The Omlet Blog

Category Archives: Gatti

Stare all’aria aperta fa bene ai gatti

Osservate un gatto appostato in mezzo all’erba o che si rilassa al sole, è chiaro che amano stare all’aperto. Se vivete in campagna non è un problema e tutti i gatti che vivono in campagna beneficiano dello stare all’aperto e anche in casa. In città invece i proprietari potrebbero avere delle riserve a lasciare il gatto sui tetti a gironzolare la notte.

I gatti in città hanno una durata media della vita inferiore a quella dei gatti in campagna. Questo non è dovuto ai benefici dell’aria aperta – semplicemente le morti premature nella popolazione felina sono dovute agli incidenti stradali e in città un gatto ha molte più occasioni di perdere le sue nove vite.

Perché i gatti amano stare all’aperto?

Vi piace passare del tempo al sole, con una leggera brezza che vi accarezza il volto? Per i gatti è esattamente la stessa cosa. Come voi apprezzano la vita al di fuori delle quattro mura domestiche. Sono stimolati dal movimento, suoni, odori e anche il giardinetto più piccolo abbonda di queste cose. Il gatto andrà alla scoperta di quello che il mondo ha da offrire e questo garantisce loro uno stimolo fisico e mentale, una combinazione essenziale per un gatto sano e felice.

Alcune ricerche hanno dimostrato che alcuni suoni incluso lo squittio dei roditori e il cinguettio degli uccelli è particolarmente stimolante per i felini. Trovano queste cose soddisfacenti e coinvolgenti a livello istintivo e tutti gli animali hanno necessità di soddisfare i loro istinti.

Se ne hanno la possibilità, i gatti approfitteranno appieno delle possibilità di una vita all’aria aperta – non solo nelle immediate vicinanze ma in un’area più ampia, a volte in un territorio di un chilometro e mezzo da casa. In questo territorio instaureranno vari tipi di relazioni, alcune amichevoli, altre no ma tutte parte della ricca esistenza dei gatti.

La possibilità di accedere all’esterno è un grande antistress dato che soddisfa tutti i suoi bisogni per essere felice e gli consente di approfittare dell’ambiente naturale.

Però i padroni che preferiscono tenerli in casa non si devono scoraggiare. Possono comunque garantire loro i benefici della vita all’aria aperta.

How to bring the outdoors indoors

La razza – e la personalità – gioca un ruolo importante nella felicità di un gatto. Alcune razze – tra cui il Burmese, il Siamese, il Korat, l’ Orientale e l’Abissino – hanno bisogno di stare all’aria aperta così come un pianista ha bisogno di suonare il piano e non saranno felici se gli si negherà l’accesso all’esterno. Altre – inclusi i Persiani, i Russian Blue e i Ragdoll – sembrano nati per vivere in poltrona e non rimpiangeranno assolutamente la vita all’aria aperta. La maggior parte delle razze miste apprezzeranno entrambe i mondi per cui se il vostro gatto vivrà in casa dovrete attrezzare gli spazi per renderli un po’ più ‘selvaggi’.

Fornire stimoli con dei giochi, inclusi quelli riempiti con erba gatta. Dovrete anche lasciare la finestra aperta per lasciar entrare l’aria fresca e gli odori e i rumori esterni senza però lasciare vie di fuga. Se non riuscite, potete aprire la porta d’ingresso chiudendo le porte interne per far circolare l’aria.

Se gli spazi lo consentono, una recinzione per gatti è un’ottima soluzione. Può essere collegata a casa tramite uno sportellino alla porta che consenta al gatto di passare fuori tutto il tempo che desidera. Se la recinzione non è collegata a casa, potete lasciarlo fuori se siate anche voi con lui in giardino. Oppure se iniziate fin da piccolo, potreste abituarlo al guinzaglio. Questa opzione necessita di un’attenta programmazione perché evitare i cani in passeggiata sarà essenziale!

Anche se vivete in appartamento sarà possibile far godere dell’aria fresca il vostro gatto a patto che abbiate un balcone. La recinzione Omlet per balconi si adatta a quasi tutte le esigenze e assicura al gatto uno spazio sicuro per godersi la brezza sul pelo.

Lo scopo principale è che i gatti possano approfittare dell’aria aperta e tutto ciò che rappresenta. Ma allo stesso tempo, i gatti di città che apprezzano la vita sul divano possono approfittare degli stimoli semplicemente restando in casa.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti


Impara a conoscere il linguaggio corporeo del tuo gatto

Gli antenati più prossimi dei gatti domestici erano una specie solitaria di gatti selvatici che non avevano necessità e, per lo più non avevano necessità di prestare attenzione alle loro emozioni. Mostrare segni di debolezza poteva esponenzialmente esporre all’attacco dei predatori o a gatti concorrenti. Questo è un tratto tutt’ora presente nei gatti; per la maggior parte dei casi cercheranno di nascondere quello che sentono.

Detto questo, naturalmente comunicano. Con gli altri felini e con noi. Utilizzano gli odori e le vocalizzazioni ma anche molti indizi visivi sotto forma di linguaggio corporeo.

Quando cercate di analizzare e comprendere il linguaggio corporeo del vostro gatto, è importante contestualizzare nell’intero contesto invece che focalizzarsi su una singola cosa. Verificate nei dintorni e cercate di scovare i fattori che possono dar fastidio al gatto. C’è qualcosa che lo stressa, lo fa arrabbiare o spaventare? Questo semplifica la comprensione dei gatti che a volte lanciano dei segnali non proprio semplici e cristallini.

Ci sono cinque cose a cui prestare attenzione quando cercate di decifrare il linguaggio corporeo del gatto. Occhi, orecchie, muso, corpo e coda!

OCCHI

  • Un leggero battito di palpebre – Gli occhi che battono lentamente le palpebre o che sono mezzo chiusi indicano che il gatto è molto rilassato e ritiene che la situazione sia sicura e senza rischi. Cercate di imitare i movimenti lenti del gatto. Sarà un ottimo esercizio per rafforzare i vostri legami.
  • Pupille dilatate – Se la stanza non è troppo buia, le pupille dilatate indicano che il gatto è sorpreso oppure spaventato e ansioso. Di solito gli occhi sono spalancati e non batterà le palpebre.
  • Pupille contratte – Se al contrario le pupille sono contratte e piccole, probabilmente il gatto è in tensione che tende all’aggressivo.
  • Guardare fisso – Se il gatto guarda fisso qualcuno o qualcosa, è una sfida. Se il gatto vi sta guardano fisso – meglio non avvicinarsi!

ORECCHIE

  • Se puntano in avanti – Un gatto contento e rilassato terrà le orecchie ben dritte e verso l’avanti. Questa è la posizione normale per le orecchie e probabilmente si muoveranno un poco se sentono dei rumori familiari per casa.
  • Dritte in avanti – Sintomatico di un gatto in allerta e pronto ad andare. Magari hanno sentito un rumore e vogliono andare ad investigare ma prima vogliono essere certi di cosa hanno sentito.
  • Cambiano direzione – Se un’orecchia è posizionata di lato mentre l’altra dà verso il dietro, è possibile che il gatto sia nervoso e che cerchi di definire meglio la situazione e di avere tutte le informazioni possibili.
  • Posizionate in giù e attaccate alla testa – Segnali di un gatto altamente stressato arrabbiato e potenzialmente aggressivo che è pronto ad attaccare. Meglio lasciarlo in pace.

MUSO

  • Un gatto rilassato e felice ha dei baffi che spuntano dal muso rilassati. Molti gatti hanno anche un’espressione del muso serena che somiglia ad un sorriso.
  • Un gatto ansioso o spaventato terrà le vibrisse indietro lungo il muso per occupare il minor spazio possibile e non farli sembrare una minaccia. Oppure se è in allerta, i baffi punteranno in avanti.
  • Se le vibrisse sono dritte e lontane dal muso o in avanti, è un segno che il gatto è arrabbiato. Eventualmente può anche mostrare i denti, ringhiare o soffiare.

CORPO

  • La posizione neutra per il corpo di un gatto è rilassata e senza tensioni. Se sono stesi possono essere ben allungati o appallottolati con le zampe posizionate sotto al corpo. Spesso è accompagnato dalle fusa, un segno che il gatto è felice e rilassato.
  • Un gatto ansioso o spaventato scapperà via nella maggior parte dei casi e si nasconderà da ciò che lo impaurisce ma se non è possibile fuggire, si abbasserà rasente al suolo a testa bassa.
  • Un gatto arrabbiato cercherà di sembrare più grande di quanto non sia, con il pelo ritto, le zampe tese e il dorso inarcato.
  • E’ da sottolineare che un gatto steso sulla schiena probabilmente non è in cerca di grattini sulla pancia. Così come i cani mostrano sottomissione, così anche i gatti e preferiscono essere lasciati stare.

CODA

  • Bella dritta in alto – Segno di un gatto felice che cerca attenzione e compagnia. La coda può anche essere in posizione rilassata ma di solito non si muove.
  • Dritta e in basso – Questo potrebbe essere un segnale che il gatto è spaventato o sconvolto. Un gatto spaventato può anche tenere la coda sotto il corpo.
  • Scodinzolante – Una coda che scodinzola in un gatto ha un significato diverso dalla coda scodinzolante di un cane. Se la coda si muove rapidamente da una parte all’altra il gatto è seccato e vuole essere lasciato in pace. Se invece muove la coda lentamente, sta cercando di valutare la situazione e decidere cosa fare. Potrebbe essere un po’ spaventato e potreste cercare di rassicurarlo.
  • Coda gonfia e irsuta tenuta distante dal corpo – Non avvicinatevi! Si tratta di un gatto furioso che cerca di sembrare il più spaventoso possibile agli eventuali assalitori.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti


Perché alcuni hanno tanta avversione per i gatti?

Ad un certo punto della nostra vita a tutti è stato posto il quesito… “Sei un amante dei cani o dei gatti?”

Per coloro che hanno risposto “preferisco i gatti” avrete sentito la controparte ribattere“Non c’è verso! IO DETESTO i gatti!”

Ma perché? Molte persone hanno dei forti sentimenti negativi nei confronti dei gatti senza neppure avere una giustificazione plausibile. Mentre alcune ragioni sono comprensibili, altre sono completamente irrazionali! Di seguito alcune motivazioni che hanno reso i nostri amici felini tanto impopolari…

Miti e storia

Se guardiamo indietro alla storia dell’antico Egitto, i gatti erano considerati esseri magici, dei protettori e portatori di buona fortuna e addirittura veneravano un dio Gatto, Bastet.

Come siamo arrivati ad avere un mondo diviso in due tra amanti e detrattori di gatti?

Attraverso secoli di storia, altri paesi hanno avuto sentimenti contrastanti sul simbolismo dei gatti. Il principale mito che è arrivato fino ai giorni nostri è a discapito dei gatti neri. Si dice che se un gatto nero ti attraversa la strada sarai sfortunato mentre altri credono che i gatti neri siano delle streghe camuffate. Nonostante non ci siano evidenze per dar credito a tali dicerie, questo impatta molto sulle adozioni dei gatti neri e in un certo qual modo spiega come mai alcuni si sentano a disagio davanti ad un gatto di qualunque colore.

Esperienze negative

Un motivo frequente per l’avversione nei confronti dei gatti spesso si rifà ad esperienze negative avute nell’infanzia. Di solito si tratta di quando si è andati in visita da amici e siamo stati graffiati, morsicati o ci aveva soffiato contro senza però accennare al comportamento probabilmente irrispettoso che avevamo avuto nei confronti del micio.

Alcuni temono i cani per lo stesso motivo quindi non è la causa principale per le ostilità. Possiamo solo sperare che un giorno queste persone possano rendersi conto che è davvero difficile che un gatto attacchi senza motivo e come adulti potere interpretare meglio i segnali lanciati dai gatti per avere più spazio.

Creature indipendenti

Sì, è vero, a volte i gatti sono meno affettuosi dei cani ma questo è dovuto al fatto che sono più indipendenti. Però la spiegazione che spesso danno i detrattori dei gatti che i felini sono incapaci di amare i loro umani è totalmente infondata.

Ci sono gatti che hanno avuto esperienze negative con gli umani e sono più diffidenti o timorosi e ci vuole tempo per farli abituare alla nostra presenza. Ma anche il gatto più spaventato imparerà ad apprezzare la nostra compagnia dopo tante attenzioni, amore e affetto.

Ci sono infiniti modi in cui i gatti ci dimostrano il loro amore e ne puoi leggere alcuni qui.

I vicini

Se il gatto del vicino crea caos in giardino o terrorizza le vostre galline, è comprensibile che possiate sviluppare una certa avversione per l’intera specie. Ma quel comportamento non è tipico di tutti i gatti, cercate di non fare di tutte le erbe un fascio!

Potreste giustamente rivalervi con i vicini proprietari del gatto e suggerire delle soluzioni per prevenire i danni come ad esempio un recinto da esterni per gatti perché possano trascorrere del tempo all’aria aperta senza causare danni. Alcuni portano i gatti a spasso con il guinzaglio per mostrare loro le zone in cui possono andare – se sia un sistema che funziona o meno è opinabile.

“I cani sono più teneri”

Alcuni sono dei patiti di cani e bisogna accettarlo ma le argomentazioni su quale animale sia più tenero sono assolutamente soggettive e non sono da prendere sul serio. Se pensate che i gatti siano i più teneri, allora va bene così! I gatti dovrebbero avere le stesse opportunità di qualunque altro animale di trovare una famiglia amorevole che li accudisca per la vita e se gli darete tutto ciò di cui hanno bisogno, vi ameranno allo stesso modo.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti


Perché i gatti hanno bisogno di un graffiatoio?

Se un gatto graffia le pareti o una sedia significa che forti venti in arrivo sbatteranno le imposte. Se il gatto graffia la gamba del tavolo indica che il tempo cambierà. Secondo le vecchie tradizioni britanniche questo è…

In realtà i gatti si fanno le unghie per motivi personali – per il resto sarà meglio affidarsi alle app del meteo! Ma le tradizioni popolari sottolineano qualcosa di vero – i gatti si fanno le unghie senza rimorsi su tutti gli oggetti di casa. Ecco perché un graffiatoio è indispensabile in tutte le case che ospitano un gatto.

Non c’è dubbio che ai gatti piaccia la sensazione di farsi le unghie. Ma ci sono anche due motivi di ordine pratico per questo comportamento. I gatti si aggiustano le unghie strofinando contro delle superfici ruvide e dure per cui un graffiatoio è una sorta di postazione per manicure. Farsi le unghie permette loro anche di stirarsi nel modo migliore.

I gatti inoltre hanno delle ghiandole odorifere sulle zampe (che fanno il paio con quelle posizionate sulle guance – ecco perché si strofinano spesso sulle vostre gambe). Quando si fanno le unghie, producono anche un odore specifico, per comunicare al mondo che quello specifico territorio gli appartiene.

Non è un comportamento esclusivo dei gatti domestici. Le tigri ad esempio, marcano gli alberi con il loro odore, incidendo profondamente il tronco con i loro artigli.

Impariamo

I gatti domestici che passano molto tempo all’aria aperta graffieranno molto meno in casa. Le unghie sono tenute in ordine in modo naturale come fanno gli animali che girano liberi sul loro territorio selvatico. Inoltre trarranno beneficio, come le tigri, dagli alberi e altri oggetti naturali.

Se invece il vostro gatto passa poco tempo fuori, è indispensabile dotarlo di un graffiatoio. Potete usare il rinforzo positivo premiandolo se si fa le unghie nel posto corretto e scoraggiandolo se si aggrappa a voi o ai mobili di casa. E’ importante non limitarsi a coccolarlo per farlo smettere perché potrebbe interpretarla come una attenzione. L’assunzione “I miei artigli + Tuoi mobili = Tempo di qualità con te” è da scoraggiare.

Graffiatoi – Felini alla moda

Un mobile resistente- una tenda sacrificabile, aiuterà a rompere l’abitudine. Potreste ricoprire la gamba del tavolo preferita, il bracciolo della poltrona, ecc.; un foglio di alluminio, del nastro adesivo o della plastica lucida faranno al caso vostro. I gatti non amano la sensazione degli artigli che grattano su queste superfici.

Anche gli odori possono essere un deterrente per i graffiatori seriali. Limone e mentolo sono due essenze che la maggior parte dei gatti evitano con cura.

Un altro trucco è di acquistare (o realizzare) un graffiatoio e posizionarlo accanto al mobile che di solito gratta. Un pizzico di erba gatta lo renderà irresistibile. Una volta che il gatto si sarà abituato a farsi lì le unghie, potrete spostarlo in un luogo più adatto.

E’ importante che il graffiatoio sia attraente per il vostro animale. Avrà bisogno di una base larga e pesante che impedirà al graffiatoio di oscillare o cadere mentre si fa le unghie e dovrà anche essere abbastanza alto per consentire al gatto di stirarsi completamente – fra i 60 cm e i 90 cm. Assicuratevi che il materiale ruvido attaccato al graffiatoio abbia delle scanalature verticali invece che orizzontali. Il corrugato funziona bene, ma anche materiali con disegni verticali. Questo agevolerà il processo di stiramento e minimizzerà il rischio che le unghie rimangano impigliate nel materiale (una cosa a cui prestare attenzione se lo costruirete voi).

Un tappetino graffiatoio è un’altra opzione anche se pare che la maggior parte dei gatti preferisca le postazioni verticali. Potete agevolare spruzzando il loro odore ad un’altezza ottimale.

Identificare lo stress

A volte i gatti si fanno le unghie quando sono stressati ed è proprio il momento più pericoloso per i vostri mobili. E’ importante identificare l’origine dello stress. Potrebbe essere per via di un altro gatto o un altro animale (di solito un cane), oppure un bambino che magari lo accarezza in maniera errata e lo ha spaventato. D’altro canto potrebbe essere un elettrodomestico particolarmente fastidioso oppure un rumore regolare fuori casa, come un frequente passaggio di aerei o un allarme iper-sensibile.

Per quanto possibile, rimuovete o minimizzate la fonte di stress. Aggiungete un secondo graffiatoio.. Se avete più di un gatto sarebbe una buona idea che ognuno di loro avesse il suo proprio graffiatoio.

E per essere certi, la prossima volta che lo vedrete farsi le unghie a lungo, date un’occhiata fuori dalla finestra. Si sta alzando il vento? Sta cambiando il tempo? Dopotutto, le applicazioni sul tempo non sono sempre giuste.


Stai cercando un nuovo graffiatoio per il tuo amico peloso? Attualmente abbiamo un’offerta eccezionale sui graffiatoi Igloo. Questo resistente graffiatoio è collegato ad una base quadrata morbida ed è adatto a tutti i tipi di gatti. Combinando l’innovativo tappetino Grooming potete realizzare un fantastico graffiatoio 2-in-1 ed un gioco divertente, che terrà al sicuro i vostri mobili mentre i vostri animali potranno marcare a piacimento il territorio. Adesso solo a 5.99€.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti


La storia della zampa

Ti è mai capitato di guardare le zampe del tuo animale e domandarti il perché? Come mai non hanno mani e dita come noi? La risposta è stata data centinaia di anni fa ed è il risultato degli antenati dei nostri animali che si sono adattati alle vite selvagge ed indipendenti in un ambiente che era molto lontano dalle nostre confortevoli case sicure.

La storia della zampa

Prima che i nostri animali venissero addomesticati, dovevano difendersi e procacciarsi il cibo per sopravvivere. Molti tratti caratteristici che li hanno aiutati a sopravvivere allora, sono ancora presenti e sono sopravvissuti all’evoluzione. Questo include la zampa.

I cani e i gatti sono i primi animali che ci vengono in mente se pensiamo alle zampe. Ma prima dei nostri esemplari di cani e gatti domestici, ci sono state generazioni di gatti selvatici e lupi. Lo scopo della zampa è correlato in larga misura alla sua capacità di assorbire i suoni e gli urti. Il tessuto grasso all’interno dei polpastrelli consente agli animali di saltare e atterrare senza dolore e senza rumori, cosa particolarmente utile per cacciare le prede in mezzo alla natura selvaggia, oltre a proteggere gli arti dall’impatto.

A dog's paw pad

I cuscinetti delle zampe sono più ruvidi se l’animale entra spesso in contatto con superfici molto difficili. Questo consente una migliore presa su terreni insidiosi o scivolosi e svolgono la stessa funzione delle nostre scarpe. Per i nostri animali domestici, i cuscinetti sono molto più soffici dato che le condizioni dei terreni su cui camminano sono molto migliori. Alcune razze di cani hanno ancora le zampe palmate per aiutarsi nel nuoto, un adattamento che è passato dai lupi e di cui ancora beneficiano.

Se le zampe sono perfette per camminare e saltare, delle macerie possono ferire i polpastrelli e causare dolore. Se vedete l’animale che si lecca ripetutamente la zampa o zoppica, controllate attentamente i polpastrelli per verificare che non ci siano delle pietruzze o delle schegge da rimuovere. Se le zampette del porcellino d’india sembrano doloranti, potrebbe essere dovuto alla lettiera troppo ruvida.

Che cosa ci raccontano le zampe?

Lo sapevate che alcuni animali traspirano e si raffreddano attraverso i polpastrelli? Ecco quindi che delle impronte umide di zampa potrebbero significare che il vostro animale ha bisogno di un aiuto extra per raffreddarsi.

Le zampe degli animali a volte ci raccontano anche dei loro sentimenti. Ad esempio i gatti che fanno la pasta su coperte, letti e cuscini e anche sugli esseri umani mostrano la loro felicità e contentezza. Ci sono varie ragioni per questo comportamento; potrebbe ricordare loro le cure materne, potrebbero voler creare un posto confortevole in cui dormire oppure potrebbero utilizzare le ghiandole posizionate sui polpastrelli per marcare il territorio.

Avete notato che il gatto non ama farsi toccare i polpastrelli? Questo perché i cuscinetti sono estremamente sensibili al tatto ma alcuni gatti possono essere addestrati a tollerare questo contatto che è più facile se si inizia in giovane età, così se il tuo gatto si lascia toccare le zampe, potrebbe essere un segno di fiducia.

Più informazioni qui e qui.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Animali da compagnia


Non lasciare il tuo animale senza un appuntamento

San Valentino si avvicina e molti di voi staranno prenotando al ristorante o al cinema per passare una bella serata con il partner. Tutto perfetto ma non preferireste includere nella serata il terzo membro della coppia, il vostro pet? Abbiamo cercato di organizzare per voi una serata perfetta per umani e animali perché nessuno si senta escluso!

Qualche giorno prima

Se avete intenzione di comprare un regalo per il vostro partner, assicuratevi di prendere qualcosa di speciale anche per il vostro animale perché se lo è sicuramente meritato. Che ne dite di prendere un accessorio divertente per i vostri conigli o porcellini d’india come ad esempio un riparo o dei tunnel Zippi? Cani e gatti apprezzeranno sempre una bella cuccia nuova come la super elegante cuccia della Omlet Bolster.

16.00 Ora di passeggiata

A seconda dell’animale con cui vivete, la chiave per un perfetto appuntamento è di stancarli un pochino prima di rintanarvi in casa. Conigli e porcellini d’india apprezzeranno un giro in giardino tra i tunnel, i gatti apprezzeranno un po’ d’aria fresca (potete lasciarli uscire a caccia nel vicinato per un’oretta oppure restare con loro nella recinzione per gatti) mentre i cani si sentiranno soddisfatti dopo una bella passeggiata al parco per andare a trovare i loro amici pelosi. Se avete un cane potete anche fermarvi ad un bar e prendere un piccolo aperitivo prima di rientrare a casa.

18.00 Ora di giocare

E’ la perfetta opportunità per passare del tempo di qualità con il vostro pet facendo qualcosa che vi piace. Se avete un piccolo amico, il vostro partner e voi potete creare un labirinto o un gioco per la ricerca, nascondendo premietti e costruendo ostacoli in salotto. I gatti apprezzeranno i giochi sulla caccia, mentre i cani andranno pazzi per i giochi tira e molla. Se li volete davvero stancare, perché non regalargli un nuovo gioco con cui divertirvi assieme?

19.00 Ora di cena

Il segreto per un appuntamento perfetto è del buon cibo. Magari è l’occasione giusta per provare una di quelle ricette che richiedono un po’ più di tempo ai fornelli e impegno. Oppure potreste ordinare un take away, se siete stanchi dopo aver giocato tanto. Per includere totalmente il vostro pet, vi suggeriamo di preparare qualcosa di speciale anche per loro. In rete troverete tantissime ricette gustose e salutari. Trovatene una che vi ispiri e il vostro animale ne sarà felice. Dividetevi i compiti e lasciate preparare il cibo per il pet al partner mentre voi preparate la cena per voi o vice versa.

20.00 Trattamento Spa

Andate a posizionarvi in poltrona per una sessione di coccole umane e animali. Fate al vostro pet un bagno e una bella spazzolata, tagliategli le unghie e pulite i denti. Nel frattempo voi potreste farvi una maschera al viso e la manicure. Cani e gatti potrebbero apprezzare un trattamento a base di oli per la cute e i polpastrelli secchi. Treminate il trattamento di bellezza con un lungo massaggio. Probabilmente in questo caso il vostro pet non sarà di grande aiuto.

Mentre vi prendete cura di voi perché non mettete un po’ di musica rilassante? Spotify ha appena lanciato Spotify per Animali, una serie di canzoni personalizzate a seconda delle caratteristiche del vostro pet e dei vostri gusti musicali. Sfortunatamente al momento si limita solo a certi animali ma magari anche i conigli apprezzano la stessa musica, perché no?

21.00 Film e Stuzzichini

Preparate dei popcorn, versate del vino e accoccolatevi sul divano insieme al vostro compagno. Assicuratevi che anche il vostro animale abbia un posto speciale dove mettersi comodo, magari su una coperta o cuccia. Un appuntamento perfetto si vede anche dal posto comodo che avete scelto per rilassarvi. Assicuratevi anche di avere da mangiare e da bere per tutti, compresi gli animali. Nel nostro negozio abbiamo tantissimi premietti e bocconcini incluso un Pawsecco bianco o rosé per dei veri festeggiamenti . Come offerta extra, attualmente c’è il 25% di sconto su tutti i bocconcini nel negozio Omlet!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Animali da compagnia


Gli animali soffrono?

C’è qualcosa di molto arrogante nel pretendere che solo gli esseri umani sperimentano emozioni forti. Tutti noi abbiamo visto i nostri animali eccitati e felici e riusciamo anche a capire quando sono tristi. In altre parole, provano emozioni.

La tristezza in un animale è diversa da paura e ansia. Le ultime due cose sono frutto di un ambiente sbagliato, dieta scorretta, vicini che spaventano, padroni crudeli o infiniti altri fattori che fanno sentire un cane esposto o in pericolo.

Il dolore, come chiunque di noi lo abbia sperimentato sa, è qualcosa di molto diverso. E’ il risultato di una perdita o altre forme fondamentali di perdita. Gli scienziati sono sempre pronti ad affermare che non si possono provare i sentimenti e le emozioni negli animali. Ma molti proprietari lo hanno sperimentato di persona e non hanno dubbi in proposito.

Che cosa rende triste un cane?

Un animale può essere in difficoltà se una certa persona o un compagno di lunga data della sua stessa specie viene a mancare – ma solo se quella persona o quell’animale sono gli stessi con cui l’animale ha legato profondamente.

Un cane che vive in famiglia stringe relazioni con tutti i membri ma ci sarà un preferito – un maschio Alfa o una femmina Alfa se preferite. Anche se il cane sentirà la mancanza per tutti, il suo affetto si concentrerà sul suo preferito.

Se questa persona, per un motivo qualunque, lascerà la casa, la prima reazione del cane sarà un ansia da separazione. Perderà interesse in cose come il cibo, i giochi e le passeggiate. La perdita di appetito può causare danni al fegato in poco tempo; tenete sempre la situazione sotto controllo e state pronti ad intervenire e a rivolgervi ad un veterinario.

Il cane potrebbe anche uggiolare e piangere più del solito e potrebbe iniziare a leccare e masticare vari oggetti per casa oppure il suo stesso pelo e zampe. Molti cani che sperimentano il senso di perdita faticano a dormire e si siederanno davanti ad una porta a piangere oppure si troveranno un posto dove nascondersi.

Molto dipende dalla razza e dal singolo animale. Ma certi cani possono sicuramente essere classificati tra i cuori infranti. Il lutto può durare per diverse settimane se non mesi.

Il tempo curerà i dolori ma nel frattempo assicuratevi che il cane continui a fare passeggiate nei suoi posti preferiti. Se è abituato ad andare negli allevamenti, potreste fargli trascorrere un breve periodo lì. Potreste anche considerare la possibilità di chiedere ad un pet sitter di portarlo a spasso per far cambiare la sua routine. Non temete di abbondare con i bocconcini, premietti e anche giochi.

Che cosa rende triste un gatto?

Decifrare i sentimenti dei gatti potrebbe essere più complesso rispetto ad un cane. Tenderanno a nascondersi e a tenere un profilo basso più del solito. Alcuni emetteranno più vocalizzi e grida per il loro amico perduto. In alcuni casi perderanno l’appetito e dormiranno meno e in alcuni casi potrebbero allontanarsi per alcuni giorni.

Esattamente come per i cani, un gatto che smette di alimentarsi, può sviluppare rapidamente problemi al fegato e per questo raccomandiamo di portarlo subito da un veterinario.

Molti reindirizzeranno il loro affetto su un altro membro della famiglia mentre altri gatti, più indipendenti, si aggiusteranno senza problemi.

Che cosa rende tristi gli altri animali?

I piccoli mammiferi non sembrano soffrire in caso di perdita del proprietario. Ma alcuni potrebbero mostrare segni di nervosismo se non vengono più manipolati e nutriti dal loro miglior amico. Qualcun altro dovrà farsene carico e diventare il loro miglior amico.

I pappagalli che hanno legato con un compagno o con il proprietario mostrano segni di sofferenza sia in caso di perdita di un compagno della stessa specie che di un umano. Svogliatezza e perdita di appetito sono i classici segnali. Qualcuno dovrà intervenire e iniziare a creare un legame e ad interagire per aiutare questi intelligenti animali ad adattarsi ad una nuova vita.

Di solito il problema non si pone se gli uccelli sono tenuti in un’ampia voliera. I pappagallini e gli inseparabili non sembrano risentire della mancanza dei loro compagni umani mentre invece risentiranno maggiormente in caso di perdita di un loro compagno piumato.

L’elaborazione del lutto

Prima di tutto cercate di essere allegri e affettuosi con un animale che sta soffrendo per una perdita. Gli animali percepiscono quasi magicamente il nostro umore e se anche noi siamo tristi, rispecchieranno i nostri sentimenti. Potrebbe essere un buon momento per invitare amici e parenti per portare una ventata di allegria per il loro bene.

La maggior parte degli animali, con il tempo, riusciranno a riprendersi mentre alcuni animali, spesso se anziani potrebbero non recuperare mai completamente. Quando si è coinvolti in una perdita ciò che un proprietario può fare è aiutare l’animale ad adattarsi alle nuove circostanze.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Animali da compagnia


Le migliori idee Fai da Te per migliorare la vostra recinzione per gatti

Una delle migliori qualità della Recinzione da esterni per gatti della Omlet è che è estremamente versatile. La recinzione stessa può essere modificata per adattarsi allo spazio che avete a disposizione e alle esigenze dei vostri gatti. Ma non è tutto! Ci vengono spesso mostrati dei modi creativi e divertenti di utilizzare la rete e così abbiamo deciso di condividerne alcuni che potrebbero essere d’ispirazione sia che acquistiate la rete per la prima volta oppure se volete iniziare a prepararla per la primavera!


DECORAZIONI

Se si parla di decorazioni, praticamente non ci sono limiti. Consentite ai vostri gatti di fare tutto ciò che gli piace: arrampicarsi, correre, graffiare, nascondersi o semplicemente star stesi su un’amaca. Potete renderla ancora più pratica grazie alle coperture che vi permetteranno di usare la recinzione con qualunque tempo e potete anche mettere una sedia dove riposarvi e ammirare i vostri bambini pelosi. Adoriamo anche tutte le piante e i fiori (non tossici) che mettete nelle recinzioni per abbellirle!


COLLEGARLA ALLA CASA

La recinzione per gatti viene venduta con quattro pareti ma è sufficientemente robusta per essere stabile anche solo con tre. Se trovate il modo di assicurare l’apertura alla casa, questo consentirà ai gatti di entrare e uscire da casa a loro piacimento. Questo è un incredibile allestimento di un cliente in Danimarca con un accesso speciale per gatti dal seminterrato alla recinzione in giardino dove sia umani che felini amano trascorrere il tempo. Grazie alla combinazione di coperture trasparenti e pesanti, si sono assicurati che i gatti siano al riparo dalla pioggia e dal sole a picco.


LAVORA CON CIO’ CHE HAI

Questo cliente tedesco ha deciso di mettere la recinzione attorno ad un albero in giardino. In questo modo l’albero funge da protezione per il sole e nello stesso tempo è un ideale graffiatoio. Grande idea!


RECINZIONE SU RUOTE

Il design modulare della recinzione per gatti fa sì che la si possa spostare tutte le volte che è necessario. Se volete semplicemente spostarla in un altro angolo del giardino potete chiedere ad un vicino di aiutarvi a sollevarla per intero. Se invece dovete traslocare o dovete utilizzare lo spazio per altri scopi per un po’ di tempo, potete smontarla e metterla via comodamente pronta per quando vorrete riutilizzarla.

Però questo cliente francese ha ritenuto che nessuna delle due soluzioni fosse corretta e quindi ha deciso di costruire una piattaforma su ruote così che il recinto può essere spostato alla ricerca del perfetto connubio sole/ombra, oppure spostarla lontano dalla confusione e dal trambusto o semplicemente avvicinarla a casa quando fa freddo.

Uno specialista del fai da te sarà in grado di aiutarvi. Il nostro consiglio è di assicurarvi che la piattaforma sia ben collegata alla recinzione e scegliete delle ruote che possano essere bloccate per evitare che rotoli via in caso di vento forte!


SOLUZIONI D’ANGOLO

Se siete a corto di spazio in una direzione – girate l’angolo! Questa stupefacente soluzione potrebbe essere la migliore soluzione che avete mai visto! I diversi posti per risposare, i tunnel gioco, i giochi, i ciottoli decorativi – chi non vorrebbe passare del tempo qui?


Hai acquistato una recinzione per gatti? Mandaci le foto, e magari le pubblicheremo nei prossimi post!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti


Come tenere il gatto lontano dall’albero di Natale

I gatti amano gli alberi, le cose appese che penzolano e gli oggetti luccicanti. Premesso questo, non è difficile immaginare quanto siano attraenti gli alberi di Natale tutti decorati che sembrano un parco giochi per i vostri amici pelosi. Ma un albero rovesciato non è solo una gran confusione: potrebbe essere un potenziale pericolo per il gatto e così la cosa migliore da fare è tenere il peloso lontano dalle tentazioni. Ecco alcuni suggerimenti:

Scegliete l’albero giusto e posizionatelo in modo corretto

Se acquisterete un albero vero, sceglietene uno con gli aghi che pungono come ad esempio un pino silvestre così che il gatto terrà lontane le zampe. Eliminate con l’aspirapolvere gli aghi caduti ogni giorno così che non si conficchino nei cuscinetti delle zampe.

Posizionate l’albero lontano dagli scaffali, divani o altri mobili che potrebbero servire da base d’appoggio per saltarci sopra.

Fissate l’albero

Per essere sicuri che l’albero non cada se per caso il gatto ci salta sopra, assicuratevi di prendere una base piuttosto ampia che possa reggere a degli oscillamenti. A seconda delle vostre possibilità, potreste anche legare un filo da pesca alla cima dell’albero e fissarla al soffitto.

Non sfidate la sorte

Quando siete al lavoro o a letto chiudete la porta della stanza dove si trova l’albero per evitare che il gatto ci giochi. Idealmente dovreste lasciare il resto della casa a disposizione ma se dovrete chiuderlo in una stanza, assicuratevi che sia abbastanza grande e che abbia tutto il necessario a disposizione.

Le decorazioni

Cercate di non posizionare troppe decorazioni nella parte bassa dell’albero che è facilmente raggiungibile, soprattutto quelle che per voi hanno un valore oppure che si rompono facilmente. L’idea sarebbe di mettere delle decorazioni che fanno rumore come delle campanelline nella metà bassa dell’albero. In teoria questo eviterà al gatto di salire oltre e inoltre voi sentirete quando il gatto si avvicina all’albero e potrete intervenire prima che faccia danni.

Potete anche assicurare le decorazioni con degli appendini a filo o con chiusura a pinza in modo che si richiudano sul ramo. Questi saranno più difficili da ribaltare.

Cose che non piacciono ai gatti

I gatti non amano il profumo d’arancia così per scoraggiare gli avvicinamenti all’albero, potreste lasciare delle bucce attorno alla base. Potreste anche avvolgere il tronco con della carta sottile perché i gatti non amano il rumore che fa sotto le zampe. Vale soprattutto con i gattini o con un gatto giovane ma vale la pena tentare.

Mettete in sicurezza le prese

Alcuni gatti potrebbero rosicchiare i cavi delle luci e quindi farsi male. Considerate l’ipotesi di comprare delle protezioni dei fili a prova di gatto, usate del nastro adesivo per assicurare i fili a terra o al muro oppure utilizzate delle luci con dei cavi corti.

Evitate le decorazioni in vetro

Non utilizzate decorazioni in vetro se avete un gatto in casa perché rischiano di farle in mille pezzi ed eventualmente di ingerirli causando gravi danni alla salute. Meglio evitare.


No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti


Guida ai regali – Per gli amanti dei gatti

Qualcuno tra i vostri amici o familiari potrebbe rientrare nella definizione “crazy cat”? Queste persone apprezzeranno i regali per i loro mici come qualcosa fatto direttamente a loro. Se vi state spremendo le meningi per fare un regalo ad un amante dei felini, qui troverete dei perrrfetti regali!

La cuccia da interni Maya Nook con guardaroba e tendine

Vostra mamma scende brontolando per colazione perché il gatto l’ha tenuta sveglia tutta notte girando per il letto? Se le ragalerete l’elegante cuccia da interni Maya Nook questo Natale, il gatto avrà un riparo sicuro dove dormire e il sonno della mamma non sarà più disturbato. Le tendine opzionali non sono solo un tocco decorativo ma garantiscono al gatto uno spazio protetto in cui rilassarsi completamente. Potete scegliere tra il grigio antracite oppure dare un tocco natalizio alla casa con uno stampato.

Il pratico guardaroba di Maya Nook può essere utilizzato per contenere tutti gli oggetti dei gatti come i giochi, il cibo, i bocconcini e i prodotti per la toiletta così che tenere in ordine per il party di Natale sarà un gioco da ragazzi.

Offerta eccezionale! Maya Nook tendine e cuccia ( 24″) oltre ad un piccolo grattatoio Igloo per un bel pacco Nook. Prima a 68.98€, adesso a 52.99€.

Protezione da balcone

I gatti che vivono in città difficilmente si aggirano per le strade dati gli innumerevoli pericoli della città. Il vostro amico amante dei gatti vuole comunque che il gatto assapori l’aria fresca, senta il canto degli uccellini e la brezza sulla pelliccia? Allora la Protezione da balcone potrebbe essere il miglior regalo che abbiano mai ricevuto. Questa recinzione per balconi garantisce uno spazio protetto e a prova di fuga, si adatta a tutti i tipi di balconi ed è abbastanza grande per stare dentro con il gatto e godere assieme del tepore del sole.

Cucce

Il regalo perfetto per l’amante dei gatti che ha già tutto! La cuccia con doppia imbottitura Maya è il massimo per Nook, ma abbiamo una grande varietà di cucce tra cui scegliere. La La cuccia Dream Paws associa il massimo del comfort ad uno stile casual e la lussuosa cuccia Banbury & è il posto perfetto per accoccolarsi nelle fredde giornate di dicembre.

Calza

Gli amanti dei gatti apprezzano la possibilità di includere i loro amici pelosi nei festeggiamenti e il modo perfetto è di regalare loro una calza la mattina di Natale. Questa elegante calza con impresso il disegno di un gattino, può essere riempita con una selezione di oggetti divertenti scelte sul nostro Negozio di Natale che renderà felici anche i gatti più brontoloni!

Giochi

E’ come entrare direttamente nel rifugio segreto di Babbo Natale! Abbiamo giochi per tutte le tasche e per tutte le occasioni. Fateli divertire con una bacchetta oppure guardateli come si trasformano sotto l’influsso dell’erba gatta, ideale per tenere occupati i nostri amici a quattro zampe durante le festività natalizie.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti


Cosa fare se il gatto si perde

Contattate i vicini per andare a controllare tutti i ripari e i garage della zona

Prima di organizzare una vera e propria ricerca, cercate di contattare i vicini e chiedete loro di andare a verificare se per caso il vostro gatto non sia rimasto accidentalmente chiuso nel loro garage o in un capanno. Mentre andate in giro per il vicinato, chiamatelo ad alta voce e tendete l’orecchio per sentire se sentite un miagolio provenire da qualche garage.

Assicuratevi che qualcuno resti a casa

Se non avete uno sportellino per gatti, assicuratevi che qualcuno resti a casa mentre voi uscite per cercarlo in caso decidesse di rientrare. Alcuni gatti amano girare per qualche giorno. Se improvvisamente il tempo volge al peggio e inizia a piovere, potreste avere una stretta al cuore a saperlo sotto le intemperie, ma invece potrebbe spingerlo a tornare a casa per ripararsi.

Uscite a cercare

Se conoscete il vostro gatto, saprete anche quali sono i suoi posti preferiti. Assicuratevi di andare a vederli tutti e portate con voi dei croccantini da scuotere e chiamatelo ad alta voce.

Appendete dei volantini

Attaccate volantini, inclusi i lampioni, nelle bacheche dei negozi e suonate alla porta dei vicini per spargere la voce e sensibilizzarli.

Assicuratevi che abbiano sempre il collare e che siano chippati

Se il gatto ha il microchip, e qualcuno lo trova e lo porta dal veterinario, questo vi chiamerà e potrete ritrovarvi in fretta. Se non ha il microchip, telefonate a tutti i veterinari della zona e verificate che il gatto non sia stato portato lì.

Social media

Pubblicate un post sui vostri canali social e chiedete ai vostri amici e parenti di condividerlo. Contattate anche i gruppi della comunità locale in cui abitate e chiedete di pubblicare la notizia.

Lasciate che l’altro gatto vi aiuti

Se avete un altro gatto, potreste essere tentati di tenerlo chiuso in casa per evitare una doppia preoccupazione. Non fatelo! Lasciatelo uscire ed esplorare come al solito, potrebbe condurvi all’altro gatto che magari è rimasto intrappolato o ferito. Inoltre se lo seguite, potrebbe darvi delle idee sui posti che frequentano.

Impiegate delle telecamere sulla porta d’ingresso

Le telecamere da apporre alle porte d’ingresso come Nest e Ring rilevano ogni movimento inclusi gli animali e verificate con i vicini se hanno avuto dei segnali d’allarme da quando il vostro gatto è scomparso.

Se vi trasferite

Per evitare che il gatto si perda appena fatto il trasloco, tenetelo in casa per almeno 3 settimane per evitare che rimangano disorientati o che tentino di tornare alla vecchia casa. Questo tempo trascorso in casa permetterà loro di ambientarsi e considerare la nuova dimora come ‘casa’ marcandola con il loro odore.

Potete anche strofinare del burro sulle zampe il primo giorno in cui arrivate così invece di stressarsi e cercare di scappare, si siederà a leccarsi via il burro e nello stesso tempo si ambienterà.

Mentre lo tenete in casa, spargete fuori di casa un po’ della sabbietta della lettiera così che anche gli altri gatti di quartiere si adattino al loro odore. La prima volta che lo lasciate uscire fatelo all’ora di pranzo così la fame lo riporterà a casa con facilità se vi sentirà scuotere la scatola dei crocchini.

La necessità e il desiderio di tornare alla vecchia casa può essere molto forte, soprattutto se non è molto distante. Assicuratevi che i nuovi inquilini abbiano i vostri riferimenti in caso tornasse.

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti


15 indizi per capire se il tuo gatto ti ama

I gatti hanno la reputazione di essere distaccati e di non emozionarsi quando vi vedono. Ma questo in realtà significa solo che non sono come i cani! Nella realtà i gatti creano dei legami molto forti con i loro padroni e il loro modo di dimostrare affetto fa parte del loro charm. Sei sicuro che il tuo gatto ti ama se…

1. Ti viene a salutare quando apri la porta.

Il miagolio di benvenuto, la coda eretta, trotta felice verso di te… se non è un gatto felice, non sappiamo cos’altro potrebbe essere! Alcuni gatti hanno anche sviluppato la capacità sconcertante di predire il vostro arrivo mettendosi seduti accanto alla porta o alla finestra anche se non ci sono indizi del vostro arrivo in strada. Se volete potete verificare le doti psichiche con l’aiuto di un altro umano in casa…

2. Ama farsi carezzare.

Anche se ci sono alcuni gatti che amano farsi accarezzare da tutti, molti altro non amano affatto farsi toccare. Se il vostro gatto rifugge le attenzioni di amici troppo amichevoli oppure li scoraggia tirando fuori un artiglio o due mentre si lascia tranquillamente coccolare da voi, allora è sicuramente amore.

3. Vi pulisce.

Magari non apprezzate farvi leccare con la loro lingua che sembra carta vetrata ma ciononostante è indice di affetto. Significa che vi considera come uno di famiglia, un genitore.

4. Vi guarda.

Se il gatto vi guarda dritto negli occhi senza distogliere lo sguardo significa che in vostra presenza si rilassa completamente. Un lungo e lento battere di ciglia è un buon segno anche lui. Di solito i gatti interpretano uno sguardo fisso come un segnale di sfida e guarderanno da un’altra parte (o se ne andranno). Se invece è sufficientemente rilassato da sostenere lo sguardo, dovete prenderlo come un complimento!

5. Si strofina.

I gatti si strofinano sia sugli umani che sui mobili senza discriminazioni. Però strofinarsi su di voi mostrando il posteriore non è solo una richiesta di cibo ma una dimostrazione di affetto!

6. Vi porta dei regali.

Va bene, forse non è una delle dimostrazioni d’affetto più apprezzate ma il ‘dono’ di un roditore – morto, quasi morto o decisamente vivo – è un segno che a casa si sente al sicuro secondo il parere degli esperti. C’è anche una scuola di pensiero che lo vede come affetto, o una sorta di. E’ qualcosa che farebbe una mamma con i suoi gattini per insegnar loro a predare.

7. Miagola molto.

Si ritiene che i gatti utilizzino uno speciale ‘miagolio’ per gli umani. Se il vostro gatto miagola, gorgoglia e vocalizza molto in vostra presenza vi sta comunicando che vi ama.

8. Scodinzola.

Quando viene verso di voi con la coda eretta e scuotendola leggermente, vi fa sapere che è felice di vedervi. A volte è perché ha fame ma spesso è semplicemente per affetto.

9. Si addormenta su di voi.

I gatti sono sempre diffidenti e devono sentirsi super-sicuri quando scelgono un posto dove appisolarsi. Se vi scelgono come letto, prendetelo come segnale di fiducia assoluta e contentezza.

10. Vi mette il sedere davanti alla faccia.

I gatti hanno delle ghiandole posizionate sul sedere, una sorta di identificativo. Se vi mostrano il didietro significa che siete amici. Non sentitevi in dovere di ricambiare…

11. Mostra il ventre.

Un gatto che si rotola sulla pancia e vi invita a grattarla significa che vi considera un compagno e qualcuno con cui giocare. Questo non significa che non userà le unghie durante il gioco successivo, quindi fate attenzione!

12. Purrrrrrrrrs!

I gatti fanno le fusa esclusivamente per i loro gattini e per i loro compagni umani. Nessun altro.

13. Mordicchia delicatamente.

Il mordicchiare delicato è molto diverso da un morso aggressivo. Alcuni gatti usano un saluto orale per creare un legame con i loro amici umani. Alcuni proprietari però scoraggiano questo atteggiamento perchè anche se si tratta di mordicchiamenti delicati, se il gatto si lascia trasportare dall’entusiasmo potrebbe far male.

14. Vi segue dappresso.

Anche se non è ora di mangiare ma vi segue lo stesso, è un segno di puro affetto. Il gatto vuole semplicemente stare con voi. Alcuni vi aspettano fuori casa e altri vi seguono fino a letto. Una volta presa l’abitudine sarà difficile fargliela perdere!

15. Fa la pasta.

Se vi desidera, potrebbe anche iniziare a fare la pasta… Si ritiene che sia un comportamento che origina dai gattini che zampettano per stimolare la mamma a produrre latte. Se lo fa con voi, prendetelo come segno di affetto per creare un legame di fiducia. Amore in altre parole!

No comments yet - Leave a comment

This entry was posted in Gatti