranquilli.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Estate on June 25th, 2020 by linnearask


I 7 motivi per cui il tuo cane ha bisogno della cuccia Sofa

1. Tiene il cane lontano dalle correnti d’aria

Sareste sorpresi di scoprire quanti spifferi ci sono in una casa se aveste la cuccia posata a terra. Il sonno del cane risente delle correnti d’aria fredda che provengono da una porta aperta o dalle finestre mal isolate e tutti sappiamo quanto sia importante un buon sonno! Sollevando la cuccia del cane da terra, evitate loro il pavimento freddo e minimizzate i fastidi derivanti dall’aria fredda dritta sulla cuccia.

2. Facile entrare e uscire

Molti cani anziani hanno problemi e dolori alle articolazioni che rendono complicato muoversi in verticale sia che si tratti di uno scalino o di alzarsi da una cuccia bassa. Sollevando leggermente la cuccia da terra, il cane potrà alzarsi direttamente e entrare e uscire a piacimento senza forzare sulle articolazioni. In questo modo stendersi e alzarsi sarà molto più facile per i cani anziani e aiuterà a prevenire futuri problemi per i cani giovani.

3. Miglior flusso d’aria

Grazie ad una cuccia sollevata, l’aria circola tutto intorno alla cuccia. L’aria aiuta a mantenere la cuccia in modo più igienico prevenendo muffe che si formano in aree umide, e poi è facilissimo lavare la superficie del supporto Fido Sofa con una spugna umida e un disinfettante non tossico per animali. Il flusso d’aria aiuterà anche il cane a stare fresco in estate e al caldo in inverno.

4. Una migliore qualità del sonno

La cuccia Sofa riduce lo sporco che di solito si accumula intorno alla cuccia. La polvere e lo sporco può irritare il cane e rendere la zona notte meno confortevole riducendo la qualità del sonno. Una cuccia sollevata farà da supporto al cane e gli garantirà il ben meritato riposo.

5. Più spazio per tutti

Liberate un po’ di spazio sul vostro divano di casa regalandone uno al cane! Anche se accoccolarsi sul divano con accanto il cane è una delle gioie di essere un padrone di cane, ci sono dei giorni in cui si desidera avere i propri spazi e non è male sapere che il cane ha il suo spazio per rilassarsi.

6. I bagni di sole sono facilitati

Se avete un cane che ama addormentarsi al sole avere una cuccia da poter spostare in giardino è super senza doversi preoccupare che si rovini la stoffa. La cuccia Sofa può essere spostata sul patio o anche nell’erba in modo che il cane possa godersi il sole.

7. Un trono per il Re o la Regina

Un cane che vi affianca tutta la giornata non dovrebbe elemosinare una coperta buttata a terra per la notte – regala al tuo sovrano un trono dei desideri!

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani on June 23rd, 2020 by linnearask


Qual’è il momento migliore per adottare un gatto?

C’è una sola ed unica legge universale per determinare quando prendere un gatto. Evitate di portarlo a casa in concomitanza con feste e fuochi d’artificio.

Sfortunatamente molto spesso questa semplice regola viene ignorata. Si fanno grandi feste per celebrare il Natale e i compleanni. E quando si ricevono i doni, inclusi nuovi gatti o gattini? Esattamente…

Il problema è che durante i festeggiamenti c’è sempre molto rumore e tanta gente e un gatto che viene portato a casa per la prima volta in queste condizioni, tenderà a nascondersi e a rimanerci il più a lungo possibile. Gli ci potrebbero volere giorni per riprendersi dal trauma del party.

Il momento migliore per i gatti

  • E’ di gran lunga meglio inserire il nuovo arrivato quando in casa è tutto tranquillo. In questo modo capirà fin da subito come si prospetterà la sua vita di tutti i giorni, con voi e i vostri cari.
  • Se il nuovo gatto è un regalo per il compleanno o per Natale di un bambino, spiegategli perché è meglio che arrivi con uno o due giorni di ritardo. Il giorno della festa potrebbe essere utilizzato per rendere la casa a prova di gatto. Posizionate un graffiatoio, una cuccia, una porticina sulla porta e una lettiera. Fate scorta di cibo per gatti e bocconcini e prendete tanti giochi. Questi sono tutti atti per surrogare i regali di Natale o di compleanno e preparano all’arrivo del nuovo amico peloso uno o due giorni dopo. In ogni modo è necessario preparare la casa con o senza la scusa della festa.
  • La casa deve anche essere sicura per il gatto evitando piante tossiche e togliendo soprammobili fragili.
  • L’arrivo del nuovo gatto deve essere posticipato finché la persona incaricata di prendersi cura di lui non sarà pronta per farlo. I gatti sono animali indipendenti una volta che si sono ambientati ma i primi giorni devono essere rassicurati e coccolati oltre a qualche lezione su come utilizzare la lettiera. Un gatto adulto potrebbe già essere abituato all’uso della lettiera ma un cucciolo ci mette un po’ per afferrare il concetto.
  • Se è previsto che passi del tempo fuori casa, sarebbe una buona idea prenderlo quando fuori non fa troppo freddo. Anche se non ci sono certezze di avere sempre bel tempo, nei mesi estivi ci sono più possibilità di giornate asciutte e assolate. Il gatto non teme il vento, la pioggia o la neve ma se il tempo è davvero cattivo, il gatto potrebbe decidere di cercare riparo lontano da casa. Se da poco è diventato un gatto di casa, potrebbe decidere di andare a vivere altrove e rintracciarlo potrebbe risultare difficile.

Fasi della vita

  • Gli anziani: E’ triste ma molti gatti sopravvivono ai loro padroni. Questo non significa che se siete anziani non potete adottare un gatto ma dovete considerare che la vita media dei felini va dai 15 fino ai 20 anni e se la cura quotidiana a loro dedicata è indispensabile, sarà meglio discuterne in famiglia. Se c’è qualcuno disposto ad aiutare per andare ad acquistare il cibo e la lettiera, questo potrebbe risolvere il problema. Indiscutibilmente i gatti sono una risorsa per le persone anziane e ci sono varie ricerche scientifiche che mostrano i grandi benefici sia a livello mentale e di benessere.
  • Infants: Dall’altra parte della scala dell’età, è sconsigliato portare a casa un nuovo gatto se c’è un bimbo piccolo in casa. Anche se molto molto rari, ci sono stati casi di soffocamento di neonati da parte dei gatti. Inoltre c’è l’incognita delle allergie – alcuni bambini possono sviluppare l’asma o rash cutanei in presenza di gatti o cani e finché non sarete certi che il bambino non soffre di allergie, è meglio evitare. In ogni caso se è allergico ai gatti, ci sono delle razze che sono ipoallergeniche – inclusi gli Abissini, i Cornish Rex e i Bengala – e che non provocano reazioni allergiche.
  • Bambini: Se il quattrozampe è per un bambino, è importante che ci sia qualcun altro in casa disposto a dedicare del tempo al gatto e alle sue cure. Nessun bambino sotto i 12 anni può avere la piena responsabilità della cura del gatto – o di qualunque altro animale.
  • Gli adulti: Fra la giovinezza e l’età anziana, molti di noi programmano di cambiare lavoro e trasferirsi. Se sapete che questi cambiamenti sono imminenti, è meglio rinviare l’adozione del gatto. Abituarsi ad una nuova casa e subito dopo trasferirsi in un’altra non è l’ideale e il gatto potrebbe perdersi cercando di ritornare alla prima…

Se cercate una regola generale è questa: potete adottare un gatto in ogni momento – a patto che sia il momento giusto!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti on June 22nd, 2020 by linnearask


Potresti diventare il nuovo Ambasciatore Omlet? Vieni a scoprire com’è!

Se possiedi e apprezzi un prodotto Omlet e ti piace parlare con gli altri degli animali, allora diventare un Ambasciatore Omlet fa al caso tuo!

Il programma Ambasciatori della Omlet offre la possibilità unica non solo di vedere i prodotti per cui sono interessati ma anche di fare domande a tutto tondo sul prodotto come in una grande recensione dal vivo!

Se parlate con qualcuno che poi farà un acquisto, riceverete la commissione su quell’ordine. Ma non è solo questo, i clienti Omlet hanno trovato tanti amici con interessi in comune e in effetti il programma Ambasciatori Omlet è un ottimo modo per incontrare delle persone che abitano in zona e che condividono lo stesso hobby!

Abbiamo parlato con due Ambasciatori US, Sueellen e Jennifer, sulla loro esperienza di ambasciatori e questo è quello che hanno detto:


Raccontaci delle tue galline e delle attrezzature che hai!

SE:
Sono fortunata e ho 2 diverse comunità di dolci galline! Abbiamo 8 galline proprio fuori la porta laterale e poi abbiamo 23 galline nel giardino sul retro. Sono 3 anni che ci siamo sistemati così.

J:
Abbiamo cinque galline ovaiole. Le abbiamo da circa un anno. Vivono nel pollaio Omlet con un recinto e una recinzione esterna. Vanno molto d’accordo fra loro ma non accettano membri esterni. Sono di dimensioni generose ma stanno bene nel loro spazio. Volendo potremmo aumentare il numero di galline perché con la tipologia di pollaio che abbiamo non ci sono problemi.

Abbiamo anche 1 moroseta bianca, 1 moroseta blu “satin” e 2 moroseta incrociate (probabilmente moroseta/ciuffata olandese – quella bianca è riccia, la nera non siamo certi). Sono tutte galline a parte la moroseta satin. Depongono le uova ma sono veri e propri animali da compagnia. Abbiamo la ciuffata olandese/moroseta da un anno e le moroseta da 6 mesi. La moroseta bianca è femmina ma è convinta di essere un gallo, si chiama Juancho. Canta e chiacchiera senza sosta tutto il giorno. Ha un bel caratterino. La moroseta blu satin è nuova nel gruppo. Con loro dobbiamo avere delle attenzioni particolari con il freddo e con la pioggia, sono piccole e si bagnano molto rapidamente e non possono volare. Durante il giorno li teniamo con i maialini nani Max e Luigi che le tengono al sicuro e al caldo.

Che cosa ti piace dei prodotti Omlet?

SE:
10 anni fa abbiamo preso le nostre prime galline e tutta la famiglia (tutti e 6 noi) le abbiamo amate. Ci piacevano le loro personalità affettuose e allegre e ci piacevano anche le uova. Ma in poco tempo abbiamo iniziato a perderle a causa dei predatori! Era straziante a dir poco! Fortunatamente una delle mie figlie ha scoperto gli incredibili prodotti Omlet ad una fiera. Mi ha raccontato dei pollai Omlet, delle recinzioni e tutti gli altri prodotti! Me ne sono innamorata subito!

Adoro davvero adoro l’aspetto dei prodotti Omlet. Hanno un bellissimo design e facili da pulire e da mantenere! Dopo 3 anni di utilizzo i miei pollai sembrano come nuovi! Soprattutto mi piacciono le recinzioni perché si possono ingrandire e rimpicciolire a seconda delle esigenze. Mi piace poterci entrare dentro senza dovermi piegare o strisciare al suolo. Queste specifiche caratteristiche mi consentono di nutrire, dar da bere, pulire e far visita alle mie galline facilmente!

J:
Adoriamo il pollaio e la recinzione Omlet. Sono molto facili da tener puliti e (finora) non abbiamo quasi avuto problemi legati all’igiene/sanificazione. Credo che la plastica aiuti a minimizzare i problemi al contrario dei materiali in legno o porosi. Il pollaio è caldo in inverno e fresco in estate anche a temperature molto elevate. Da noi girano molti predatori ma finora non sono mai riusciti ad entrare. Sembrano avere difficoltà anche a salire sul tetto a causa della forma arrotondata. Apprezzo anche il fatto che il prodotto sia semplice – solo tre leve – semplice. Tutti noi siamo felici e le galline fanno un uovo al giorno di media!

Qual’è la tua esperienza come Ambasciatore Omlet?

SE:
Mi piace essere un Ambasciatore Omlet! Mi piacciono tutti i prodotti e la loro versatilità! Amo anche le mie galline! Sono dolci, allegre, una parte adorabile della famiglia. E’ una bella esperienza raccogliere uova fresche tutte le mattine!

E’ stato un percorso naturale diventare Ambasciatore Omlet perché mi piacciono i prodotti e mi piace condividere le esperienze e il mio amore per le galline! Mi fa piacere mostrare ad altri amanti delle galline o ai semplici curiosi le nostre attrezzature!

J:
Ho deciso di diventare Ambasciatore Omlet perché credo nei prodotti e le mie interazioni con la compagnia sono sempre state molto positive – è come se fosse un gruppo di amici che vende un ottimo prodotto di qualità.

Come si svolge una visita o un contatto con un potenziale cliente?

SE:
Spesso le persone che prendono in considerazione l’idea di prendere delle galline e/o un pollaio mi contatta via mail facendomi delle domande. Iniziamo a parlare e poi organizziamo una visita per vedere dal vero i prodotti all’opera! Scegliamo una data e un orario che siano convenienti per entrambi! Quando le persone vedono le galline e il pollaio Omlet, non vedono l’ora di iniziare la loro avventura!

J:
Prima del virus, abbiamo ricevuto delle visite – tutti erano già molto ben informati (la gente fa delle ricerche!) e fondamentalmente volevano vedere i prodotti dal vivo. Credo che in parte sia dovuto ai costi – è costoso e prima di acquistare vogliono essere certi che sia la scelta giusta. Di recente abbiamo avuto tante domande da persone che volevano prendere le galline per la prima volta probabilmente a causa dei costi elevati delle uova qui in California. Alcuni sembrano intimoriti dagli eventuali lavori e quindi vogliono essere certi di fare la cosa giusta. Noi non siamo degli esperti di galline ma i prodotti Omlet aiutano a semplificare le cose – le mie ragazze sono sempre al sicuro e pulite e questo è già metà del lavoro!


Se pensi di voler diventare un Ambasciatore Omlet mandaci una email e ti invieremo tutte le informazioni necessarie!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Animali da compagnia on June 18th, 2020 by linnearask


Vizia il tuo amico oggi stesso con il suo Sofa – Adesso con uno sconto di 25€

Ridurre al minimo le correnti d’aria, la sporcizia e le interferenze per migliorare la qualità del sonno del vostro animale sollevando la cuccia da terra grazie all’elegante supporto Fido e Maya Sofa. Al momento c’è uno sconto di 25€ su tutti i supporti Sofa. Un’occasione perfetta per viziare il tuo animale e prendergli il suo Sofa!

Termini e Condizioni
La promozione sconto di 25€ sui supporti sofa è valida dal 18/06/20 – alla mezzanotte del 23/06/20. Non necessita di codice promozionale, lo sconto è già stato applicato. Include il supporto Fido Sofa Small, il supporto Fido Sofa Medium, il supporto per gatti Maya Sofa Small e il supporto per gatti Maya Sofa Medium. Sono escluse le cucce senza supporto sofa. Soggetto a disponibilità. Omlet ltd. si riserva il diritto di cancellare l’offerta in ogni momento. L’offerta non si applica alle consegne, su sconti pre-esistenti o in congiunzione ad altre offerte.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani on June 18th, 2020 by linnearask


Interpretiamo i movimenti della coda del gatto

Un tratto caratteristico dei gatti è l’andatura sinuosa con la coda ritta. Curiosamente nessun’altra specie felina cammina così e non si sa esattamente quando il gatto domestico ha adottato questa postura.

L’antenato del gatto domestico, il gatto selvatico africano, si è legato agli esseri umani più di 10,000 anni fa. Ci hanno probabilmente adottati e non il contrario, attratti dal gran numero di roditori che giravano attorno alle riserve di grano. E’ quasi certo che i felini scrocconi, adattarono il loro linguaggio corporeo – coda inclusa – per farci piacere e assicurarsi un posto sul divano.

The following cat-of-nine-tails facts tell you everything you need to know about your pet cat’s swishing tail.

1 – Esercizi di equilibrismo

I gatti hanno un equilibrio eccellente. La coda ha un ruolo fondamentale in questa loro abilità perché agisce come contrappeso quando si avventurano come ‘funamboli’ su muretti o mensole. La coda aiuta i gatti anche nella corsa e nei rapidi spostamenti di direzione – e senza inciampare. La prossima volta che vi capiterà di osservare un gatto mentre corre osservate attentamente – se un essere umano provasse ad imitare i cambi di direzione di un gatto, semplicemente cadrebbe a terra.

2 – La coda racconta molte cose

I gatti comunicano con la coda, mandando continui segnali. Il segnale più noto è la coda dritta, sintomatica di un gatto felice. Nei momenti di grande piacere, la parte terminale della coda fremerà leggermente. Da non confondere con la coda che sferza che è il segnale di un gatto irritato. Una volta che il gatto si sarà alzato e avrà la coda che si muove da un lato all’altro, significa che è passato dal nervosismo alla rabbia, fate attenzione!

3 – Pronti a predare

Quando il gatto fa la posta ad una preda, generalmente tiene la coda bassa e immobile ma al momento di balzare in avanti potrebbe muoverla. Se la caccia ha esito negativo allora la coda si muoverà incessantemente in segno di irritazione.

4 – Senza codal

Alcune razze incluso il gatto dell’isola di Man, nascono senza coda a causa di un gene dominante. Due gatti dell’isola di Man non potranno mai accoppiarsi dato che la combinazione di due geni dominanti potrebbe causare seri problemi alla cucciolata. La cosa arricciata della razza Bobtail non ha gli stessi potenziali problemi di salute del gene del gatto dell’isola di Man. Sia quest’ultimo che il Bobtail sembrano aver imparato a mantenere l’equilibrio abbastanza bene anche senza la coda.

5 – Quando la codal viene meno

Un gatto che ha perso la coda in un incidente o si è ferito in mezzo ad una porta o in un incidente stradale è definitivamente svantaggiato. Non sarà più in grado di tenersi in equilibrio come prima o di mandare segnali con la coda. Saranno comunque in grado di condurre una vita serena – i proprietari dovranno prestare più attenzione al linguaggio corporeo per capire lo stato d’animo del loro gatto.

6 – I retroscena

La coda del gatto ha tra le 19 e le 23 vertebre, a seconda della razza (senza contare il gatto senza coda dell’isola di Man!) Queste rappresentano circa il 10% del numero totale delle ossa che costituiscono il corpo di un gatto. Le vertebre assicurano alla coda la flessibilità e sono tenute assieme da muscoli, tendini e legamenti.

7 – Allarme coda

Se il gatto non si sente bene, lo potrete capire facilmente dalla coda. Non sarà più bella dritta o sferzante quando è eccitato. Se notate che il portamento della coda è cambiato nel vostro gatto, portatelo a fare un controllo veterinario. Alcuni gatti sono soggetti a dermatiti a volte causate dalle pulci. A volte ci sono delle aree infiammate alla base della coda. Alcuni problemi ormonali causano l’infiammazione della coda.

8 – Felini unici

L’abilità di camminare con la coda eretta è una caratteristica unica dei gatti domestici. Tutti gli altri membri della famiglia dei felini camminano con la coda abbassata, orizzontale o ben nascosta tra le zampe posteriori.

9 – Per finire

I gatti sollevano la coda per comunicarci che sono felici e rilassati, ma quando lo fanno in presenza di altri gatti, è un segnale che invita ad avvicinarsi e conoscersi. Altri gatti annuseranno un gatto che ha la coda sollevata.

E’ un’idea diffusa che i gatti abbiano sviluppato le fusa solo a nostro beneficio – e forse, la coda sollevata in segno di felicità è un altro modo in cui si sono conquistati uno spazio nei nostri cuori e nelle nostre case.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti on June 12th, 2020 by linnearask


Come si definisce una chioccia e come farla smettere di covare?

La maggior parte delle galline depone le uova con il minimo scompiglio possibile. Magari fanno un po’ di chiasso per annunciare la deposizione dell’uovo ma ritornano presto alle solite attività esplorando e becchettando in cerca di cibo. Altre galline invece, sono un po’ più lunatiche. Le chiocce, per essere più precisi.

Una chioccia è una gallina che si siede sulle uova con tutta l’intenzione di rimanerci finché non si schiuderanno – non importa se le uova sono fertili o meno. Questo comportamento è utile se volete far schiudere dei pulcini ma diversamente può essere un problema.

La causa è legata alla temperatura corporea supportata dall’istinto materno. Le galline che vivono chiuse nel pollaio dove l’aria si riscalda, possono scaldarsi fino al punto di pensare “Ho deciso di far schiudere un uovo!”. Alcune razze sembrano essere più predisposte alla cova rispetto ad altre, come le Moroseta e le Cocincine.

Segnali che indicano la cova

Una gallina che entra in cova subisce delle modifiche nella personalità. Il più evidente è il rifiuto ad allontanarsi dal nido. Resterà seduta lì con l’aria di chi è disposto ad aspettare felicemente fino al giorno del giudizio che si schiuda l’uovo. Questa dedizione fuori luogo, la renderà anche brontolona e incline a beccarvi e a rivoltarsi innervosita se cercherete di spostarla.

Quando do finalmente sarete riusciti a farla sloggiare dal nido, lei tornerà di filato al suo posto, nella stessa posa di prima. Una volta che si sarà calata nel suo ruolo materno si strapperà delle penne dal petto per rifinire il nido.

Come far interrompere la cova

Le apparenze possono ingannare. La gallina sembra pronta a restare lì per l’eternità ma in realtà resterà lì – in media – per tre settimane. Questo è il tempo che ci vuole perché un uovo si schiuda. Questo significa, se avete spazio a sufficienza che potete lasciarla stare a covare per 21 giorni e poi lei tornerà naturalmente alle sue solite occupazioni.

Detto questo però, dovete assicurarvi che la gallina abbia sempre cibo e acqua e questo significa farla spostare dal nido e lasciarla fuori finché non si sarà rinfrescata e rifocillata. Indossate dei guanti robusti quando la spostate per evitare le beccate.

Bagnare il sedere della gallina nell’acqua fredda è uno dei sistemi tradizionali per farla smettere di covare. Anche in questo caso è legato alla temperatura corporea per cui un raffreddamento improvviso dovrebbe interrompere il ciclo. Il metodo è abbastanza rozzo – prendete la gallina e mettete il suo sedere a mollo in acqua per dieci secondi.

Un trucchetto simile è di posizionare un sacchetto di piselli surgelati o dei chicchi di mais, sotto la gallina, nel nido. Dei cubetti di ghiaccio in un sacchetto andranno bene lo stesso. Questo sistema ha un duplice scopo, raffreddare la temperatura della gallina e rendere il nido poco confortevole per continuare la cova.

A volte un semplice ostacolo come un vaso o un paio di mattoni, avranno l’effetto desiderato. Se la gallina non ha accesso al nido, non potrà covare.

Alcuni utilizzano le cosiddette ‘gabbie da cova’ per rompere l’abitudine. Si tratta di una gabbia in rete o un trasportino dove mettere la gallina con acqua e cibo. La rete è scomoda e aiuta anche a raffreddare il corpo. Dopo tre giorni di questa sorta di confinamento, di solito la cova è finita. Gli indicatori che ci fanno intuire che l’istinto alla cova è terminato sono evidenti – la gallina smetterà di gonfiare le penne e inizierà a passeggiare per la gabbia invece che restare ferma seduta.

Infine, potete acquistare delle uova fertili e lasciare che l’istinto prevalga. Se volete dei pulcini questo è sicuramente il sistema migliore e il più naturale – sotto la pancia vaporosa di una chioccia.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline on June 10th, 2020 by linnearask


6 passi per iniziare a seminare nei gusci d’uovo

La prossima volta che starete per gettare via i gusci d’uovo vuoti, evitate il bidone della pattumiera e teneteli. Molti utilizzano già i gusci d’uovo sbriciolati nel giardinaggio per aggiungere calcio al terreno ma noi abbiamo un’altra bellissima soluzione per utilizzare i gusci d’uovo. Molti germinatoi o gli starter kit per sementi sono di plastica che non è il massimo per l’ambiente. Perché non riutilizzare i gusci d’uovo vuoti per seminare le piantine?! E’ veloce e facile!


1. Per prima cosa lava i gusci e mettili ad asciugare.

2. Una volta asciutti, riempi i gusci a metà con il terriccio e posizionali in un porta uova in cartone.

3. Spruzza un po’ di acqua sul terriccio e poi aggiungi i semi.

4. Copri il tutto con un sottile strato di terra e annaffia con un altro po’ di acqua.

5. Posiziona il tutto in un luogo ben illuminato all’interno – il davanzale è un posto ottimale.

6. Continuate ad annaffiare i gusci tutte le sere e dopo qualche giorno li vedrete germogliare!


Quando le piantine saranno troppo cresciute per stare ancora nel guscio, trasferitele in un vaso più grande e lasciatele crescere ancora all’interno o all’esterno a seconda dei semi selezionati (controllate la bustina per i dettagli).

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Estate on June 8th, 2020 by linnearask


Come dorme il tuo cane e cosa significa

Su un lato

La posizione più comune quando un cane dorme è su un lato con le zampe tese dritte davanti a sé. A volte i cani si addormentano in altre posizioni ma appena i muscoli si rilassano e iniziano a sognare, si ritroveranno automaticamente su un lato.

Questa posizione espone gli organi vitali per cui un cane che preferisce dormire su un lato, è rilassato e a suo agio e si sente sicuro di ciò che ha attorno.

Dato che in questa posizione le zampe sono libere, è facile che lo vediate scalciare e agitarsi mentre sogna.

Se il tuo cane predilige questa posizione, assicurati che la cuccia sia grande abbastanza per accoglierlo completamente , incluse le zampe tese. La cuccia Bolster della Omlet è venduta in tre dimensioni così da essere certi che possiate trovare la taglia giusta che si adatta meglio al cane!

Raggomitolato come una palla

Questa è la posizione più usata dai cani randagi che sono molto più vulnerabili rispetto ai cani di casa. Gli organi vitali sono coperti, il calore del corpo viene mantenuto meglio e il cane può scappare velocemente se necessario.

Quando il cane si trova in un ambiente che non conosce o sperimenta una situazione che lo preoccupa, dormirà in questa posizione. Però, se il tuo cane preferisce raggomitolarsi come una volpe per fare una pennichella, non significa necessariamente che sia spaventato o a disagio ma semplicemente rannicchiato.

Posa da super cucciolo

In questa posizione, il cane è sdraiato a pancia in giù con le quattro zampe stese. Questa posizione è molto frequente nei cuccioli che hanno bisogno di fare dei riposini. Di solito è adatta ai cuccioli che fanno riposi frequenti ma che vogliono essere pronti a giocare.

La posizione del super cucciolo di solito si limita solo ai pisolini; pochissimi cani passano l’intera notte così. Inoltre capita molto più spesso con cani di taglia piccola come i terrier e le razze nane poiché hanno arti corti.

Sulla schiena, zampe all’aria

Se il cane ha freddo, si raggomitolerà come una palla. Allo stesso modo, esporre il ventre dove il pelo è più rado e i polpastrelli delle zampe dove ci sono le ghiandole sudoripare. Sono due dei migliori modi per stare freschi.

Sicuramente una posizione comoda che però è estremamente vulnerabile. Gli organi vitali sono esposti e ci vorrà molto più tempo per rimettersi in piedi. Se il cane preferisce questa posizione nonostante non sia caldo da morire, sicuramente si sente estremamente rilassato e a suo agio.

Accanto all’umano o ad un altro animale

Molti cani amano addormentarsi accanto ad un altro essere vivente, possibilmente molto molto vicino. Questo comportamento deriva dalle loro reminiscenze di cuccioli prima di poter regolare la temperatura corporea autonomamente e dovevano raggomitolarsi accanto ai fratelli per scaldarsi.

Anche se un cane adulto non ha bisogno di te (o del gatto) come fonte di calore, associa l’addormentarsi accanto ad un essere caldo e che respira come fonte di sicurezza e comfort. Puoi essere certo che il cane è completamente a suo agio quando è con te se decide di dormire accanto a te.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani on June 8th, 2020 by linnearask


Approfitta del 25% di sconto sulle cucce Bolster color pesca per un periodo di tempo limitato!

🍑 Speciale Estate! 🍑

Approfitta del 25% di sconto sulle cucce Bolster color pesca per un periodo di tempo limitato. Il materasso in memory foam è il massimo per il cane o il gatto; avvolge il corpo e garantisce un sostegno senza pari per un sonno profondo e rilassato. L’elegante tonalità pesca è il colore estivo ideale per rallegrare casa!

Termini e condizioni
La promozione è valida dal 04/06/20 – alla mezzanotte del 09/06/20, fino ad esaurimento scorte. Non è necessario il codice promozionale, lo sconto è già stato applicato. Include tutte le cucce per cani e gatti Bolster color pesca. Sono escluse tutte le cucce Bolster grigio e verde. Soggetto a disponibilità. Omlet ltd. si riserva il diritto a cancellare l’offerta in ogni momento. L’offerta non si applica alle consegne, su sconti pre-esistenti o in congiunzione ad altre offerte.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Offerte e Promozioni on June 4th, 2020 by linnearask


Come insegnare alle galline ad andare sulla bellissima altalena

Appollaiarsi sui rami alti degli alberi è naturale per le galline dato che è il posto più sicuro per riposare allo stato selvaggio. E stare appollaiati su qualcosa che si muove leggermente e magari dondola come un ramo, li rende prede più difficili per i predatori. Istintivamente le galline dovrebbero essere felici di saltare sulla loro Altalena!

Detto questo, le galline sono animali vulnerabili e intelligenti e questo significa che potrebbero essere intimorite da oggetti nuovi. Non amano essere tra le prime a sperimentare qualcosa, per cui se hai comprato un nuovo gioco per le ragazze e sono seccate o non sembrano particolarmente interessate, aiutarle a farsi coraggio!

Posizionare l’altalena per galline

L’altalena per galline è stata studiata con intelligenza per consentire alle galline di tutte le età di poterla utilizzare con facilità. L’appoggio dell’altalena ha una texture che assomiglia ad una pannocchia, che la rende meno scivolosa di una semplice superficie di plastica.

Assicurati di posizionare l’altalena lontana da oggetti che la bloccano come muri, reti o altre cose nella recinzione. Scegli un posto riparato sotto le coperture in modo che possano dondolarsi in qualunque condizione atmosferica!

L’ideale è che l’altalena sia posizionata ad un’altezza tale da non prendere dentro le galline mentre oscilla. Per una gallina non è un problema saltare da qualche centimetro in più ma all’inizio per rendere il tutto più facile possibile, posizionatela vicino a terra. L’altalena è abbastanza leggera che anche se si scontra con una gallina non può causare danni.

Non dovrete insegnare a tutte le galline ad andare sull’altalena. Sono animali da branco e se insegnate ad una come funziona, le altre con ottime probabilità la imiteranno in breve tempo!

Dai una spinta alla galline

Scegliete la più coraggiosa del gruppo e mettetela sull’altalena che in questa prima fase sarà molto vicina a terra. Datele subito un premio gustoso in modo da associare l’altalena ai premietti gustosi. Ripetete per un po’ di volte in modo che alla fine sia a suo agio sull’altalena. A questo punto fate oscillare leggermente. Premiatela sempre quando arriva verso di voi. Spingete ogni volta un po’ di più e poi iniziate ad alzare l’altezza.

Se in un qualunque momento la gallina presentasse dei segnali di stress o si mostrasse ansiosa, interrompete l’esercizio fatela scendere e riprendete dai fondamentali. E’ importante che abbia solo ricordi positivi associati all’altalena!

Naturalmente non è sicuro che tutte le galline andranno pazze per l’altalena, è un fatto che va accettato. Le galline giovani di solito sono le più propense a correre dei rischi e ad imparare cose nuove ma la personalità gioca un ruolo fondamentale per cui il fatto che introduciate l’altalena non significa che avrete sicuramente successo. Ciononostante la maggior parte delle galline, dopo averle convinte, saranno assolutamente soddisfatte della loro altalena e vederle fare la coda per dondolarsi vale un po’ di fatica!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline on June 2nd, 2020 by linnearask


Diventa un affiliato Omlet e guadagna una commissione – FAQ

Se diventi un affiliato Omlet puoi guadagnare il 5% di commissione da ogni vendita generata tramite il sito web, blog, o social media.

Posizionerai un link personale al nostro sito web sulla tua piattaforma. Se qualcuno clicca sul link e poi fa un ordine, ti daremo una commissione!

Quali sono i vantaggi del programma affiliazione della of the Omlet?

  • Primo e più importante, puoi guadagnare facendo il minimo sforzo e puoi far diventare il sito web, il blog o le mail delle fonti di guadagno.
  • Non ci sono spese iniziali o di funzionamento, puoi iniziare a guadagnare da subito.
  • Puoi promuovere i nostri prodotti senza avere un magazzino e quindi senza rischi per te.
  • Tutte le comunicazioni con i clienti, le spedizioni e i resi sono gestiti dalla Omlet e dal nostro servizio clienti interno.
  • Puoi scegliere quali prodotti pubblicizzare ai tuoi clienti o ai tuoi follower e come promuoverli. Puoi modificare il link a seconda della stagione o cambiare il link per un banner quando vuoi.

Perché pubblicizzare i prodotti Omlet?

I prodotti Omlet products sono inconfondibili e diversi da qualunque altro prodotto sul mercato sia per design che per qualità. Lavoriamo ed investiamo costantemente sulla riconoscibilità del brand e dei prodotti così che quando i clienti vedranno i prodotti Omlet sulla tua piattaforma è probabile che sappiano già di cosa si tratta.

Abbiamo un team di product designer che lavora costantemente su nuovi prodotti in modo da avere sempre qualcosa di incredibile da mostrare ai clienti e ai followers.

Come inizio?

Crea un account Omlet e accedi qui. Clicca sul bottone ’Sistema di affiliazione’ nel menu a sinistra dello schermo. A questo punto avrai accesso alle informazioni per il sito dove posterai i tuoi link. Può anche essere un account dei social media!

Una volta configurato, apparirà un banner arancione in alto sullo schermo quando vai sul sito Omlet. Vai sulla pagina che vorresti linkare alla tua piattaforma, ad esempio pagina Autodoor. Clicca su Linka a questa pagina, e il sistema genererà un link e una stringa HTML che potrai incollare sul tuo sito.

Puoi anche scaricare i banners da mettere sul tuo sito web. Al momento sono disponibili per Galline, Gatti e prodotti per cani.

Come farete a capire quali sono gli ordini che provengono da me?

Il link che si genera quando clicchi sul banner arancio è unico e contiene informazioni sul tuo sito web. Quando qualcuno clicca questo linkdal tuo sito, Omlet riconosce che la persona proviene da te. Anche se abbandonano il sito Omlet e poi ci rientrano, riconosciamo che proveniva da te. Questo fino a 60 giorni dal primo click.

Riceverai la commissione in qualità di affiliato su qualunque cosa acquisti il cliente sul sito della Omlet nel periodo di 60 giorni. Il cliente non deve necessariamente acquistare il prodotto che hai sul link per avere la commissione perché siamo in grado di tenere traccia del tuo codice identificativo di affiliato mentre il cliente naviga sul nostro sito. Questo significa che se clicca su Autodoor sul tuo sito e poi finisce per comprare una gabbia Eglu Go, avrai comunque la commissione.

Puoi creare tutti i link che desideri per ogni pagina che hai.

Il sistema traccerà i click, le visualizzazioni dei banner, ordini e commissioni e sul tuo account Omlet potrai vedere da dove provengono le commissioni e quanti click generano i vari link per capire quali funzionano meglio.

In che modo viene pagata la commissione?

Quando hai maturato una commissione, puoi chiedere che ti venga trasferita su PayPal o sul conto corrente. La commissione verrà pagata dopo 30 giorni dalla data di consegna dell’ordine del cliente (questo perché il cliente può fare un reso fino a 30 giorni dopo aver ricevuto il prodotto.) Da notare che la commissione del 5% è calcolata sull’ordine, tasse escluse e non c’è commissione sulle spese di trasporto.

Devo avere un sito web particolare per partecipare?

No, va bene qualunque tipo di sito, blog o social media a patto che non abbia dei contenuti illegali, offensivi, osceni, intimidatori, importuni, discriminatori, diffamatori o in altro modo reprensibili; che favorisca o promuova la violenza, terrorismo, o altre attività criminali; con contenuti sessuali espliciti; o lesivi o che incoraggi la violazione di proprietà intellettuale di qualunque parte.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Animali da compagnia on June 2nd, 2020 by linnearask


Fido Nook vs. Fido Studio – Qual’è il migliore secondo te?

Una cuccia chiusa per il cucciolo o per il cane ha molti vantaggi. Crea uno spazio che va al di là della semplice cuccia a terra, è un posto in cui il cane può tornare quando è stanco ed è solo suo. E’ l’ideale per quei momenti in cui il cucciolo si sente sopraffatto dal caos della casae ha bisogno di un po’ di quiete. Una cuccia chiusa terrà anche il cucciolo alla larga da un posto della casa che è stato proibito. Inoltre una cuccia chiusa aiuta a riposare meglio, è l’ideale per l’addestramento del cucciolo e consente al cane di essere più indipendente dal padrone. E, cosa più importante di tutte, i cani la adorano!

Omlet propone due ottime soluzioni per chi ha già un cane o per chi aspetta un nuovo cucciolo Fido Studio e Fido Nook. Entrambe sono vendute in due dimensioni diverse per adattarsi a tutte le razze e con l’opzione del guardaroba per tenere in ordine tutte le cose del cane. Il guardaroba poi può essere ulteriormente organizzato con scaffali, ganci e un appendiabiti insieme ad uno specchio così da darsi una rimirata prima di andare a passeggiare al parco!

Sia Fido Nook che Fido Studio sono eleganti, moderne cucce chiuse ma qual’è la differenza tra le due? Questi sono i principali dettagli da tenere in considerazione per capire quale si adatta meglio alle vostre necessità:

  • Con Studio, la gabbia è completamente integrata con il mobile, mentre può essere rimossa da Nook. Il facile meccanismo di sblocco su Nook permette di bloccare la gabbia mentre la state usando e di toglierla quando poi il cucciolo è cresciuto.
  • Nook non solo si integra perfettamente in casa con il resto dell’arredamento ma grazie alla possibilità di sganciare e togliere la gabbia, potrete anche metterla in macchina per tenere il cane al sicuro mentre viaggiate o se passate la notta da qualche altra parte.
  • Sia Studio che Nook sono in vendita in un elegante bianco che si adatta perfettamente a tutti gli interni. Studio è disponibile anche color nocciola.
  • Con Fido Nook puoi aprire la porta della gabbia sul davanti. Se invece scegliete Fido Studio, il cane ha accesso alla gabbia da due accessi, di fronte o di lato. Questo è utile se volete posizionare Fido Studio in uno spazio ristretto.
  • Se deciderete di togliere la gabbia da Nook una volta che il cane è adeguatamente addestrato e sentite che non ce n’è più bisogno, Nook resta comunque uno spazio apposta per la cuccia del cane.
  • Senza la gabbia, potrete ulteriormente personalizzare Nook con delle bellissime tendine. Aiuteranno a creare un confortevole spazio riparato dal mondo esterno che gli permetterà di avere un po’ più di privacy.
  • Anche se tutte e due sono molto simili, hanno delle differenze e magari preferite una piuttosto che l’altra. Va bene, non dovete spiegazioni a nessuno!

Sia che scegliate Studio o Nook, siamo assolutamente certi che il cane apprezzerà la possibilità di avere uno spazio tutto suo in casa e siamo anche sicuri che voi apprezzerete l’aspetto e la comodità dei prodotti Omlet così come l’opportunità di tenere in ordine le cose del cane nel guardaroba integrato!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Cani on June 1st, 2020 by linnearask