The Omlet Blog

Category Archives: Pollai

Le galline sono felici in un pollaio di legno? Fai il test.

Le galline sono felici nel pollaio in legno?
Il pollaio è sufficientemente solido per sopravvivere all’inverno?
E’ arrivato il momento di migliorare il pollaio in legno?

Queste sono le domande che si pongono i proprietari di galline quando si trovano davanti al fatto che forse il pollaio in legno non supererà un altro inverno.

Fai questo breve test per verificare se il pollaio in legno è ancora adatto per l’inverno.

Il legno assorbe l’acqua, sembra più pesante da trasportare in inverno?

A = Si, o sto diventando più debole oppure il pollaio è decisamente più pesante in inverno

B= Si, ma ho risolto chiedendo aiuto a qualcun altro per spostarlo al posto mio.

C = Ho rinunciato a spostarlo.

D = No, ho passato l’estate a levigare e verniciare il pollaio ed ora è più impermeabile della barba di un marinaio norvegese.

Hai dovuto versare acqua bollente sulle serrature per farle aprire?

A = Si, il mio kit di riparazione per il pollaio è più fornito di quello per la macchina.

B = L’acqua bollente sarebbe stata un’idea migliore rispetto al mattone che ho utilizzato per sollevare il chiavistello e che poi mi è scivolato ed è andato direttamente sulla serra.

C = Ingrasso scrupolosamente tutte le cerniere e le viti ogni settimana perché non si blocchino.

D = Ho meticolosamente allineato il pollaio verso il sole che sorge all’alba così che le viti e i chiavistelli sono sgelati per quando mi alzo. Nelle giornate nuvolose mi risolvo con il bollitore.

Il pollaio in legno si è ingrossato nell’inverno?

A = Forse è un caso, ma sì, le porte sembrano troppo grosse rispetto alle cornici e niente si apre e si chiude come dovrebbe.

B = Si, tutti i pannelli sembrano essersi gonfiati e sono un po’ preoccupato pensando a quando si ridurranno di nuovo perché ho riempito lo spazio extra con altre due galline.

C = Sembra tutto nella norma, ma la parte inferiore sembra un po’ zuppa.

D = Grazie alla mia accurata opera di verniciatura e ad aver posizionato il pollaio in un’area che non è umida, è al top delle condizioni.

Il tetto perde?

A = Quest’anno ho già riparato il tetto varie volte e perde ancora.

B = Si, ma è la prima volta e credo che lo riparerò con facilità.

C = Al momento non ho problemi con il tetto.

D = Il mio pollaio di legno è nuovo di zecca e non credo avrò problemi questo inverno.

All’interno è freddo e umido?

A = Si, dentro è freddo e la lettiera si bagna rapidamente.

B = E’ un po’ freddino, ma le mie galline si stringono fra loro per tenersi calde.

C = Non ho problemi di umidità e ho tante galline che si tengono calde tra loro.

D = Il pollaio mantiene bene il caldo la notte una volta che la porta è chiusa e di giorno razzolano all’aperto.

Avete infestazioni di acari rossi in estate?

A = Si, devo pulire e trattare il pollaio e le galline regolarmente e temo l’arrivo dell’estate.

B = Non più del normale e di solito faccio fronte al problema al meglio delle mie possibilità.

C = Ho dei problemi con gli acari in estate ma ho una strategia ben strutturata.

D = Gli acari rossi non mi hanno causato problemi quest’anno.

Quanto tempo impieghi a pulirlo?

A = E’ un lavoro di una giornata che temo e in inverno non lo faccio con regolarità.

B = Ci vuole parecchio tempo e in inverno non è uno scherzo ma le mie galline lo apprezzano.

C = Ci vogliono alcune ore e tutta la famiglia aiuta nel compito.

D = Non ci impiego molto perché ho un sistema ben collaudato.


I risultati…

Maggioranza di A = Se si sono verificati vari episodi durante l’anno come infestazione da acari rossi, il tetto che perde, scarsa ventilazione, allora è probabile che i problemi siano seri e non spariranno per magia e anzi peggioreranno con il peggiorare delle condizioni atmosferiche. Considerate la possibilità di passare ad un pollaio in plastica per una pulizia più rapida, evitare gli acari rossi, un miglior isolamento termico senza compromettere la ventilazione e delle galline felici tutto l’anno.

Maggioranza di B = Avete fatto un ottimo lavoro per cercare di mantenere al meglio il pollaio finora e sembrate desiderosi di risolvere i vari problemi che si presentano con un pollaio in legno. Magari il pollaio potrebbe resistere un altro inverno ma tu e le galline siete felici? La cosa più importante a cui prestare attenzione è l’umidità e assicurarsi che ci sia una buona ventilazione in modo che le molecole dell’acqua si muovano senza causare troppo freddo alle galline.

Maggioranza di C = Sembra che siete un vero e proprio veterano dei pollai in legno e sappiate esattamente cosa fare! Tenete d’occhio le aree critiche in inverno e assicuratevi di tenerlo pulito anche in inverno, soprattutto se avete tante galline. In primavera, fate un esame su come sono trascorsi i mesi invernali, se ci sono stati dei danni o se delle galline si sono ammalate e poi prendete in considerazione altri tipi di alloggiamento.

Maggioranza di Ds = Il tuo pollaio in legno è come nuovo o ci hai speso molto tempo e fatica per mantenerlo al meglio. Vale comunque la pena fare un esame delle zone critiche prima che inizino le giornate più fredde e cercate degli accessori che potrebbero migliorare il pollaio. Ad esempio, una Porta Automatica può essere posizionata anche su un pollaio in legno così da poter chiudere per tempo le galline la sera anche se non sei ancora rientrato a casa. Così facendo, le galline possono iniziare a stare al calduccio e senza spifferi e saranno al sicuro dai predatori.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


In che modo Autodoor semplifica l’inverno per voi e le vostre galline

Possiamo imparare molto dalle galline. Vanno a letto presto e una volta dentro si accovacciano una accanto all’altra per tenersi al caldo. Nessuna richiesta per uscire a fare un aperitivo la sera. Come risultato la mattina sono belle fresche per affrontare la giornata.

Il problema però è che non sempre abbiamo voglia di alzarci all’alba per lasciarle uscire a razzolare per una giornata piena e allo stesso modo a volte non siamo a casa per richiuderle la sera soprattutto adesso che le giornate si accorciano.

Lasciare la porta del pollaio aperta lascia entrare il freddo e, a meno che il pollaio e la recinzione non siano messi in sicurezza, c’è il rischio che qualche visitatore a quattro zampe non desiderato faccia capolino…

“Qualcuno dovrebbe inventare un’ Autodoor per i ripari delle galline…”

Fortunatamente è già stata inventata la porta a prova di spifferi e di intrusioni. La porta della Omlet Autodoor si collega direttamente al pollaio Eglu Cube Mk1 e Mk2. Ma non esclusivamente a questi modelli – l’Autodoor funziona con qualsiasi pollaio grazie ad un design unico ed intelligente che consente di collegarsi a qualunque riparo abbiate per le vostre galline.

Come molte invenzioni ingegnose – come le radio o le torce a manovella o le luci da giardino alimentate dal sole – la porta per pollai automatica della Omlet ha un sistema molto semplice. E’ alimentata a batteria, sia a tempo che con un sensore di luce per una maggior flessibilità e controllo. Autodoor non si blocca quando la temperatura scende bruscamente. E’ stata testata per funzionare a -20 gradi Celsius (-4 gradi Fahrenheit).

Autodoor è anche molto facile da installare. Il pannello di controllo LCD è separato dalla porta stessa e può essere posizionato al meglio per captare la luce in caso di utilizzo del sensore di luce.

La porta, una volta chiusa, è molto sicura. Non utilizza un sistema di corde e pulegge e non può essere sollevata da predatori in cerca di uno spuntino di mezzanotte. E non riusciranno neppure ad intrufolarsi una volta che la porta è chiusa.

Collegare l’ Autodoor

Se le vostre galline vivono in un Eglu Mk2 Cube della Omlet o in un pollaio in legno, riceverete l’Autodoor con tutti gli attacchi necessari. Avrete bisogno di qualche collegamento extra se volete collegare la porta all’ Mk1 Eglu Cube, una recinzione Omlet o una tradizionale rete per polli.

Il pannello di controllo e il sensore di luce sono collegati grazie ad un robusto cavo così che possiate scegliere il posto migliore per registrare la luce solare. Il sensore però non significa che le galline dovranno rientrare nel pollaio prima che il sole tocchi l’orizzonte. Potete programmarlo per chiudersi un’ora dopo il calar del sole per seguire la routine dei vostri animali. Allo stesso modo può essere programmata per aprirsi un’ora dopo lo spuntare del sole se le vostre galline sono abituate a prendersela comoda la mattina. Questo ha senso soprattutto quando le giornate sono molto fredde – le galline potrebbero apprezzare di rimanere al caldo sui loro posatoi il più a lungo possibile prima di avventurarsi nella mattina gelata.

La porta non si aprirà di notte anche se passano dei fari, una luce di sicurezza o il raggio di una torcia sul pollaio. E’ stata programmata per ignorare questi occasionali sprazzi di luce e si apre solo se sottoposta ad una luce consistente per un tempo fisso che deciderete voi attraverso il pannello di controllo.

In teoria i problemi invernali delle vostre galline sono scongiurati.

E’ possibile che in famiglia abbiate un membro stoico che resta di guardia all’alba e al tramonto ogni giorno per tutto il periodo invernale per aprire e chiudere la porta. Fortunati –questa sì che è dedizione!

Per tutti gli altri, Autodoor farà tutto il lavoro per voi quando non ci siete. E poi vi darà l’occasione di godervi un fine settimana fuori senza dover affrontare gli elementi per accudire le galline!

Un NUOVO accessorio per l’Autodoor

Adesso Autodoor può fare anche di più per semplificare le giornate invernali con la NUOVA Luce per pollai. Questa pratica luce si collega al pannello di controllo dell’ Autodoor e può essere programmata per accendersi automaticamente 5 minuti prima che la porta si chiuda per incoraggiare le galline a rientrare. Così se avete nel gruppo una ritardataria che avete paura possa rimanere indietro, questa è la soluzione ideale.

Potete anche utilizzare la Luce in modalità manuale per garantire una luce al pollaio o alla recinzione ideale per verificare lo stato delle galline una volta che rientrate a casa col buio. Il cavo che collega il pannello di controllo e la luce è lungo 2 metri così che possiate posizionare la luce in un posto ottimale.

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Date un’occhiata ad alcuni dei nostri suggerimenti per preparare il pollaio all’inverno

La temperatura sta rapidamente calando, le giornate si accorciano e mancano solo poche settimane alle prime gelate. Anche se l’aria fresca e le foglie che cadono possono essere piacevoli per alcuni, per i proprietari di galline il freddo dietro l’angolo crea dei timori.

E’ il momento di agire! Preparate il pollaio per i mesi invernali prima che il freddo prenda il sopravvento e dormirete sonni tranquilli sapendo che le galline sono in salute e al caldo per tutto l’inverno.

Date un’occhiata ad alcuni dei nostri suggerimenti per preparare il pollaio all’inverno…

Spostate il pollaio più vicino a casa

Questo è un semplice accorgimento per facilitarvi il compito quando andate ad occuparvi delle ragazze e a controllare il loro stato di salute, cosa molto importante in inverno. Scegliete un pollaio leggero da sollevare e con le ruote come Eglu per agevolare le operazioni di spostamento per il giardino.

Trasformate il vostro pollaio in legno in un Eglu

I principali vantaggi di un Eglu Cube per coloro che tengono le galline in inverno è l’isolamento doppio delle pareti. Funziona in modo simile ai doppi vetri ossia creando una barriera per l’aria fredda fuori dal pollaio e l’aria dentro. L’aria tra le due pareti conduce poco e questo significa che nel pollaio c’è tiepido per tutto l’inverno qualunque siano le condizioni atmosferiche esterne. Le galline sono molto efficienti nel tenersi calde a vicenda, la sola cosa che dovrete fare sarà assicurarvi di chiudere la porta del pollaio la notte.

Autodoor

…e assicurarvi che la porta del pollaio sia sempre chiusa al tramonto anche quando non sieta a casa, la porta per pollai Automatica è la soluzione ideale per il pollaio Eglu Cube o per i pollai in legno. Potete programmare Autodoor per chiudersi ad un orario preciso o seguendo la luminosità per seguire il ritmo delle galline che vanno a dormire quando cala il sole. Autodoor non necessita di batterie ed è stato testato per funzionare anche a -10 gardi celcius così da non aver preoccupazioni qualunque tempo ci sia fuori!

L’altro vantaggio dell’ Autodoor è che si riapre da sola all’alba così che potrete andare al lavoro anche prima che sorga il sole senza la preoccupazione di dover far uscire le ragazze; oppure potrete alzarvi tardi nel fine settimana senza dovervi alzare al freddo per andare ad aprire la porta del pollaio!

“Le giornate si accorciano e non potrei essere più felice del sapere che le galline sono al sicuro e al caldo grazie alla porta Automatica della Omlet. Autodoor mi ha regalato la serenità, la flessibilità di alzarmi quando voglio! Non la raccomanderò mai abbastanza!” – Hayley’s Lottie Haven

Coperture

Le galline sono abili ad adattarsi alle temperature fredde ma non amano bagnarsi ed è meglio proteggerle dagli elementi nel recinto grazie alle coperture and frangivento. Disponibili in varie misure per adattarsi alla lunghezza del vostro recinto le coperture proteggono le ragazze dal vento e dalla pioggia in modo che possano continuare a giocare fuori indipendentemente dal tempo e lascia anche passare la luce attraverso.

Gilet per le temperature estreme

Quando le temperature calano considerevolmente sotto lo zero e per diversi giorni di fila, potrebbe essere opportuno riscaldare le galline con un gilet adatta alle temperature estreme. Le galline debilitate e quelle anziane beneficieranno di questo aiuto extra.

Intrattenimento

Per evitare che le galline si annoino ci sono vari giochi interattivi con cui possono divertirsi con ogni clima. Il Posatoio per galline fornisce un posatoio esterno che può essere posizionato ovunque nel recinto (e protetto dalle coperture) quando le galline non possono appollaiarsi nei soliti spazi intorno al giardino. L’ altalena garantisce ore e ore di divertimento e può essere posizionata facilmente ovunque nel recinto. Mentre il Peck Toy e il dispenser Caddi offrono un divertimento interattivo oltre a distribuire cibo.

Extra

Evitate che l’acqua delle galline geli con il riscaldante dell’acqua per essere certi che abbiano acqua a disposizione in ogni momento. E’ anche consigliabile aggiungere del pellet extra alla lettiera e bocconcini in più dato che le galline hanno bisogno di più energia per scaldarsi e deporre le uova in inverno.

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


My Little Country Lifestyle: Infermiera Veterinaria recensisce Eglu Go UP

Jo Page è un’infermiera veterinaria che gestisce il popolare Blog My Little Country Lifestyle, nel quale racconta della sua vita e progetto di allevamento nel Sud-Ovest dell’Inghilterra. Jo ha cambiato di recente il suo vecchio pollaio in legno in favore di un nuovissimo Eglu Go Up. Di seguito trovate le impressioni di Jo sul nuovo pollaio.

 

“Dopo esserci finalmente trasferiti, avevamo un nuovo problema riguardo a dove tenere le nostre galline. Nella vecchia casa il pollaio infatti era costruito usando in parte le assi del nostro steccato. Fortunatamente, grazie a Matt e alle sue doti con trapano e martello, siamo riusciti a costruire un piccolo pollaio provvisorio in legno.

Dopo aver lavorato con Omlet l’anno scorso per testare l’altalena e il nuovo trespolo per galline, ho deciso di provare e recensire il loro Eglu Go Up. Il pollaio provvisorio era infatti scomodo, difficile da pulire e tenere pulito, e la minaccia degli acari rossi poteva manifestarsi da un momento all’altro e non volevo rischiare un’infestazione!

Così… dopo qualche giorno di attesa e una consegna molto speciale, le nostre galline si sono ritrovate con una nuova casa! E’ stato il mio turno di impugnare il cacciavite e mettermi all’opera! Mi ci sono voluti circa 60-90 minuti per assemblare l’Eglu Go Up da sola, se avete qualcuno che vi offre una mano il processo è ancora più veloce. Purtroppo in tutto questo le galline non sono dei gran aiutanti!

Le istruzioni sono facili da seguire. Ho costruito per primo il telaio, decidendo poi dove posizionare la casa prima di continuare con l’assemblaggio, ricordandomi di lasciare spazio sufficiente sul retro per estrarre la vaschetta dei rifiuti, e davanti, per attaccare il recinto.

Dopo aver montato il telaio sono passata ai pannelli della casetta. Le mie cocche non hanno perso tempo ad ispezionare e testare subito la nuova casa, saltando su e giù dalla scaletta.

Inizialmente spargevo un po’ di mangime all’interno del pollaio per addestrare le galline ad entrare ed uscire dall’Eglu, ma ben presto non hanno più avuto bisogno di incentivi, e tutte le mie 4 galline hanno iniziato ad andare a letto da sole.

Non solo hanno ricevuto un pollaio fantastico nuovo di zecca, ma le mie galline vantanto anche la protezione di un’imbottitura invernale! Essendoci trasferiti sulla cima di Mendip Hills, le temperature si abbassano notevolmente, con il terreno che si copre di neve più spesso di quanto ci piacerebbe, e con gelate mattutine.

L’imbottitura invernale di Omlet è come un piumino che avvolge l’Eglu Go Up all’esterno, ed è assicurata al pollaio grazie a degli appositi elastici, in modo che il vento non la porti via. Il rivestimento è heavy duty e idro-repellente mentre l’imbottitura è realizzata in fibre che intrappolano il calore. E’ praticamente l’accessorio perfetto per il clima freddo e piovoso che abbiamo in questa zona!

Lavoro come infermiera veterinaria, e prendo molto seriamente la salute e il benessere degli animali. […] Le mie galline non sono “solo animali” […] ed è mia responsabilità assicurarmi che stiano bene e in salute.

L’Eglu Go Up è mondi a parte rispetto al pollai improvvisato e fai-da-te che abbiamo avuto in precedenza. Un’invasione di acari rossi ci aveva obbligato a disfarci del nostro pollaio in legno iniziale. Gli acari rossi mordono e aggrediscono le galline dall’alba al tramonto, rendendole anemiche e influendo sulla produzione di uova. Prosperano negli umidi angoli legnosi, rendendo i pollai in legno tradizionali sono l’ambiente ideale nel quale crescere e proliferare.

I pollai in plastica invece sono molto più facili da pulire e mantenere. Si possono lavare con l’idropulitrice permettendo di mantenere elevati livelli di igiene. L’Eglu Go Up è fantastico in questo rispetto: è facile da tenere pulito grazie alla vaschetta dei rifiuti estraibile dal retro, mentre il posatoio è separato e inserito sopra la vaschetta, permettendo agli escrementi di cadere attraverso le lamelle e raccogliersi al di sotto, tenedo quindi trespoli e nido sempre in ordine.

Aprire il pannello sul retro è facile e comodo grazie all’apposita manopola nera. Non serve sfilare l’imbottitura invernale per pulire l’Eglu o raccogliere le uova, basta allentare i cordini e il pannello si rimuove senza problemi.

 

Rispetto al mio pollaio precedente l’Eglu Go Up è pratico, igienico, facile da pulire e…diciamolo, il design è davvero bello!

 

L’Eglu Go Up ha degli accessori molto convenienti e che vi renderanno la vita ancora più semplice! Il set di ruote anti-foratura permettono di spostare il pollaio da una zona all’altra del giardino così da poter offrire sempre erba fresca alle vostre galline. Senza contare che così il vostro giardino non si rovina e lasciate all’erba il tempo di ricrescere.

Sia che viviate in campagna sia che viviate in città, è possibile (e fantastico) allevare galline! In entrambi i casi, ricordatevi che ci sono rischi da considerare. Le volpi si trovano sia nei centri urbani che in campagna, i gatti tendono a seguire il loro istinto di caccia naturale e falchetti e poiane di passaggio troveranno facile preda nelle galline più piccole. Per questi motivi raccomando di combinare l’Eglu con un recinto da 2m o 3m: le vostre galline saranno al sicuro! Io sono dell’opinione che 2m di recinto siano pochi per 4 galline di taglia grande, ma ciò non toglie che sia particolarmente utile per tenere i vostri animali al sicuro per brevi periodi di tempo.

Decisamente approvato!”

 

 

Scopri di più sull’allevamento delle galline sul Blog di Jo Little Country Lifestyle

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline


Test della Temperatura: Eglu Cube vs. Pollaio Tradizionale

Quando le giornate si accorciano e inizia a spuntare la brina in giardino, è normale preoccuparsi delle proprie galline, e di come provvedere a loro durante l’inverno.

Il passo più importante è quello di assicurarsi che il vostro pollaio sia impermeabile e ben isolato, in modo che i vostri animali siano protetti anche quando le temperature scendono sotto 0°C. A questo proposito, scegliere il pollaio è un po’ come scegliere una casa. Non vorreste mai avere finestre vecchie con spifferi, muri sottili che lasciano passare l’umidità e il freddo, o un tetto dal quale piove dentro, e lo stesso vale per le vostre galline! Molti pollai sono acquistati in primavera o estate, e non sempre durante l’acquisto il pensiero va a come il nuovo pollaio resisterà a Dicembre. Omlet ha deciso di testare due pollai con caratteristiche diverse per 3 notti nella foresta Bavarese in Germania.

Il primo pollaio è un modello tradizionale in legno che abbiamo acquistato online. E’ dipinto gradevolmente all’esterno, è dotato di posatoio e nido all’interno e ha un recinto esterno. Tuttavia, dopo un controllo più accurato, abbiamo visto come i pannelli siano spessi solo 5mm e come non esista un altro tipo di isolamento o protezione dalle intemperie.

Il secondo pollaio testato è il nostro best-seller, il pollaio modello Eglu Cube. Il Cube è dotato di doppi pannelli  isolanti ed è realizzato in plastica con sigilli in gomma protettivi e anti-spifferi. Il look è moderno e molto particolare, ma come sarà la sua performance se confrontato con il pollaio tradizionale medio?

 

Il nostro team ha installato due termometri digitali all’interno dei due pollai per registrare le rispettive temperature interne ed esterne durante la notte. L’intero esperimento è stato filmato da telecamere installate all’interno dei pollai.

Con il calare del sole la temperatura è scesa a -3.8°C. Il test ha registrato come, mentre all’esterno la temperatura scendeva, all’interno dell’Eglu invece questa saliva. Dopo un’ora da quando le galline erano state messe a dormire, all’interno dell’Eglu Cube la temperatura registrata era di 8.3°C, rimanendo costante durante tutta la notte. Una bella differenza di +12°C!

All’interno del pollaio in legno la situazione registrata è stata estremamente diversa. Alle 11 di notte il termometro segnava -2°C, ovvero solo +1°C rispetto alla temperatura esterna! Durante tutta la notte, la temperatura all’interno del pollaio tradizionale si è mantenuta costante, iniziando a riscaldarsi a partire dalle 7 del mattino. 

Se faceva realmente così freddo come hanno fatto le galline a sopravvivere? Le galline, come tutti gli animali a sangue caldo, possiedono un meccanismo all’interno del proprio corpo che mantiene una temperatura interna ad un livello abbastanza costante (41-45°C nelle galline adulte), in modo da poter sopravvivere in caso di emergenza, durante giornate particolarmente fredde. Come per gli uccelli selvatici, le galline mutano penne in inverno, in modo da intrappolare l’aria tra una piuma e l’altra, creando una sorta di cuscinetto isolante naturale. Questo è anche il motivo per cui è fondamentale che in inverno le vostre galline non si bagnino o restino umide: l’acqua impedisce la formazione di questo cuscinetto protettivo. 

Se le galline sono in grado di proteggersi in parte naturalmente dal freddo, perché allora preoccuparsi per loro e investire in un pollaio isolato? Solo perché le vostre galline possono sopravvivere questo non significa che stiano bene. Gli spifferi, il vento e la pioggia gelida fanno uscire il calore presente all’interno del pollaio, e rendono così completamente inutile il raggrupparsi delle galline per sfruttare il calore corporeo l’una dell’altra. Inoltre, i vostri animali dovranno accellerare il loro metabolismo per riuscire a trasformare cibo e riserve di grasso in calore abbastanza da creare un ambiente confortevole dove riposare e deporre eventuali uova. Lo sforzo e il dispendio di energie per mantenersi al caldo comprometterà inoltre la salute delle galline, indebolendole fino all’estremo con conseguenze possibilmente fatali.

Quando acquistate un pollaio ricordatevi di informarvi e controllare che questo sia adeguato anche alla stagione invernale, le vostre galline vi ringrazieranno!

 

Guarda il video del Test!

 

 

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Galline