Ci sono dei tempi di attesa a causa dell'elevato numero di domande. Vi preghiamo di visionare la nostra pagina sulle Consegne per ulteriori informazioni.

The Omlet Blog Category Archives: Alimenti

Gli animali possono seguire una dieta vegana?

Alcuni animali tra cui i conigli e porcellini d’india sono naturalmente vegani. Criceti e gerbilli, sebbene onnivori possono optare per una dieta vegana se le proteine vengono fornite da piante e vegetali. Altri, inclusi gli onnivori cani e i puri carnivori come i gatti, difficilmente si adatteranno ad una dieta senza carne.

Tutti gli animali devono soddisfare delle necessità nutrizionali. Ma questo non significa che non possiate avere un cane vegano. I gatti vegani invece sono molto più difficili.

Il cane può seguire una dieta vegana?

Se aveste appena scoperto una nuova specie animale e doveste capire che dieta segue, potreste intuire molto dalla sua dentatura. I denti del cane, come quelli dell’orso dicono molto chiaramente che sono animali onnivori – ossia mangiano sia carne che verdure. Se il cane è un lupo addomesticato, allora vi sarete fatti un’idea della loro dieta naturale.

Ciononostante, come dimostrano i panda, un mangiatore di carne può a volte adattarsi perfettamente ad una dieta vegan. I denti del panda sono simili ai denti di qualunque altro orso – lunghi canini per mangiare carne e molari per schiacciare le piante. Eppure i panda mangiano solo bamboo. Per cui, se un orso può essere vegano, anche un cane può diventarlo?

La risposta è si – ma è un si con molti però! Un cane necessita di una dieta che contenga i grassi e le proteine che provengono dalla carne. E’ pericoloso ignorare le necessità basilari e dargli da mangiare solo quello che volete. Alcuni cani hanno uno stomaco delicato e una dieta con pochi grassi e molte fibre può causare problemi di salute molto seri. Non bisognerebbe mai somministrare una dieta senza carne senza prima aver sentito il parere di un dietologo professionista.

Il collagene, l’elastina e la cheratina che si ritrovano in una dieta a base di carne non sono facilmente rimpiazzabili da degli equivalenti vegani. Il cane ha anche bisogno di una ‘catena lunga’ di grassi omega-3 che si trovano nei prodotti animali come le uova, pesce e alcune carni. I grassi omega-3 vegani non sono lo stesso di quelli derivati animali.

Questo crea dei grattacapi ai proprietari di cani vegani. Eppure ci sono dei prodotti sul mercato che affermano che il cane può vivere felicemente seguendo una dieta senza carne. Prima di buttarvi a capofitto, è essenziale chiedere il parere di un professionista esperto. Di solito il compromesso è la scelta migliore – una dieta vegana con degli inserimenti di derivati animali essenziali. I grilli ad esempio possono fornire moltissimi aminoacidi e cheratina che mancano in una dieta vegana e sono al 65% proteine.

Il gatto può seguire una dieta vegana?

Un approccio basato sul compromesso è ancora più importante se si tratta di gatti. Rientrano negli animali prettamente carnivori e ricavano tutti le esigenze alimentari dagli altri animali.

Il problema principale che si incontra riducendo la carne nella dieta dei gatti è che a differenza di altri mammiferi (inclusi i cani), i gatti non possono produrre alcune proteine. Le devono assorbire dalla carne e dal pesce. Gli aminoacidi sono un altro problema – i gatti che sono carenti in derivati animali come la taurina ad esempio, sono soggetti a problemi di cuore.

Anche una dieta vegana rafforzata non è sicura e non può essere consigliata. Guardate la situazione da un altro punto di vista e immaginate di nutrire un coniglio solo con carne e capirete all’enormità – anche etica – di cui si parla.

Ci sono alcuni prodotti ‘di carne’ sviluppati in laboratorio che sono in studio con in mente i proprietari di gatti vegani e vegetariani. Però non è ancora sicuro se e quando arriveranno – e resteranno – sul mercato

Per molti proprietari di animali vegani si sono grosse implicazioni etiche su come nutrire gli animali con cui vivono. Ma l’etica include anche di tener in conto anche le loro esigenze nutrizionali ed è praticamente impossibile risolverle se si tratta di gatti. Se riuscirete a ridurre e non eliminare la carne nella dieta del gatto, sarà sicuramente l’opzione più sicura.

I 10 animali vegani da tenere a casa

Naturalmente ci sono molti altri animaliche non si nutrono di carne o che mangiano carne ma che si possono adattare ad una dieta senza. Eccone dieci.

1. Conigli. Nessun problema con loro – i conigli sono dei vegani felici, la loro dieta si basa su fieno e verdure. Potete dedurne che le palline che espellono e poi mangiano, non sono altro vegetazioni semi-digerita.

2. Porcellini d’india. Come i conigli, questi incredibili animaletti si basano su una dieta che è al 100% vegana.

3. Criceti. La maggior parte dei proprietari di criceti nutre questi animali con prodotti acquistati in negozio specifici per criceti e non necessariamente conoscono gli ingredienti. In ogni caso i cibi vegetariani e vegani per criceti sono già a disposizione.

4. Gerbilli. Come i criceti, i gerbilli sono degli onnivori che però possono felicemente seguire una dieta vegana. Tendono ad essere delicati di stomaco per cui nutriteli con del pellet di buona qualità. Troppa verdura fresca può causare loro problemi.

5. Topi. Sebbene in natura mangino praticamente di tutto, possono seguire una dieta vegana; è comunque meglio dar loro un mix già pronto preparato specificamente per loro. In questo modo sarete sicuri che non abbiano deficit di vitamine e minerali.

6. Ratti. Sono i più onnivori tra i roditori ma se li nutrirete con un mix vegano fortificato con tutti i nutrienti di cui necessitano, saranno a posto. In effetti i ratti che tendono a mangiare troppi grassi animali tendono a ingrassare e a morire prematuramente.

7. Galline. Se guardate una gallina che razzola libera, presto vi sarà chiaro che mangia di tutto – erba, scarafaggi, vermi e qualunque cosa si trovi nel vostro orto se non prestate attenzione! La maggior parte dei mangimi emulano questo mix di piante e prodotti animali. E’ comunque possibile acquistare dei prodotti vegani e prove circostanziali indicano che non crea problemi. Produrranno però meno uova e non potrete impedire loro di raspare per cercare i vermi e insetti anche se la lettiera è vegana!

8. Parrocchetti e pappagallini. I vegani non avranno problemi a confrontarsi con parrocchetti e pappagallini a meno che non vogliate farli covare. Per covare le uova le femmine hanno bisogno di un incremento di proteine di solito fornito da un pastone a base di uova o carne cotta. Ci sono alternative vegane disponibili.

9. Fringuelli. Molte specie di fringuellidi amano vermi e insetti come premietti ma non sono una parte essenziale della loro dieta. Possono vivere con un mix di semi e verdure fresche.

10. Per i fan dei rettili. Quando si pensa ai serpenti e alle lucertole probabilmente vi viene in mente l’immagine di topi morti o grilli condannati a una triste fine. Eppure ci sono alcuni rettili che hanno una dieta al 100% vegana come ad esempio la popolare Iguana verde. E’ importante dar loro le giuste verdure per mantenerle in salute ma la carne non sarà un problema.

Non mancano gli animali che sono vegani. Ma far seguire una dieta vegana a un cane o un gatto può essere una soluzione complessa. Per tutti gli animali una dieta bilanciata che si adatti alle loro necessità nutrizionali deve essere il vostro primo obiettivo.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Alimenti


Cani e delizie di Natale: cosa fare e cosa evitare

Il periodo natalizio è meraviglioso quanto stressante e il vostro amico a 4 zampe corre il rischio di essere travolto in modo dannoso nella frenesia delle feste. Un balzo in una cucina piena di cuochi e coltelli, o del cibo sbagliato può far precipitare la situazione molto velocemente.

Cibo da evitare

Partendo forse dal punto più ovvio, i vostri amici pellicciosi non devono essere mai incoraggiati ad unirsi ai brindisi delle feste: anche solo una goccia di alchol è dannosa per la loro salute. Mentre i cibi da evitare assolutamente sono i seguenti:

  1. Ossa e pelle del tacchino (o pollo, o altro volatile)
    Le ossa degli uccelli sono incredibilmente pericolosi. Fragili e delicati, questi si spezzano facilmente rischiando di far soffocare il vostro cane. La pelle invece è ricca di grassi dannosi per il pancreas.
  2. Gravy
    Il gravy e salsine varie che accompagnano i classici piatti di Natale sono decisamente da evitare. Troppi grassi e in generale, troppo sale, rendono infatti questa salsina super deliziosa per gli umani pericolasamente nociva per il vostro Fido.
  3. Cipolle, tuberi e simili
    Le cipolle sono l’ortaggio più pericoloso di questo gruppo in quanto velenose per il vostro cane. E’ bene stare alla lontana anche da aglio e simili in quanto non immediatamente tossici come la cipolla ma decisamente dannosi per il loro organismo. 
  4. Uvetta, canditi, bacche, ecc…
    Uvetta, canditi, bacche, insieme all’uova, sono estremamente velenosi per i cani, anche se ingeriti a piccole dosi. Se il vostro cane magia accidentalmente uvetta, ecc… rivolgetevi immediatamente ad un veterinario. Evitate quindi di lasciare a portata di muso puddig e mince pies [non che questo sia un problema in Italia]. 
  5. Cioccolata
    Il cioccolato è uno di quei dolci presenti in casa tutto l’anno, e in quantità più elevate nel periodo Natalizio. Per quanto deliziosa per gli umani, la cioccolata è dannosa per i cani. La theobromina contenuta al suo interno può essere addirittura mortale in alcuni casi.

Cibo sicuro

Prima che iniziate a sentirvi in colpa per negare al vostro cane alcune delle treats più deliziose del Natale, ecco qui una lista di cosa è invece sicuro e salutare per il vostro amico a 4 zampe (a piccole dosi): 

  1. Fette di tacchino
    Il vostro Fido ve ne sarà estremamente riconoscente! L’importante è che rimuoviate completamente la pelle dalla carne. 
  2. Patate bollite
    Le patate bollite sono sane e il vostro cane le apprezzerà! Ricordate di servirle al naturale, senza sale, burro o altri condimenti.
  3. Carote, pastinaca (parsnip), fagiolini, cavolo e cavoletti di Bruxelles.
    Così come per qualsiasi cibo, non esagerate nella quantità di verdura che date al vostro cane. A piccole dosi carote, pastinaca, fagiolini, ecc.. al naturale senza alcun condimento, fanno bene alla dieta.
  4. Frutta
    Rabarbaro a parte, il quale è estremamente velenoso, la frutta è tendenzialmente un cibo sicuro da condividere con il vostro cane. Ricordatevi di rimuovere semi, torsoli, ecc… e non esagerate con la quantità. La frutta è acidica e contiene zuccheri i quali, se assunti in larghe quantità, potrebbero far male allo stomaco del vostro cane.

Tenete Fido fuori dalla cucina, per evitare spiacevoli sorprese, e fate attenzione a cosa servite in tavola. Buone feste e buone vacanze!

Written by Ella Hendrix.

Image Credit: Stonehouse Furniture

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Alimenti