The Omlet Blog Archives: August 2018

Gatto obeso: cosa fare?

 

L’obesità tra gli animali domestici è un problema serio e sempre più diffuso. Per quanto soffice e adorabile, un gatto cicciotto si trova a rischio di varie malattie cardiache, cancro, diabete ed artrite. Una delle cause più diffuse è la sedentarietà: il gatto domestico se ne sta dentro casa a pisolare tutto il giorno, annoiato e probabilmente circondato da cibo e croccantini più di quanto sia davvero necessario. Come fare allora per far mantenere in forma e salute smagliante il vostro gatto?

 

Il mio gatto è davvero obeso?

Per prima cosa, è importante capire se il vostro gatto soffre realmente di obesità: non sempre è immediato riconoscere questo problema, soprattutto se avete una razza di gatto imponente o con fitto pelo lungo! Un gatto in salute è ben proporzionato, con poco grasso addominale e se preso in braccio, dovreste sentire le costole e ossa delle anche. Ovviamente ogni razza ha specifiche caratteristiche e un peso medio ideale: è consigliabile fare un po’ di ricerca per capire che metro di confronto usare per il vostro micio. Una volta acquisite queste informazioni vi basterà pesare il gatto, se questo supera il 15% del peso ideale allora il verdetto è sicuro: Mr Whiskers è sovrappeso! Come per qualsiasi animale, se non siete sicuri di come comportarvi, rivolgetevi ad un veterinario. Non sempre infatti, la causa di un gatto sovrappeso è il troppo cibo e il poco esercizio…

 

 

Ok, il mio gatto è sovrappeso: come fare per rimetterlo in forma?

  1. Controllate l’assunzione di calorie

    Scegliete del cibo per gatti a base di carne di ottima qualità e facilmente digeribile. Il cibo in scatola tende a contenere un alta percentuale di acqua, che contribuisce a far sentire sazio il gatto, anche dopo aver assunto poche calorie. Il cibo in scatoletta (cibo umido) è in generale più salutare dei croccantini e cibo secco. I croccantini sono paragonabili ad un pacchetto di Pringles per un umano: facvilmente accessibili e sgranocchiabili potenzialmente tutto il giorno e in larghe quantità. Se non fate attenzione, rischiate di continuare a riempire la ciotola di croccantini, perdendo così il controllo sulla dieta del vostro gatto.


 

  1. 2.Stop agli snack 

    Basta snack, dolcetti e treats a tutte le ore! Può essere difficile all’inizio, ma non fatevi corrompere dai miagolii disperati e dalle fusa interessate. Provate invece a premiare il vostro gatto con dei grattini o con un gioco. Se volete un’alternativa edibile ma anche dietetica, provate a con degli snack a basso contenuto calorico oppure con qualcosa di 100% fresco e naturale, come una punta di broccoli. Se il vostro gatto è estremamente sovrappeso, consultate il vostro veterinario e fatevi prescrivere una dieta appropriata.

    3.Più esercizio fisico

    Provate a far fare più movimento al vostro gatto: l’attività e l’attenzione concentrata verso il gioco lo manterrà attivo, gli farà bruciare calorie e lo aiuterà a combattere la noia e la relativa fame da stress o noia (stress eating). Benvenuti sono giocattoli e percorsi interattivi sui quali saltare e arrampicarsi. I giochi infusi di erba gatta o con penne sono di solito i più interessanti: ogni gatto però ha i suoi gusti, per cui non scoraggiatevi se il vostro gatto non si entusiasma particolarmente a tutti i giochi da subito.  Per i più motivati ed intraprendenti, perché non provate a portare il vostro gatto a fare una passeggiata al guinzaglio? Non forzatelo ad infilarsi dentro una pettorina, ma cercate di essere gentili e a presentare il tutto come un fantastico nuovo gioco.

 

 

Non avere fretta!

Non aspettatevi che il vostro gatto perda pesa nel giro di poco tempo, né forzatelo a dimagrire a tempo di record! Non solo è difficile, ma rischiate seriamente di compromettere la salute del vostro gatto, e il suo fegato in primis. Idealmente, non dovrebbe perdere più del 3-4% della massa totale al mese. Se state modificando la dieta, fatelo gradualmente in modo da non sconvolgere le abitudini e lo stomaco del vostro gatto. 

Fate attenzione al pelo e in generale alla toeletta: gatti obesi, soprattutto appartenenti a razze dal pelo lungo, hanno difficoltà a mantenersi puliti. Ricordatevi quindi di spazzolare e pulire bene il vostro micio!

 

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti on August 29th, 2018 by silvialamura


Snack per criceti fatti in casa: Crunchy Honey Delights

A chi non piace un bel pranzo o una deliziosa cenetta fatta in casa? Il vostro criceto non è da meno, e con questa facile e divertente ricetta lo farete sicuramente contento! E’ anche la perfetta attività per coinvolgere i vostri bambini e rendere ancora più stretto il rapporto con i vostri pets 🙂 Nelle foto trovate i piccoli chef Ruby ed Harry, con la loro cricetina Ginny.

 

Ricetta per i Crunchy Honey Delights

Ingredienti:

Cheerios (o simili, senza zucchero!)
Semi di sesamo
Miele
Avena

 

1. Versate in una ciotola i semi di sesamo e l’avena

 

2. Sbriciolate grossolanamente i Cheerios dentro un sacchettino di plastica, senza ridurli in polvere. 

 

3. Versate i Cheerios nella ciotola insieme ai semi di sesamo e all’avena e mescolate bene.

 

4. Aggiungete il miele all’impasto e mescolate bene tutto insieme. 

 

5. Dividete l’impasto e iniziate a modellarlo in piccole palline. Allineate poi le polpettine su una teglia e lasciate riposare in frigo per 15 minuti.

 

6. Scaldate il forno a 190° e cucinate gli snack per 8-10 minuti. Tirate poi fuori la teglia e lasciate raffreddare completamente.

 

7. Ed è tempo di testare i dolcetti! La nostra Ginny ha apprezzato 🙂

 

Scoprirete presto quanto il vostro criceto vada ghiotto per questi snack. Non esagerate però con le dosi, e non datene mai più di una o massimo due volte alla settimana.

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Criceti on August 22nd, 2018 by silvialamura


TOP 7 Consigli per tenere al fresco le vostre galline in estate

Lo sapevate che le galline non sudano? Questo però non vuol dire che non sentano e soffrano il caldo e l’afa delle giornate estive, anzi! Le galline sono più sensibili al caldo che al freddo e possono rischiare di morire per un colpo di calore. Come capire se la vostra gallina ha troppo caldo? Un esempio è quando trovate le vostre galline belle spaparanzate in giardino, oppure quando le vedete aprire bene ali e penne per far passare un po’ d’aria! Di seguito trovate alcuni consigli per aiutare le vostre galline a sopportare al meglio la calura estiva.

 

  1. Tanta acqua

Le uova hanno un alto contenuto d’acqua, per cui produrre uova assorbe una buona percentuale dell’acqua contenuta nel corpo di una gallina. Cambiate di frequente l’acqua degli abbeveratoi, in modo che ce ne sia sempre di fresca e in abbondanza. Ricordate inoltre di spostare l’abbeveratoio in una zomba ombrosa e riparata, così che l’acqua rimanga fredda il più a lungo possibile durante il giorno. Se avete lo spazio, aggiungete altri abbeveratoi e/o ciotole con acqua in modo da evitare che tutte le vostre galline si ammassino nello stesso spazio, dovendo quasi lottare per l’accesso. Se il vostro giardino ve lo permette, considerate l’idea di aggiungere un paio di contenitori con dell’acqua a mo’ di laghetti: il livello dell’acqua non deve essere alto, lo scopo è solo quello di far bagnare zampe e gambe alle galline, in modo che si rinfreschino e abbassino la temperatura corporea quando necessario.

 

  1. Ombra

E’ fondamentale creare una zona ombrosa e riparata dove le gallina si possano riparare, soprattutto durante le ore più calde della giornata. Se le vostre galline hanno libero accesso al vostro giardino, si troveranno da sole un riparo sotto un albero o un cespuglio. Se così non fosse, create voi una zona apposita.

 

  1. Cibo

In estate provate a differenziare leggermente la dieta delle vostre galline, incorporando magari bacche, pezzi di frutta e verdura congelati. Se vi sentite creativi, potete mescolare insieme il solito pastone e congelarlo in stile ghiacciolo. Potrete poi lasciare le treat comodamente attaccate alla rete del recinto o direttamente per terra con uno stecchino. Una facile alternativa? Una anguria fresca di congelatore è la dieta perfetta per ferragosto! State attenti a non dare troppo cibo e treat congelati alle vostre galline, anche se fuori fa caldo: la digestione richiede energia e produce calore interno. Come ultima considerazione, cercate di dargli da mangiare durante le ore più fresche del giorno.

 

  1. Supplementi

Per le settimane più calde può essere un’ottima soluzione somministrare dei supplementi nutrizionali come vitamine e tonici: in commercio ne esistono di diversi tipi, come le versioni liquide, che potete comodamente sciogliere nell’acqua dell’abbeveratoio. L’aceto di sidro di mele è un ottimo tonico naturale e aiuta a far assorbire meglio il calcio essenziale alla formazione dei gusci d’uovo.

 

  1. Bagni di sabbia

Le galline adorano i bagni di sabbia tutto l’anno, ma in estate in particolar modo! Se non avete già un’area apposita per questi bagni, potete facilmente crearne una con una bacinella o contenitore mediamente profondo che riempirete con sabbia, terra e polvere anti-pidocchi e anti-acari. Ricordate di posizionare il contenitore all’ombra, o di usare dei teli per creare una zona fresca e protetta dai raggi del sole.

 

  1. Spazio

Date alle vostre galline ancora più spazio per muoversi: stare tutte ammassate dentro lo stesso recinto non aiuta la circolazione dell’aria e fa solo che aumentare la temperatura corporea. Tenete conto che ogni galline deve essere in gradi di sdraiarsi bene per terra all’ombra e aprire ali e penne per una migliore ventilazione.

 

  1. Pollaio fresco

Tutta la linea di pollai Eglu di Omlet ha un sistema di pannelli e un design generale che garantisce insulazione e ventilazione all’interno. Se invece avete un pollaio in legno tradizionale, assicuratevi che ci sia sempre un ricircolo d’aria (non corrente o spifferi) e tenete d’occhio eventuali condense e muffe sulle pareti! In particolare, la combinazione di muffe e caldo afoso farà marcire velocemente pagliericcio, fieno e quant’altro abbiate come bedding,  senza contare il rischio che attraggano acari, pidocchi ecc…  Fate attenzione a non mettere uno strato troppo spesso di pagliericcio, in estate ve ne basterà uno leggero, in modo che questo trattengo meno calore possibile. Se il caldo è insopportabile, tanto che le vostre galline si rifiutano di entrare nel nido a deporre, considerate l’idea di creare dei nidi altrettanto confortevoli e protetti all’esterno, magari in una zona all’ombra e venitlata.

 

 

Sources: https://www.fresheggsdaily.com, http://www.henrescue.org, https://www.omlet.dk, https://www.backyardchickens.com

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Estate on August 13th, 2018 by silvialamura


6 buonissimi motivi per acquistare una recinzione Walk-In per gatti

1. Protezione 

 

Non tutti hanno il lusso di vivere in una zona residenziale tranquilla o in campagna, anzi!  In zone centrali, o molto trafficate, le persone hanno la tendenza a non lasciare libero il proprio gatto al di fuori delle mura domestiche nel timore che questo si possa perdere, ferire o che venga investito da un auto. Grazie ad un recinto Walk-In, installato in giardino, sul tetto o magari in terrazzo, potrete assicurare al vostro micio un po’ di esercizio e aria fresca in completa sicurezza!

 

2. Malattia 

 

Nel caso in cui uno o più dei vostri gatti sia affetto da una malattia contagiosa per altri animali, il recinto Walk-In vi tornerà incredibilmente utile come spazio separatore. Al contrario di una soffocante gabbietta, potrete dare ai vostri gatti convalescenti tutto lo spazio, calma e protezione che meritano fino a quando non potranno tornare a giocare e ad interagire normalmente con voi e i vostri altri pets.

 

3. Vicini di casa

 

Purtroppo non tutti i vicini di casa sono perfetti “gattari” o simpatizzanti tali. Non tutti i vicini possono apprezzare l’eventuale invasione del vostro gatto nel loro curatissimo giardino, o il fatto che questo possa trasformare l’aiuola di narcisi e tulipana nel suo nuovo bagno personale… Per scongiurare eventuali dispute e stare ben al riparo dalle ire dei vostri vicini potete recintare il vostro giardino con i nostri recinti Walk-In. Sono venduti a moduli per adattarsi alla grandezza di qualsiasi giardini, con un’altezza fino a 2m sono ariosi e verniciati a polvere in verde si amalgamano bene con il resto del prato e fiori.

 

4. Design e Montaggio

 

Non tutti nasciamo esperti del fai-da-te, o con una certa manualità e creatività per realizzare tutti i progetti che vengono in mente. I nostri talentuosi designer hanno creato dei recinti dalle linee eleganti e, soprattutto, sicuri, funzionali e facili da assemblare, insomma, quasi più facile di un mobile IKEA (e niente brugole che fanno male alle mani!).

 

5. Budget

 

Manualità a parte, realizzare un progetto fai-da-te ha il suo costo, anche elevato, in base al tipo di materiali che si vuole impiegare. Il modello base (2x2x1) dei recinti Walk-In costa la ragionevole cifra di 399€, per un prodotto di qualità e design, che siete sicuri durerà nel tempo!

 

6. Zero Burocrazia

 

Il recinto Walk-In vi offre uno spazio sicuro e resistente, e soprattutto a burocrazia zero. A differenza di altri tipi di strutture rinforzate, il recinto di Omlet si monta e smonta facilmente senza bisogno di permessi speciali dal comune.

 

Vi abbiamo convinto? Scoprite tutta la linea di recinti Walk-In!

 

 

 

 

 

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti on August 13th, 2018 by silvialamura