The Omlet Blog

Come affrontare la perdita di un animale domestico

Coloro che hanno perso il loro amato animale sanno il dolore profondo che si prova esattamente come la perdita di un parente o di un amico. Per molte coppie, l’animale di famiglia diventa un altro figlio solo con quattro zampe e una coda e che non ribatte. Molti traggono conforto dai nostri amici tra gli alti e bassi della vita quotidiana e la perdita dell’animale può essere veramente dolorosa.

E’ giusto sentirsi tristi

Bisogna prendersi del tempo per elaborare quanto successo e lasciarsi il tempo per il dolore. Questo è importante anche se avete dei figli ed è la prima volta che sperimentano questo tipo di perdita e potrebbero far fatica a comprendere.

I padroni spesso si trovano a dover decidere per l’eutanasia se la salute dei loro animali peggiora senza speranza. E questo potrebbe aggiungere anche un senso di colpa per aver dovuto prendere la decisione oppure domandarsi se avrebbero potuto fare diversamente. Discutetene con il veterinario, vi rassicureranno sulla vostra scelta.

Non vergognatevi mai per il vostro sconforto. Molti non lo capiranno oppure non saranno solidali con voi ma questo non significa che non abbiate il diritto di essere sconvolti. Se sentite che sarebbe meglio prendervi due giorni lontano dal lavoro, fatelo. Gli animali che ci accompagnano per anni e che vivono in casa con noi lasciano un grande vuoto e i sentimenti di solitudine sono assolutamente normali.

Confidatevi con i vostri familiari e i vostri amici su come vi sentite ma se non capiscono i vostri sentimenti allora potete rivolgervi a delle organizzazioni come Blue Cross and Cats Protection che hanno dei gruppi di supporto apposta.

Se era il vostro unico animale, considerate di togliere la cuccia, le ciotole e i vari giochi e spostarli magari in garage per toglierli dalla vista. Buttarli potrebbe essere un po’ troppo, prendetevi tutto il tempo, solo metteteli via così ci saranno meno ricordi per casa.

Se in casa avete un altro animale tenetelo d’occhio per vedere se mostra segni di depressione e solitudine. Consultate un veterinario se avete l’impressione che abbia modificato comportamento e non mostra segni di miglioramento.

Che fare dopo?

Alcuni scelgono di adottare quasi subito dopo la perdita un altro animale dato che la casa sembra vuota senza di loro. Altri invece ritengono che sia un modo per rimpiazzarli. Potete valutare di adottare un altro genere di animale, ad esempio se avete perso un cane potreste adottare un gatto. In questo modo non avrete la sensazione di rimpiazzarlo ma darete una casa a un gatto che ne ha bisogno.

Tutti noi facciamo tantissime foto ai nostri amati animali e ora è il momento di usarle. Scegliete le vostre preferite e fatene un album ricordo oppure fate stampare un ingrandimento così che saranno sempre a casa con voi. Altre cose che potreste fare in memoria del vostro animale è di piantare un albero o dei fiori nel loro giardino preferito. Leggere o scrivere una poesia, fare una donazione ad un’associazione che si occupa di salvare animali o diventare volontari in un rifugio per animali.

 

Pawprints Left By You – di Vayda Venue

You no longer greet me
As I walk through the door,
You’re not there to make me smile,
To make me laugh anymore,
Life seems quiet without you,
You were far more than a pet,
You were a family member, a friend,
A loving soul i’ll never forget.

It will take time to heal,
For the silence to go away,
I still listen for you ,
And miss you everyday,
You were such a great companion,
Constant, loyal, and true,
My heart will always wear,
The pawprints left by you.

This entry was posted in Animali da compagnia