The Omlet Blog

Le 10 cose da non fare in inverno se hai delle galline

1. Non rinchiudere le galline in pollaio

Le galline sono nate per stare all’aperto e sono note per poter fronteggiare anche temperature estreme. Sotto alle piume, gli uccelli come le galline hanno una parte di lanugine che si gonfia per creare uno strato extra isolante per tenerle al caldo.

Le galline rinchiuse nel pollaio in breve tempo iniziano ad annoiarsi e ad agitarsi e, potendo scegliere usciranno anche con temperature sotto zero. Date sempre loro la possibilità di sgranchirsi le zampe.

Assicuratevi che le galline abbiano uno spazio asciutto e riparato in un’area del recinto o in una zona del giardino dove uscite spesso e potete controllarle. Abbiamo tantissime coperture che vi aiuteranno in questo compito. Le coperture di colore chiaro sono l’ideale per l’inverno perché lasciano passare la luce e nello stesso tempo le proteggono da vento e pioggia. Buttate della paglia a terra per evitare che si formino dei cumuli di fango e installate uno o due posatoi per far riposare le galline durante il giorno.

Chiudete la porta del pollaio quando le galline sono rientrate per la notte oppure lasciatelo fare alla Porta Automatica per pollai. Se ci sono delle galline ritardatarie potete usare la Luce per pollai per incoraggiarle ad andare a letto.

2. Non cercate di sopperire al cattivo isolamento chiudendo ermeticamente il pollaio

I pollai ben isolati come gli Eglu, terranno le galline al caldo in inverno mantenendo il calore corporeo delle galline e senza lasciar entrare spifferi freddi dalle pareti. Sono anche progettati per far entrare aria nel pollaio per evitare ristagni di umidità, evitando spiacevoli correnti d’aria.

Correnti d’aria e umidità sono i due peggiori nemici invernali perché non consentono alle galline di stare al caldo e all’asciutto. Se il pollaio è troppo isolato, l’umidità generata dal respiro delle galline e dalle loro deiezioni, non fuoriescono. Questo ambiente umido – ed anche dei ristagni di ammoniaca – è molto nociva per le galline e può portare a problemi respiratori.

Assicuratevi che il pollaio sia ben ventilato grazie a dei bocchettoni che dirigono l’aria non direttamente sulle galline.

3. Non riscaldate il pollaio

Le galline sono animali robusti che si adattano gradualmente alle basse temperature e riscaldare il pollaio significa non aiutarli ad abituarsi al freddo. Se lo riscaldate, saranno anche meno propense ad uscire per fare esercizio. L’aria fresca e movimento le aiuta a stare in salute e felici.

A parte il fatto che i riscaldatori per pollai sono potenzialmente pericolosi per eventuali incendi, rischiate anche di farle ammalare per lo shock termico se escono.

Se siete preoccupati potete sempre aggiungere un po’ di extra lettiera nel nido, oppure aggiungere una copertura per le temperature estreme sul vostro Eglu.

4. Non lasciate le uova troppo a lungo

Sebbene Eglu manterrà le uova al calduccio, c’è il rischio che le uova depositate nella recinzione o in giardino si congelino. Le uova congelate non sono automaticamente pericolose ma quando il contenuto dell’uovo si congela e si espande, c’è un alto rischio che i batteri penetrino nel guscio attraverso delle spaccature.

Raccogliete le uova tutte le volte che andate a trovare le vostre galline nel pollaio per evitare il rischio di tuorli congelati.

5. Non dimenticate l’acqua

Così come per tutti gli altri animali, lasciate accesso alle galline per l’acqua anche in inverno. Magari non berranno tanto nei mesi invernali ma c’è lo svantaggio che spesso l’acqua si gela se non viene rimestata spesso.

Portate il beverino all’interno durante la notte e poi portatelo fuori la mattina quando andate ad aprire. Se la temperatura scende sotto lo zero durante il giorno, andate spesso a verificare che l’acqua non sia ghiacciata e in caso cambiatela.

Ci sono diversi riscaldanti per acqua in commercio. Nei magazzini Omlet il riscaldatore Eton può facilmente essere collegato ad una batteria e poi immerso in acqua. Assicuratevi solo che le galline non riescano a beccarlo.

Se la temperatura rimane attorno allo zero, potete aggiungere all’acqua qualcosa che galleggia, come ad esempio una pallina da tennis. Se l’oggetto continua a muoversi, non si formerà il ghiaccio o per lo meno lo rallenterà.

6. Non smettete di pulire il pollaio

Mettersi a lavorare in giardino in inverno non è particolarmente allettante ma dovrete comunque assicurarvi che la loro casa sia pulita e in ordine. E’ probabile che le galline in inverno passeranno più tempo nel pollaio e quindi ci saranno più deiezioni. Cercate di adattarvi a questa nuova prospettiva.

7. Non limitate il divertimento

Magari le galline non usciranno tanto spesso in giardino e le occasioni per raspare e beccare vermi e altre cose sarà limitata a causa del terreno ghiacciato o coperto di neve. Questo potrebbe portare le galline ad annoiarsi e quindi diventare aggressive e mangiare le uova.

Assicuratevi che abbiano tanti divertimenti e cose da fare nel recinto. Abbiamo tanti accessori per contrastare la noia nel nostro negozio. Mettete dei posatoi dove le galline potranno sedersi oppure provate il divertimento super del Peck Toy o il dispenser Caddi per un graduale divertimento. Se invece ritenete che le vostre galline siano avventurose, potreste mettere un’altalena per galline per farle divertire

8. Non attenetevi allo stesso modello di alimentazione

Le galline in inverno hanno bisogno di mangiare di più per avere energia e tenersi calde. Date loro del cibo extra e assicuratevi che non si congeli nella mangiatoia. Per uno snack diverso, cospargete del mais nel recinto per aggiungere delle calorie e per farle anche divertire. Oppure perché non provate questa ricetta gustosa di porridge che riscalderà i loro stomaci nelle fredde giornate invernali.

Assicuratevi anche di dar loro tanta sabbietta. Dato che le galline non hanno denti, ne hanno bisogno per digerire il cibo. Durante il resto dell’anno hanno la possibilità di ingerire piccoli sassolini e ciottoli perché becchettano in giardino ma se il terreno è ghiacciato sarà più difficile.

9. Non dimenticate le creste e i bargigli

Tutte le galline ma in particolare le razze con grandi creste e bargigli corrono il rischio di congelamento. Per prevenirlo, applicate della vaselina sulle creste e sui bargigli.

10. Non togliete le coperture quando splende il sole

Se avete l’abitudine di togliere le coperture dalla recinzione delle galline quando c’è sole, smettete di farlo in inverno. Le coperture chiare creano un ambiente caldo e luminoso e le galline ameranno avere uno spazio caldo in cui ripararsi. Le coperture inoltre eviteranno il vento freddo.

This entry was posted in Galline