The Omlet Blog

Un’intervista esclusiva con Jamieleigh dal canale Youtube “BirdTricks”

Foto di Rachael Baker Photography

 

Come e quando hai iniziato ad occuparti di uccelli?

Come molti bambini, da piccola avevo un pappagallino e né io né i miei genitori sapevamo nulla. All’età di 17 non avevo più avuto esperienze dall’età dell’asilo ma il mio fidanzato (e poi marito) sì. Per cui sono stata proiettata in un mondo che non conoscevo ma che mi attirava.

Come è una giornata tipica dei tuoi pappagallini?

Mi piacerebbe che nella mia vita ci fosse qualcosa che assomiglia ad una “giornata tipo”! Ci sono molti diversi aspetti che compongono la mia vita, considerando anche che io viaggio molto. I miei pappagallini hanno visitato un sacco di stati e stanze di hotel e adesso una delle cose che preferisce sono i viaggi in macchina perché le piace stare in macchina assieme a noi!

Quando siamo a casa tutta la casa è per lei e abbiamo anche messo in sicurezza un’area esterna di porticato dove può svolazzare. La parte più dolce della giornata è quando si sveglia e viene in sala a salutarci mentre la sera quando non la vedi più in giro è perché è andata a riposare nella stanza più tranquilla della casa (ha delle scorte di cibo in tutte e due le stanze – e la gabbia della Omlet sempre aperta in camera di mia figlia.)

Come fai a dire se un pappagallino è felice?

Tutti gli animali fanno un suono particolare che mostra felicità – i gatti fanno le fusa e gli uccellini cinguettano. Il nostro pappagallino non fa eccezione ed ha tutta una serie di suoni che indicano la sua felicità. Ci vola in braccio tutti i giorni e questo ci rende felici ed è anche bello da vedere!

Quale è il bocconcino che preferisce?

Come la maggior parte dei pappagallini, il miglio.

Cosa consiglieresti a qualcuno che sta pensando di prendere un pappagallino?

Domandatevi “perché” desiderate un pappagallino. Fate un elenco di motivi per cui siete sicuri di desiderarlo e siatene certi perché a volte i pappagallini possono essere scoraggianti – si spaventano facilmente e, se non vengono abituati ad essere manipolati possono aver timore delle persone. Tanti oggetti che per noi esseri umani sono considerati “i preferiti” come gli specchi, si interporranno quando vorrete creare un legame significativo con il pappagallino.

Che cosa ti piace della gabbia per uccelli Geo?

La prima cosa che mi ha attirato è stato il suo design unico e come si inserisce bene in un ambiente casalingo. Anche le impronte sono carine e si adattano bene in ogni ambiente. Naturalmente la mia prima preoccupazione in una gabbia per uccelli è il design e il materiale con cui è fatta e dopo aver verificato la loro adeguatezza, ne sono rimasta affascinata!

 

 

This entry was posted in Pappagallini