Ci sono dei tempi di attesa a causa dell'elevato numero di domande. Vi preghiamo di visionare la nostra pagina sulle Consegne per ulteriori informazioni.

The Omlet Blog

Come calmare un galletto aggressivo?

I galli hanno tre funzioni specifiche in un gruppo di galline. Proteggono le galline avvertendo per ogni possibile pericolo, vi permettono di allevare i vostri pulcini e sono incredibilmente belli. A volte però. L’istinto protettivo dei galli diventa un problema e diventano troppo aggressivi. Questa situazione si può acuire in primavera perché è il periodo degli accoppiamenti.

cockerel

Immagine di Anthony Scanlon da Pixabay

I galli sono programmati per proteggere le loro galline. Se osservate un gruppo che becchetta in giardino, noterete che un chiocciare acuto di una gallina farà correre il gallo a controllare che tutto sia a posto. Se una gallina starnazza quando la prendete in braccio, il gallo si metterà in posizione difensiva finché non la rimetterete giù. Finché però il gallo non attacca fisicamente, non ci sono problemi. Il fatto è che invece a volte aggrediscono fisicamente.

Se questi scontri diretti continuano, il gallo potrebbe decidere che voi – e tutti gli esseri umani – rappresentate un pericolo e cercheranno di aggredirvi ogni volta. Fortunatamente potete disinnescare il circolo vizioso.

I galli mandano dei segnali quando sono intenzionati ad attaccare. Abbassano la testa e avanzano simulando una sorta di danza e manifestando l’intenzione di attaccare. Potrebbe anche decidere semplicemente di correre e attaccarvi alle gambe esattamente come farebbe un’oca infuriata. Il gallo alla fine potrebbe cacciarvi dal cortile oltre a causare altri spiacevoli inconvenienti.

Come fermare un gallo che sta per attaccare?

  • Non dirigetevi diritti verso il gallo quando entrate nel posto in cui tenete le galline.
  • Non guardatelo fisso a meno che non abbia già iniziato a comportarsi aggressivamente perché guardarli fissi è considerato un atteggiamento di sfida – Se fissate lui e il gruppo di galline, vi comportate esattamente come farebbe un predatore.
  • Non camminate in punta di piedi e non scappate se il gallo vi guarda perché sono segnali che avete paura e il gallo potrebbe prenderli come spunto per inseguirvi e finire il lavoro!
  • Non correte per il cortile – il gallo paragona i movimenti rapidi a quelli di un predatore. Proseguite i vostri lavori in cortile con calma, lentamente e in modo mirato.
  • Assicuratevi che le galline vivano in un ambiente senza stress. Se si aggirano dei cani o se ci sono dei bambini irruenti che corrono tra le galline, i loro schiamazzi potrebbero rendere il gallo super protettivo nei contronti delle galline.
  • Se il gallo vi porta dei piccoli ‘regali’ come dei sassetti o un legnetto, non siatene lusingati. Vi sta trattando alla pari di una gallina e voi dovrete rifiutare il regalo e mandarlo via altrimenti penserà di avervi sottomesso!
  • Non inseguitelo. Se si sentirà intrappolato all’angolo, probabilmente combatterà per scappare.

Come gestire un gallo aggressivo

Non reagite mai violentemente agli attacchi.

Attack cockerel

Immagine di Linda Saayman da Pixabay

Non avrebbe alcun effetto positivo sul comportamento del gallo o del gruppo di galline e in più potrebbe ferirlo. Può anche essere aggressivo ma è pur sempre un uccello e quindi ha ossa fragili ecc.

Un gallo andrebbe preso con un paio di guanti spessi per metterlo in un posto sicuro, lontano dal resto del gruppo. Le braccia e le gambe dovrebbero essere coperte e anche le scarpe dovrebbero essere solide. Se il gallo ha appena iniziato ad attaccarvi si dovrebbe riuscire a calmarlo con pochi bocconcini. Sarebbe una buona idea portare sempre con voi dei bocconcini. Dopo un po’ di volte che gli avrete dato dei bocconi gustosi, inizierà ad associarvi ai bocconi invece che al pericolo. I bocconi andrebbero offerti con la mano perché se li buttate a terra, il gallo potrebbe interpretarlo come un segnale di paura e i problemi potrebbero continuare.

Un metodo un po’ più brusco potrebbe essere di far rotolare con gentilezza il galletto a terra sollevando la scarpa quando si avvicina in cerca di guai. Dopo un po’ di questi approcci, dovrebbe capire che siate un elemento dominante e quindi vi dovrebbe lasciare in pace. Almeno in teoria!

Come sollevare un gallo arrabbiato

Cockerel starts pecking the ground

Immagine di Irina_kukuts da Pixabay

In alternativa, quando il gallo proverà a beccarvi, cacciatelo via ricordando di indossare sempre i guanti e poi prendetelo e tenetelo come tenete una gallina sotto il braccio. All’inizio il gallo si ribellerà e strillerà ma alla fine si calmerà. Ci impiegherete circa 10 o 15 minuti ma sarà tempo ben speso se alla fine non vi aggredirà più.

Se il gallo non ha ancora attaccato, potreste dissuaderlo dal farlo facendo un lungo passo verso di lui, guardandolo. Se a questo punto il gallo si agita, guarda il terreno e inizia a becchettare, significa che avete vinto la battaglia.

Il segreto del successo è di far comprendere al gallo che non siete un pericolo per le galline. Proteggere il suo gruppo è la sola cosa che lo spinge ad essere aggressivo. Se non funziona e il gallo inizia a stirare le ali e il collo pronto ad aggredire, allora aprite anche voi le braccia. Se avete con voi un bastone, sarà anche meglio perché farà sembrare la vostra apertura alare anche più ampia.

Quali sono i galli più aggressivi?

In alcuni casi si direbbe che i galli nascono con un cattivo carattere! In questi casi l’istinto del gallo di proteggere le galline è sempre fuori controllo. Iniziano ad essere aggressivi fin da pulcinotti anche se le aggressioni vere e proprie di solito iniziano intorno ai 6/8 mesi di età. Anche se a volte la razza fa la differenza, ci sono dei casi di razze docili che invece non hanno pietà!

Si dice che i galli più aggressivi siano di razza Aseel (apparentemente i più bulli di tutti), i Cornovaglia, Leghorn, Malay, Old English Game e tutte le razze tradizionali da combattimento.

Quali sono i galli meno aggressivi?

Tra i galli meno aggressivi ci sono gli Australorp, Brahma, Olandesi, Moroseta e Welsummer. Anche i Bantam sono relativamente calmi. Naturalmente a volte ci sono dei ‘cattivi soggetti’ tra tutte le razze.

I galli che sono costantemente aggressivi sono un problema, specialmente se avete dei bambini che girano per il cortile. Un gallo intenzionato ad attaccare fisicamente, ha degli speroni appuntiti – gli spuntoni sulle zampe – che possono fare molto male. Se tutti i tentativi di calmare il gallo falliranno, bisognerà pensare a trovargli una nuova sistemazione.

Se avete scelto una razza non aggressiva di galli e se le galline hanno tanto spazio a disposizione difficilmente avrete dei problemi di aggressioni. Fategli capire fin da subito chi è il capo e non accettate mai regali da parte sua perché poi potrebbe considerarvi parte del gruppo di galline.

 

This entry was posted in Galline


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *