The Omlet Blog

Category Archives: Incubatrici/Polli

Pulcini da cova questa primavera?

Fintanto che le vostre galline depongono le uova e avete un gallo nel gruppo, potete incubare e far schiudere le uova durante tutto l’anno. Però tradizionalmente, il periodo migliore per allevare i vostri polli è in primavera. Far schiudere e far crescere le vostre galline è incredibilmente eccitante e anche soddisfacente. Non c’è nulla di più gratificante che vedere i vostri piccoli pulcini cescere e sapere che avranno la miglior vita possibile, dall’inizio alla fine. Il periodo d’incubazione delle uova di gallina, di solito è di 21 giorni. Il metodo più affidabile per incubare le vostre uova fertili e massimizzare le possibilità che si trasformino in pulcini sani è di utilizzare un’incubatrice artificiale. Qui di seguito la nostra nostra guida che vi seguirà passo passo alla schiusa dei pulcini:

1. Pianificare a lungo termine

Prima che si schiudano le uova, dovete avere un piano in modo da sapere cosa farete e dove metterete i pulcini una volta nati. Una stima conservativa, conferma che il 25-50% delle uova non si schiuderanno sia perché non erano fertili, sia perché durante il periodo di incubazione ci sono stati problemi. Tra le uova che si schiuderanno, un 50% circa saranno galli e il restante 50% galline. Tutti desiderano avere le galline e quasi nessuno galli e così si apre la questione di cosa farne degli ultimi. In molte razze, i galli non si tollerano e si fronteggeranno vivacemente a meno che non siano separati. 

2. Uova

Prima di tutto dovete essere ragionevolmente certi che le uova siano state fecondate. Prenderle da un buon allevatore/contadino è fondamentale. Le uova di alcune razze sono costose e così ogni uovo che non si schiuderà vi costerà soldi. Un allevatore non potrà mai darvi la certezza al 100% che le uova sono feconde ma un allevatore con esperienza potrà averne la quasi certezza.
Le uova non dovranno essere deformate o mostrare segni visibili di difetti. Ogni fessura nel guscio delle uova significa un fallimento nella schiusa. Ogni difetto nel guscio potrebbe risultare una difficoltà per il pulcino ad uscire in quanto deforme o non completamente sviluppato. Una volta che avrete le uova, è buona pratica lavarle con un disinfettante per uova. I gusci delle uova sono porosi e gli embrioni ricevono ossigeno e acqua attraverso il guscio. Se ci sono tossine o batteri sui gusci, questi potrebbero danneggiare gli embrioni.

3. Tenete un diario


E’ davvero un’ottima idea tenere un diario del periodo di incubazione. Questo significa numerare tutte le uova e tenere un diario giornaliero che riporti il peso di ogni uovo. Un uovo che si sta evolvendo perderà gradualmente peso nei 21 giorni d’incubazione. Perderà circa il 10-15% del suo peso originale. Quando l’uovo nell’incubatrice non perde peso significa che non sta evolvendo.

4. Incubatrice

Rotazione
Scegliete con cura l’incubatrice. Alcune incubatrici come la Brinsea Mini II hanno un movimento di auto-rotazione interno. L’auto-rotazione vi aiuterà a risparmiare tempo e fatica. Ogni uovo durante l’incubazione richiede tempo per essere girato ogni 90 minuti per fare in modo che l’embrione si posizioni in maniera ottimale dentro l’uovo. Una gallina che cova gira naturalmente tutte le uova su cui è seduta muovendosi nel nido; la rotazione simula quanto avviene naturalmente quando una gallina si prende cura delle uova. Se l’incubatrice non ha l’opzione di auto-rotazione, dovrete girare le uova manualmente. E’ comunque una buona pratica marcare le uova con un pennarello non tossico in modo da essere certi che girerete tutte le uova ogni volta. 

Controllo della temperatura
Una buona incubatrice manterrà una temperatura costante all’interno. Vi raccomandiamo l’incubatrice Brinsea Mini II. La temperatura ottimale per far schiudere le uova è di 37.5 gradi Celsius. Una buona incubatrice farà scattare l’allarme se la temperatura cala o si alza sopra una certa soglia. La temperatura della stanza in cui sarà tenuta l’incubatrice è fondamentale dato che influenza pesantemente la temperatura dell’incubatrice. Quando aprirete l’incubatrice per i controlli di routine, è importante che le uova non subiscano uno shock termico – uno shock potrebbe uccidere i feti. Consigliamo di mantenere una temperatura stabile di  circa 25 gradi Celsius nella stanza dell’incubatrice.
Controllo dell’umidità
Una buona incubatricesarà anche in grado di fornire un adeguato tasso di umidità all’interno. L’umidità ottimale durante l’incubazione è di 40-50% ma deve essere aumentata il 19 giorno in modo da ammorbidire il guscio delle uovae aiutare i pulcini ad uscire. In alcune incubatrici come la Brinsea Mini II ci sono due contenitori d’acqua. Riempitene uno ogni giorno e tutte e due dal 19 giorno in poi. Potete rabboccare l’acqua della Brinsea senza bisogno di aprire l’incubatrice e questo è un’ottimo metodo dato che bisogna aprire l’incubatrice il meno possibile. E’ assolutamente normale che si generi della condensa nell’incubatrice dopo qualche giorno e sarà dovuta all’alto grado di umidità.

5. Routine giornaliera

Raffreddamento
Il settimo giorno è una soglia importante. Prima di tutto dovrete iniziare a raffreddare le uova per mezz’ora al giorno. E’ meglio farlo tutti i gorni alla stessa ora. Una buona incubatrice ha una ventola e potete impostare un tempo di raffreddamento automatico. Se non c’è, dovrete raffreddarle manualmente tenendole fuori dall’incubatrice. La tempertura di raffreddamento non dovrà però essere troppo elevata. Una differenza dai 2 ai 5 gradi Celsius andrà bene. Le uova che si sviluppano mantengono la loro temperatura quando sono esposte. Ecco la differenza tra un uovo che si sviluppa e un uovo morto. Quando la gallina si allontana dal nido per mangiare e bere, le uova morte si raffreddano immediatamente. La gallina si sbarazzerà delle uova morte togliendole dal nido.  

Speratura
Al massimo al giorno 7 dovrai iniziare la speratura. La speratura mostrerà quali uova si stanno sviluppando e quali no. Se un uovo al giorno 7 non mostra alcun segno di sviluppo, non si schiuderà. E’ essenziale togliere le uova che non si stanno sviluppando perché se lasciate nell’incubatrice inizieranno a decomporsi. Dal giorno 7 in avanti, dovrete continuare a monitorare con la speratura regolarmente. Non sarà necessario farlo quotidianamente dato che non notereste sostanziali cambiamenti da un giorno all’altro ma è buona regola controllare ogni tre, quattro giorni. Il peso e la speratura combinati assieme di solito sono buoni indicatori per la crescita dell’uovo o meno. Dal giorno 7 al 19 i compiti saranno fissi e regolari: raffreddamento giornaliero, pesatura, e occasionalmente speratura.

6. Schiusa

Il giorno 19 segna una nuova importante fase. Dovrete smettere di raffreddare le uova e girarle e dovrete inserire un tappetino da schiusa nell’incubatrice (così che i pulcini appena nati non scivolino). Dovrete anche aumentare la percentuale di umidità fino ad almeno il  65%. Se utilizzerete l’incubatrice Brinsea Mini II potrete farlo aggiungendo acqua anche nel secondo contenitore.
A questo punto, le uova inizieranno a muoversi : i pulcini si stanno posizionando al meglio per poter uscire. A questo punto potreste essere tentati di dar loro un aiuto. La cosa migliore è di monitorarli ogni 6 ore circa.


Intorno al giorno 20 i pulcini avranno perforato il loro guscio per respirare aria fresca. E’ bene lasciarli stare. Non aiutateli ad allargare il buco o ad aprire il guscio. Lo faranno da soli con i loro tempi. A questo punto consumeranno anche tutti i nutrienti del loro guscio perciò è di vitale importanza per loro rimanere all’interno per tutto il tempo necessario. La maggior parte delle razze si schiude al ventunesimo giorno e solo poche razze si schiudono al giorno 20 o 22. Non aiutate i pulcini ad uscire, questo è il loro primo test di forza. Date un aiuto solo se un pulcino è davvero in ritardo (confronto ai suoi amici pulcini nell’incubatrice) e/o il guscio è particolarmente spesso e il pulcino sta evidentemente lottando da troppo tempo per uscire. Una volta nati, lasciate i pulcini nell’incubatrice ancora per 24 ore. Saranno ben nutriti dato che hanno ingerito tutti i nutrimenti delle loro uova. Oltre a questo, l’incubatrice fornisce loro una temperatura ottimale e umidità. E ora guardate il nostro eccellente video sulla schiusa e vedrete quanto è facile far nascere dei pulcini!

Risparmia £70.99 oggi se acquisti Eglu Go viola per polli e Brinsea Mini II ECO STARTER PACK. Il pacco di avvio include tutto quello che serve per fr schiudere le uova, inclusa l’incubatrice Brinsea, uno Speratore, un set per crescere i pulcini e un pollaio Eglu Go dove potrete mettere i pulcini all’età di nove settimane.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Spedizione Gratis su incubatrici Brinsea e Starter Pack

 

L’offerta è valida a partire da mercoledì 25 Aprile 2018 e fino ad esaurimento stock. Omlet si riserva il diritto di terminare l’offerta in qualsiasi momento. La promozione è applicabile sono alle incubatrici e Starter Pack Brinsea, non è trasferibile ad altri prodotti.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Promo Incubatrici Brinsea: 25% di sconto sulla linea Maxi II

 

 

Gratis la lampada a speratura Brinsea Ovaview del valore di  €25.99

 

 

Termini & Condizioni:

La lampada a speratura Brinsea Ovaview è gratuita solo con l’acquisto della linea di incubatrici Brinsea Maxi II e Mini II ed è valida per un periodo limitato, fino ad esaurimento stock promozionale. L’offerta è valida a partire dal 1/03/2018. Non è necessario alcun codice sconto. La lampada a speratura verrà aggiunta in automatico al vostro carrello selezionando una delle incubatrici Maxi II o Mini II.

Sconto del 25% sulla linea di incubatrici Maxi II (Brinsea Maxi II Ex, Brinsea Maxi II Eco). I prezzi sono già stati scontati sul sito, non c’è bisogno di inserire ulteriori codici promozionali. La promozione è valida per un periodo limitato, fino ad esaurimento stock.

Omlet si riserva il diritto di annullare la promozione in qualsiasi momento. L’offerta non può essere applicata ad altri prodotti o usata in combinazione con altre promozioni.

 

.

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Incubazione Artificiale: alcuni consigli per iniziare

 

Molto spesso tra chi alleva galline ormai da qualche anno, viene voglia di mettersi alla prova con il mondo dell’incubazione. Se siete tra i fortunati con un grande giardino, un pollaio spazioso e il giusto numero di galline e galli, vi basterà aspettare che la natura faccia il proprio corso.

In alternativa, molto popolare è l’acquisto invece di uova già fertilizzate, da far covare alle galline. In questo caso, vi basterà semplicemente selezionare un allevatore/venditore affidabile, e stare attenti che la chioccia si prenda cura delle uova e poi dei pulcini durante il primo paio di mesi.

La terza opzione è invece completamente tecnologica, e permette di far schiudere e allevare pulcini senza avere già delle galline. Questo metodo richiede continue e costanti attenzioni, per cui vale la pena di informarsi bene prima di imbarcarsi in questa impresa. Niente di cui scoraggiarsi, anzi, sarà un’esperienza divertente e gratificante!

 

Cosa vi serve per iniziare

1. Uova fertili

Eh, già, senza queste non si comincia. Potete contattare allevatori locali oppure i consorzi agricoli per ottenere le uova oppure informazioni su dove reperirle. E’ molto importante mettere le uova nell’incubatrice il prima possibile da quando sono state deposte. Le uova che hanno le maggiori possibilità di schiudersi sono quelle messe in incubatrice entro 7 giorni dalla deposizione.

Se le uova che avete ricevuto sono un po’ incrostate potete usare un panno per rimuovere lo sporco, ma mai usare acqua, in quanto i batteri potrebbero compromettere l’uovo. In alternativa, potete usare delle soluzione antibatteriche, come quelle della Virkon.

 

2. Lampada a speratura

La lampada a speratura è fondamentale per determinare se l’uovo è stato fecondato e a che stadio di sviluppo si trova l’embrione. Potete confermare che un embrione è vivo solitamente dopo 8-10 giorni dall’inizio dell’incubazione. Ci sono vari tipi e marche di lampade a speratura in commercio, noi vi raccomandiamo quella della Brinsea.

 

3. Incubatrice

Come per le lampade a speratura, in commercio trovate tantissimi tipi di incubatrici, più o meno tecnologiche e sofisticate, per principianti e per allevatori più esperti, piccole o grandi, in base al numero di uova che volete incubare.  Per scegliere quella che fa per voi, di seguito trovate alcune indicazioni di quello che è necessario perchè le vostre uova si schiudano con successo.

Le uova hanno bisogno di una temperatura costante intorno ai 37.5°C con umidità del 52%. L’incubatrice, idealmente sarà posizionata all’interno di una stanza asciutta, con temperatura media costante di circa 18-24°C , lontana da luce diretta e correnti d’aria.

Il primo giorno le uova non vanno girate, ma a partire dal secondo giorno hanno bisogno di essere girate almeno 3-5 volte al giorno. Il voltaggio manuale delle uova è certamente emozionante e interessante, ma un’incubatrice automatica è impostata per girare le uova regolarmente durante il giorno, ed è molto utile nel caso vi dimenticaste di farlo (!).

Controllate regolarmente l’umidità all’interno dell’incubatrice. I modelli più tecnologici hanno un display apposito che potete consultare, così come sono dotati di ventole che permettono il ricircolo d’aria all’interno.

Un uovo di gallina impiega intorno ai 21 giorni per schiudersi, e questo periodo si può dividere in 2 fasi: una di incubazione (primi 18 giorni) e una di schiusa (ultimi 3-4 giorni). Durante la fase di schiusa non dovrete girare le uova. Posizionate le uova sopra un panno o sopra della carta (non di giornale o carta con inchiostro), mentre aspettate che le uova finalmente si schiudano. Non dovete aiutare il pulcino ad uscire dall’uovo, a meno che non sia un emergenza e proprio non ce la faccia. Per schiudersi completamente di solito ci vogliono intorno alle 24+ ore, e dopo che il pulcino è uscito dall’uovo dovrà rimanere almeno altre 24 ore all’interno dell’incubatrice per asciugarsi ed abituarsi alla temperatura.

Brinsea offre una fantastica linea di incubatrici rivolte all’allevatore esperto come al principiante. Potete vedere i modelli disponibili nella sezione Incubatrici.

 

4. Dopo la nascita

Appena nati, i pulcini finiscono di assorbire il tuorlo dell’uovo. Dopo 2-3 giorni avranno invece bisogno di cibo specifico e di un apposito beverino per l’acqua. Necessiteranno inoltre di una casetta speciale, recintata, e protetta da freddo e umidità. I pulcini dovranno essere abituati gradualmente alla temperatura esterna. Per i primi tempi, all’interno della casetta sarà bene aggiungere una lampada ad infrarossi, come per esempio la Brinsea EcoGlow.

 

 

Speriamo di avervi incuriosito riguardo al mondo dell’incubazione e dell’allevamento dei pulcini! Può essere un hobby davvero interessante e pieno di soddisfazioni.

Questo post non è da considerarsi una guida dettagliata. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo alla nostra sezione Guide-Incubazione disponibile sul sito Omlet.

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline