The Omlet Blog

Tutto quello che dovete sapere sull’influenza aviaria del 2020

 

L’influenza aviaria è un problema che coinvolge tutti i proprietari di polli. Gli sforzi per contenere il virus non hanno ancora portato alla sua eradicazione e il fatto che non sia sui primi titoli dei giornali non significa che sia scomparsa. Molti paesi stanno sopportando la versione dell’influenza aviaria del lockdown in alcune regioni quest’anno ed è stato chiesto alle persone di prendere delle misure adeguate.

Ci sono stati dei focolai locali in UK, Germania, Danimarca e Olanda nella seconda metà del 2020. L’attuale influenza aviaria è una varietà europea ha un basso fattore patogeno il che significa che difficilmente si trasmette dagli uccelli agli esseri umani. Però lo spettro di una pandemia di influenza aviaria non può essere ignorato.

Si ritiene che l’epidemia sia scoppiata in Russia dell’ovest e in Kazakhstan, seguendo lo stesso modello dell’epidemia di influenza aviaria nell’estate del 2005 e 2016. In entrambi i casi le epidemie si diffusero rapidamente nell’Europa dell’est e del nord.

Questo articolo descrive l’impatto dell’influenza aviaria, come si diffonde e cosa devono fare gli allevatori per prevenirla, secondo le linee guida del Governo e altre misure pratiche.

Che cosa è l’influenza aviaria?

Come il nome stesso suggerisce, il virus dell’influenza aviaria è una forma di influenza biologicamente adattata agli uccelli ospiti. L’influenza degli uccelli non è specifica delle galline e degli avicoli in generale e in teoria qualunque uccello, selvatico o domestico può essere infettato. Il bacino dell’influenza aviaria è negli uccelli selvatici come anatre e gabbiani.

I sintomi nelle galline

Le galline con influenza aviaria mostreranno vari sintomi. Potrebbero essere meno attive, perdita di appetito e mostrare segni di nervosismo. La produzione di uova calerà e creste e bargigli sembreranno gonfie con un colore blu. Altri sintomi dell’influenza aviaria nei polli includono tosse, starnuti e diarrea. Sfortunatamente molti di questi sintomi sono comuni ad altri malanni per cui dovrà essere un veterinario a fare la diagnosi.

Ci possono volere 14 giorni perché l’influenza si diffonda a tutte le galline. Alcune galline potrebbero non mostrare segni di malattia anche se sono dei potenziali portatori del virus. Altre invece possono star male e morire in breve tempo.

Come curare l’influenza aviaria

Potete ridurre il rischio di influenza aviaria seguendo le ultime indicazioni della Defra e del governo. Vaccinare le galline a rischio virus è solo uno dei metodi di prevenzione. Se l’influenza aviaria infetta le galline, queste devono essere soppresse. Il link alle ultime informazioni degli organi competenti sono forniti alla fine dell’articolo.

Come proteggere le galline

    • Posizionate cibo e acqua in un’area completamente recintata e protetta da uccelli selvatici e rimuovete il cibo avanzato con regolarità.
    • Tenete pulita la vostra attrezzatura e disinfettate le superfici.
    • Pulite le suole delle scarpe prima e dopo essere andati dalle galline.
    • Assicuratevi di lavare i vestiti con cui manipolate le galline ogni volta che entrate in contatto con loro.
    • Utilizzate delle sovrascarpe per evitare di portare nel recinto delle galline degli escrementi di uccello selvatico.
    • Mantenete i pollai nella stessa posizione e non spostateli – se li trasportate su un nuovo terreno, ci saranno più possibilità che entrino in contatto con escrementi di uccelli.
    • Fate attenzione alle galline e tenetele controllate. Se riscontrate segni di malattia, domandate consiglio ad un veterinario qualificato.

This entry was posted in Galline